Tisana al rosmarino: benefici, come farla a casa e 5 abbinamenti da provare

La tisana al rosmarino è una bevanda sana e facile da preparare. Vediamo a cosa fa bene e come farla a casa partendo dal rosmarino fresco e da quello secco.

Il rosmarino è una pianta aromatica molto diffusa nell’area del Mediterraneo e viene utilizzata da tempo come ingrediente di cucina e in diverse preparazioni erboristiche. Oltre ad essere molto saporito e aromatico, il rosmarino fa bene alla salute poiché è ricco di flavonoidi, tannini e acido rosmarinico, tutte sostanze con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Tazza di tisana al rosmarino

Tra le varie modalità di utilizzo, si presta bene anche alla preparazione di gustose tisane ricche di proprietà benefiche per la salute, in particolare per le sue proprietà digestive, sgonfianti e depurative per il fegato. Per approfondire più nel dettaglio tutti i benefici di questa erba aromatica, vi consigliamo di leggere: Rosmarino: proprietà nutrizionali, benefici, uso e controindicazioni.

I benefici della tisana al rosmarino

Il rilascio di diversi componenti bioattivi in acqua bollente consente di beneficiare di molteplici proprietà curative attribuite alle erbe aromatiche. A tal proposito, può essere molto utile e gradevole consumare un infuso di rosmarino, così come un decotto di rosmarino, oppure delle tisane che abbiano proprio questa erba aromatica come costituente principale.

Tra i principali benefici della tisana al rosmarino c’è sicuramente quella di migliorare la digestione, ridurre il gonfiore addominale, depurare il fegato e favorire il benessere intestinale nel suo complesso. Bere questo infuso dopo un pasto abbondante, quindi, permetterà di digerire meglio e sentirsi più leggeri.

Oltre a ciò, è possibile ricorrere alla tisana di rosmarino per il trattamento di emicranie e reumatismi, sfruttando il suo effetto antinfiammatorio; allo stesso modo, è possibile sfruttarne anche l’effetto antiossidante e antimicrobico, utile ad esempio per contrastare raffreddore e mal di gola. Sul lungo periodo, è possibile beneficiare degli effetti positivi esercitati dal rosmarino sui livelli ematici di glucosio e colesterolo.

Bere un infuso di rosmarino è utile anche in caso di stanchezza fisica poiché svolge un’azione energizzante e aiuta a ridurre ansia e stress. Infine, contenendo tannini, la tisana al rosmarino vanta proprietà astringenti utili in caso di diarrea o ciclo mestruale abbondante.



Tisana al rosmarino: come farla a casa

La tisana al rosmarino può essere preparata partendo da foglie fresche o essiccate ed il procedimento è molto simile, prevedendo un breve periodo di decozione e di infusione. Vediamo quindi come fare a casa un infuso a partire da foglie e rametti di rosmarino.

✓ Come preparare la tisana al rosmarino con rosmarino fresco

La preparazione della tisana con foglie di rosmarino segue, in genere, una ricetta molto semplice e veloce. Innanzitutto è necessario raccogliere alcune foglie di rosmarino fresco e lavarle accuratamente. Per una persona è sufficiente un cucchiaio di aghi di rosmarino fresco o 1 rametto della pianta, da inserire direttamente nella preparazione. Vediamo in dettaglio come procedere:

  • Come prima cosa si porta ad ebollizione un pentolino con circa 200-250 ml di acqua per ogni persona (circa una tazza);
  • Una volta raggiunto il bollore, si inseriscono le foglie di rosmarino e si lascia bollire per circa 5 minuti;
  • Si spegne il fuoco e si copre il pentolino con un coperchio, quindi si lascia in infusione altri 10 minuti;
  • A questo punto è possibile filtrare e bere l’infuso caldo o freddo.

Se lo gradite, una volta raffreddato, potete aggiungere alcune gocce di limone all’infuso.

✓ Tisana con rosmarino secco

La tisana al rosmarino può anche essere preparata con foglie secche. In questo caso, è possibile acquistare il rosmarino secco in erboristeria o prepararlo in casa, seguendo poi la ricetta vista sopra. I quantitativi per una tazza sono di circa 2 cucchiaini di foglie essiccate per ogni 250 ml di acqua. Anche in questo caso, è possibile aggiungere un po’ di miele o succo di limone per rendere la tisana ancora più gustosa.

✓ Infuso freddo di rosmarino

Una buona alternativa alla tisana è l’infuso freddo di rosmarino (o acqua aromatizzata al rosmarino), un modo alternativo e gustoso per assumere liquidi e idratarsi durante la giornata. La preparazione è molto semplice ed è sufficiente mettere a macerare in acqua tiepida (a temperatura ambiente) un paio di cucchiai di foglie di rosmarino per ogni 500 ml di acqua e lasciare a bagno per almeno 4-6 ore o, ancora meglio, una notte intera prima di filtrare e bere durante la giornata. L’acqua di rosmarino così ottenuta, oltre ad essere molto buona avrà anche effetti digestivi ed energizzanti.

Se volete sperimentare nuovi sapori, potete aggiungere al rosmarino anche altre piante, come ad esempio salvia, alloro, zenzero fresco o timo. Per ulteriori ricette vi consigliamo di leggere: 5 acque aromatizzate con effetto drenante.

Quando bere la tisana al rosmarino

In linea generale non c’è un momento migliore di un altro per bere la tisana al rosmarino e può essere bevuta in qualsiasi momento della giornata. Tuttavia, ci sono alcuni momenti in cui può essere particolarmente utile. Ad esempio, se bevuta dopo i pasti aiuterà a digerire meglio, se bevuta al mattino darà una sferzata di energia oppure, in caso di mal di testa, possiamo assumerla all’occorrenza, eventualmente abbinata ad altre piante antinfiammatorie come zenzero, salice o curcuma.

La tisana al rosmarino può anche essere bevuta prima di un esame o di un’attività che richiede concentrazione poiché, come abbiamo visto, può aiutare a migliorare la memoria e la concentrazione. Infine, l’infuso può essere bevuto durante l’arco della giornata come una semplice bevanda rinfrescante e benefica per la salute.

Infuso di rosmarino sui capelli

Il rosmarino è noto anche per i suoi effetti benefici sui capelli in quanto li rinforza e ne favorisce la ricrescita. Un modo per utilizzarlo è quello di applicare sui capelli un infuso preparato in casa. A tale scopo, quindi, è necessario innanzitutto preparare una tisana seguendo una delle modalità viste sopra, poi, una volta raffreddato l’infuso, è necessario frizionarlo sui capelli o fare risciacqui post-shampoo con un leggero massaggio sulla cute.

Se avete a disposizione un contenitore spray vuoto, potete inserirvi l’infuso al rosmarino e applicarlo in modo più omogeneo sui capelli, anche sulle lunghezze. Se conservato correttamente, l’infuso può durare anche per alcuni giorni.

Applicare questo rimedio casalingo almeno una volta a settimana aiuterà a migliorare la salute dei vostri capelli. Se volete sperimentare ulteriori combinazioni, possiamo aggiungere anche altri princìpi attivi. Ad esempio, per ottenere anche un effetto anti-forfora, possiamo aggiungere due o tre gocce di olio essenziale di tea tree. Potete anche aggiungere anche un po’ di aceto di mele, così da ottenere una lozione rinforzante e lucidante sui capelli.

Tisana al rosmarino: 5 varianti da provare

Oltre alla versione classica ottenuta con acqua e rosmarino, è possibile ricavare delle varianti della tisana aggiungendovi altri costituenti botanici. Vediamo di seguito 5 proposte di tisane con rosmarino abbinato ad altre piante che lavorano in sinergia tra loro.

1 Tisana sgonfiante con rosmarino e finocchio

Una possibile variante della tisana prevede l’aggiunta di una manciata di semi di finocchio, i quali resteranno in infusione insieme al rosmarino ma non andranno bolliti. I semi di finocchio conferiranno alla tisana un effetto carminativo.

Il procedimento per questa variante è molto semplice: si porta ad ebollizione un pentolino di acqua, quindi si aggiungono le foglie di rosmarino e si lascia bollire alcuni minuti; una volta spento il fuoco si aggiunge un cucchiaino di semi di finocchio e si lascia in infusione per 8-10 minuti prima di filtrare e bere ancora caldo.

2 Tisana antinfiammatoria con rosmarino, alloro e zenzero

Una ulteriore variante della tisana al rosmarino prevede l’aggiunta di alcune foglie di alloro e di un pezzetto zenzero fresco, il quale deve essere sbucciato e sminuzzato, per poi essere posto in ebollizione. L’aggiunta dello zenzero e dell’alloro potenzierà le proprietà antinfiammatorie della tisana.

La preparazione, in questo caso, prevede l’ebollizione per 4 o 5 minuti di tutti gli ingredienti insieme, a cui seguirà un periodo di 6 o 7 minuti di infusione a fuoco spento. Successivamente si filtra e si beve il decotto.

Se vi interessa sapere come usare l’alloro nelle tisane vi consigliamo di leggere: Tisana di alloro: benefici, ricetta base e 5 varianti.

3 Tisana rilassante con rosmarino, camomilla e melissa

Il rosmarino, se combinato con le erbe giuste, può essere sfruttato anche per preparare tisane rilassanti e antistress. In questa versione verranno aggiunte anche camomilla e melissa, entrambe piante notoriamente calmanti. Per fare questo infuso si procede nel seguente modo:

  • Portare ad ebollizione un pentolino con 250 ml di acqua;
  • Far bollire per 2 o 3 minuti un cucchiaino di foglie di rosmarino;
  • Spegnere il fuoco e aggiungere un cucchiaino di melissa e uno di camomilla;
  • Lasciare in infusione 8-10 minuti, quindi filtrare e bere.

4 Tisana depurativa con rosmarino

Il rosmarino può avere effetti benefici anche sul fegato e sui livelli di colesterolo ematico. Per utilizzarlo a tale scopo, è utile preparare tisane a base di rosmarino e altre piante depurative, come bardana, cardo mariano e cicoria.

Per la preparazione di questo infuso è necessario: un cucchiaino di foglie di rosmarino (fresche o secche), mezzo cucchiaino di cicoria essiccata, mezzo cucchiaino di bardana e uno di cardo mariano. Infine, aggiungeremo 4 o 5 foglie di menta per migliorare il sapore, che sarà un po’ amarognolo.

Il procedimento è simile a quanto già visto sopra. Innanzitutto si porta ad ebollizione una tazza di acqua, quindi si inseriscono tutti gli ingredienti (ad esclusione della menta) e si lascia bollire per 4 o 5 minuti, si spegne il fuoco e si lascia in infusione altri 7-8 minuti, aggiungendo anche le foglie di menta. Trascorso questo tempo si filtra e si beve. Se il sapore risultasse troppo amaro è possibile dolcificare a piacere con miele o altri dolcificanti.

Bere tutti i giorni, per almeno 20 giorni, 1 o 2 tazze di questa tisana contribuirà a depurare il fegato e di conseguenza a normalizzare i livelli di colesterolo ematico. Si consiglia di assumere la tisana al mattino a stomaco vuoto o comunque lontano dai pasti.

5 Tisana tonica con rosmarino, chiodi di garofano e menta

Questa preparazione sfrutta le proprietà ricostituenti di rosmarino e menta e gli effetti antinfiammatori dei chiodi di garofano, rilevandosi utile in caso di stanchezza o convalescenza. Per ogni tazza di acqua andremo ad usare un cucchiaino di aghi di rosmarino, 3 chiodi di garofano e 5 o 6 foglie di menta fresca o secca.

Una volta portata a bollore l’acqua, si inseriscono i chiodi di garofano e le foglie di rosmarino, quindi si lascia bollire per 3 o 4 minuti, prima di spegnere il fuoco e lasciare in infusione altri 10 minuti circa. Durante il periodo di infusione aggiungiamo anche le foglie di menta. Trascorso questo tempo si filtra e si beve caldo o freddo. Se volete potenziarne l’effetto energizzante, potete aggiungere in fase di ebollizione anche un po’ di eleuterococco e/o di rodiola rosea, entrambe piante adattogene ed energizzanti.

Viversano.net

VIVERSANO.net è il sito di riferimento per la sana alimentazione, i rimedi naturali per essere sempre in forma e in salute e la cosmesi naturale. Siamo online dal 2012 con la missione di creare una risorsa utile ed affidabile per promuovere uno stile di vita più sano e naturale.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio