Home Benessere Prodotti erboristici Foglie di ulivo, antiossidanti e utili contro il colesterolo alto: proprietà e...

Foglie di ulivo, antiossidanti e utili contro il colesterolo alto: proprietà e come usarle

Ultima modifica:28 Giugno 2022

0

Le foglie di ulivo sono conosciute per le loro proprietà antiossidanti e utili contro il colesterolo alto, ma non solo: vediamo di cosa si tratta e come trarne beneficio.

Le foglie di ulivo (olivo) derivano dalla pianta di Olea europea, un albero diffuso nel nostro Paese e particolarmente longevo, nonché amante dei climi caldi e soleggiati. Si tratta di una pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle Oleaceae e nativa dell’Asia Minore, sebbene cresca in tutta l’area mediterranea. L’ulivo è l’albero produttore delle olive, i frutti dai quali viene ricavato l’olio extravergine di oliva. Quest’ultimo si colloca tra i protagonisti indiscussi della dieta mediterranea.

Foglie di ulivo e olive in primo piano

Sebbene le olive e il suo olio siano i prodotti più conosciuti ed utilizzati di questo albero, non tutti sanno che anche le foglie racchiudono diverse potenzialità e si possono usare in erboristeria per diversi scopi: fresche o essiccate, esse vantano antiche applicazioni medicinali, oggi indagate anche a livello sperimentale. Nei paragrafi seguenti, verranno descritte le proprietà delle foglie di ulivo, nonché la preparazione e i benefici del relativo infuso. Vedremo, inoltre, come e quando ricorrere ad alcune preparazioni, dove reperire le foglie e quali controindicazioni si associano al loro utilizzo.

Foglie di ulivo: le proprietà benefiche

L’estratto di foglie di ulivo si caratterizza per la rilevante presenza di composti fenolici. Tra questi, spiccano l’oleuropeina, che è il componente più abbondante, e il verbascoside, ma anche l’idrossitirosolo, i flavoni e i flavonoli. Ai componenti bioattivi appena accennati vengono attribuite alcune proprietà benefiche per la salute umana. Si evidenziano, nello specifico, proprietà antiossidanti e antipertensive, ma anche proprietà ipoglicemizzanti, ipolipemizzanti e cardioprotettive. Non mancano effetti benefici sulla perdita del peso in eccesso, effetti antinfiammatori e potenzialità antimicrobiche [1,2,3,4,5]. Dunque, consideriamo tali proprietà più nel dettaglio.

✓ Proprietà antiossidanti

Il danno ossidativo che si correla all’eccesso di radicali liberi rappresenta un aspetto di grande interesse, poiché si associa a svariate patologie croniche: da qui la ricerca di agenti antiossidanti naturali. In tale contesto rientrano quindi le foglie di ulivo che, grazie alle loro proprietà antiossidanti, svolgono attività neutralizzanti sulle specie chimiche reattive, per lo più derivanti da un’azione sinergica dei componenti fenolici.

✓ Proprietà antipertensive

L’attività benefica sulla pressione arteriosa è stata suggerita da alcuni studi, condotti sia su animali da laboratorio che sull’uomo. In quest’ultimo caso, il trattamento continuativo con estratti di foglie di ulivo, nella dose giornaliera di 1000 mg (per 8 settimane), ha mostrato effetti attenuanti sulla pressione arteriosa sistolica e diastolica. La proprietà in questione è stata attribuita all’oleuropeina. Se siete interessati ad approfondire l’argomento vi invitiamo a leggere: Come abbassare la pressione alta: consigli e rimedi efficaci.

✓ Proprietà ipoglicemizzanti

Esperimenti effettuati su topi diabetici hanno evidenziato le proprietà benefiche degli estratti di ulivo sui livelli di glicemia. A tal proposito, gli estratti fogliari e, in particolare, i componenti oleuropeina e idrossitirosolo, sono riusciti ad abbassare i livelli di glucosio ematico a tutte le concentrazioni testate. Le proprietà ipoglicemizzanti dell’oleuropeina vengono in parte attribuiti ai suoi effetti antiossidanti.

✓ Proprietà ipolipemizzanti e antiobesità

L’apporto dei componenti fenolici, presenti tanto nelle foglie di ulivo quanto nell’olio d’oliva, vengono associati alla minore incidenza delle malattie cardiovascolari. Sulla base di alcune osservazioni sull’uomo, gli estratti di ulivo possono agire sul profilo lipidico, abbassando i livelli di colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi. Altre indagini condotte su animali da laboratorio suggeriscono effetti positivi anche per i livelli di colesterolo HDL.

Interessanti, inoltre, gli effetti benefici sul controllo del peso corporeo. In particolare, sembra che l’oleuropeina possa modulare le vie implicate nel metabolismo energetico e nell’accumulo del tessuto adiposo.

✓ Proprietà antinfiammatorie e anti-artritiche

Gli effetti benefici degli estratti fogliari sembrano espletarsi anche sulle condizioni dolorose. Sulla base di esperimenti in vivo, i componenti bioattivi delle foglie di ulivo possono agire sul dolore articolare, sulle condizioni dolorose di natura traumatica e sui sintomi della colite cronica, riducendo i livelli dei mediatori (citochine) pro-infiammatori. In aggiunta, sembra che l’oleuropeina possa contrastare l’accumulo di acido urico inibendo l’enzima xantina ossidasi: ciò si renderebbe utile nel trattamento della gotta.

✓ Proprietà antimicrobiche

Tra i benefici dell’olivo e, in particolare, dei suoi estratti fogliari, risulta una spiccata attività antimicrobica, che sembra esplicarsi su diverse tipologie di microrganismi, come funghi e batteri. Sebbene l’oleuropeina sia la sostanza maggiormente implicata nelle potenzialità medicinali degli estratti, l’attività antimicrobica risulta significativa se derivante dalla sinergia di tutti i componenti fenolici. Per conoscere altri estratti vegetali con proprietà antibatteriche vi invitiamo a leggere: Antibiotici naturali: quali sono e perché aiutano.

Come si usano gli estratti di foglie di ulivo

In virtù delle loro proprietà benefiche, gli estratti di foglie di ulivo vengono impiegati nella produzione erboristica. Essi sono presenti in commercio nel formato di capsule o compresse, ma anche sotto forma di estratto idroalcolico (gocce). Ciascun prodotto avrà una posologia specifica, relativa a modalità, quantità e tempi di assunzione.

Oltre agli estratti, è possibile beneficiare delle proprietà delle foglie di ulivo anche a partire dalle foglie tal quali, solitamente utilizzate per la preparazione di infusi, tisane e decotti. È molto semplice reperire le foglie di ulivo in erboristeria, già essiccate e confezionate: in alcuni casi, le foglie vengono triturate e poste in commercio come polvere o filtri monodose. Quando possibile, le foglie possono essere raccolte dalla pianta e usate fresche, oppure lasciate essiccare prima dell’utilizzo.

Infuso di foglie di olivo: benefici e preparazione

Benefici dell’infuso con foglie di ulivo

I benefici delle foglie di ulivo vengono apprezzati ricorrendo alle formulazioni suddette (capsule, gocce, ecc.), sebbene la preparazione di un classico infuso rappresenti la modalità più gettonata. Alla tisana di foglie di ulivo vengono attribuiti gli effetti curativi descritti poco fa, per cui essa sembrerebbe agire sull’infiammazione e sul dolore, ma anche sul controllo glicemico, sulla pressione arteriosa e sui livelli di colesterolo. Secondo alcuni, le foglie di ulivo fanno bene a stomaco e tratto digerente in toto, prestandosi come rimedio anti-acido: l’infuso potrebbe dunque alleviare i sintomi di gastrite e reflusso.

Come preparare la tisana con foglie di ulivo

La preparazione dell’infuso con foglie di ulivo è decisamente semplice. Basta scaldare l’equivalente di una tazza d’acqua (circa 250 – 300 ml), spegnere il fuoco una volta raggiunto il punto di ebollizione e lasciarvi in infusione 5 – 10 g di foglie essiccate. Trascorsi 8/10 minuti, è possibile rimuovere le foglie e consumare l’infuso.

In alternativa alle foglie essiccate, è possibile utilizzare anche le foglie fresche, raddoppiandone le quantità. Come anticipato nel paragrafo precedente, è possibile realizzare gli infusi anche a partire dalle foglie triturate (polvere o filtri), seguendo dosi e modalità di ciascun prodotto.

Talvolta utilizzati come sinonimi, i termini “infuso” e “tisana” rappresentano, in realtà, due preparazioni diverse. La sottile differenza consiste più negli ingredienti che nella modalità di preparazione, che di fatto resta la stessa. A tal proposito, la tisana si compone di più erbe medicinali, affiancando all’ingrediente di base (in questo caso le foglie di ulivo) altri componenti botanici. Tra questi rientrano, ad esempio, la radice di liquirizia e le bacche di momordica, ma anche la gymnema, la verbena e la melissa. La composizione della tisana può dunque variare, vantando effetti sinergici o aggiuntivi.

Ancora diverso è il decotto di foglie di ulivo, che si prepara ponendo in ebollizione anche le foglie (quindi per l’infuso non è prevista ebollizione mentre per il decotto si). Talvolta, la fase di ebollizione richiede tempi più lunghi (es.: 15-20 minuti), ed è seguita da una fase di infusione a fuoco spento di circa 5 – 10 minuti. Sia per la tisana che per il decotto è possibile utilizzare sia le foglie secche che fresche, raddoppiandone, in quest’ultimo caso, le quantità. Sebbene sia preferibile non aggiungere lo zucchero o altre sostanze dolcificanti, è possibile “aggiustare” il sapore di ciascun preparato con poche gocce di stevia.

Quando assumere l’infuso

L’infuso può essere consumato più volte al giorno, ma è preferibile assumerlo in orario mattutino e a stomaco vuoto. Ad ogni modo, tale indicazione può variare a seconda delle finalità ricercate: per il trattamento dei disturbi gastrici, ad esempio, potrebbe essere utile assumerlo dopo un pasto importante, mentre per il trattamento dell’ipercolesterolemia potrebbe essere vantaggioso assumerlo di sera, prima di coricarsi. Il periodo di assunzione può andare da alcune settimane a pochi mesi, a seconda del soggetto e della finalità curative.

Controindicazioni e interazioni delle foglie di ulivo

Sia per gli infusi (o tisane, o decotti) che per gli integratori a base di foglie di ulivo sono da tenere a mente alcune controindicazioni. In gravidanza e in allattamento, così come in caso di ipersensibilità verso uno o più componenti della pianta, il loro utilizzo è infatti sconsigliato.

Le terapie farmacologiche finalizzate al controllo della pressione arteriosa e al controllo glicemico potrebbero essere incompatibili con l’assunzione dei prodotti in questione, che risultano quindi sconsigliati. Come già riportato in relazione alle tisane, gli estratti di foglie di ulivo potrebbero potenziare gli effetti di altri estratti botanici, come, a titolo di esempio, gli effetti ipoglicemizzanti della momordica e della gymnema.

In caso di patologie, anche pregresse, trattamenti farmacologici e quant’altro, è buona norma ricorrere al parere del medico prima di procedere all’utilizzo delle foglie d’ulivo (sia sotto forma di integratori che di infuso/tisana/decotto).

Dove trovare le foglie di ulivo

I prodotti ricavati a partire dalle foglie di ulivo sono facilmente acquistabili presso farmacie, parafarmacie ed erboristerie fisiche, sebbene siano reperibili anche attraverso il web. Oltre che nelle erboristerie e presso i negozi “bio”, le foglie essiccate di ulivo possono essere raccolte direttamente dalla pianta, purché non sottoposta, in precedenza, a trattamenti chimici di alcun tipo.

Hai letto: Foglie di ulivo, antiossidanti e utili contro il colesterolo alto: proprietà e come usarle

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome