Cannella, spezia ricca di gusto e benefici: ecco tutte le proprietà e come usarla

La cannella, oltre a prestarsi a diversi usi in cucina, offre anche molti benefici per la nostra salute. Scopriamo allora tutte le proprietà della cannella e le sue controindicazioni.

Conosciuta fin dall’antichità, la cannella è stata inizialmente apprezzata soprattutto per le sue doti antisettiche, negli ultimi anni però diverse ricerche hanno confermato una serie di altri interessanti benefici che questa spezia apporta al nostro organismo.

Cannella in polvere o in stecche sopra un tavolo

La cannella si ottiene dalla corteccia interna dell’albero di Cinnamomum verum che viene tagliata e lavorata per l’estrazione della spezia. Una volta asciugata, questa corteccia forma delle strisce che si arricciano in rotoli, noti come bastoncini di cannella. Questi bastoncini possono essere anche macinati per formare la polvere di cannella o utilizzati per estrarre l’olio essenziale di cannella.

Ognuna di queste forme, si presta a differenti utilizzi: la polvere è perfetta per aromatizzare piatti salati o dolci, i bastoncini sono ideali per preparare gli infusi alla cannella mentre l’olio essenziale è ottimo da diffondere in casa o da utilizzare come rimedio naturale in alcune situazioni. L’odore e il sapore distinto della cannella sono dovuti alla parte oleosa molto ricca di composti aromatici, responsabili anche della gran parte dei benefici di questa spezia.

Le varietà di cannella più diffuse

Esistono principalmente quattro tipi di cannella:

  • Cannella vera o cannella di Ceylon (Cinnamomum verum)
  • Cannella indonesiana (Cinnamomum burmanni)
  • Cannella vietnamita (Cinnamomum loureiroi)
  • Cannella cassia o cannella cinese (Cinnamomum aromaticum).

La varietà più comune e utilizzata in cucina è la cannella cassia, mentre quella considerata più pregiata è la cannella di ceylon, chiamata anche “cannella vera”. Quest’ultima ha una corteccia più mordiba di colore più chiaro ed è arrotolata su più strati, mentre gli altri tipi di cannella sono più scuri, duri e sono generalmente arrotolati in un solo strato. Anche se più costosa delle altre, la cannella di Ceylon è preferita anche per i suoi bassissimi livelli di cumarina e per il gusto delicato e aromatico [1].

Cannella: calorie e valori nutrizionali

Dal punto di vista nutrizionale la cannella contiene diversi componenti tra cui minerali, vitamine e composti antiossidanti. Tra i minerali sono degni di nota i quantitativi di calcio, seguiti da potassio e ferro, tra le vitamine troviamo piccole quantità di vitamina C e alcune vitamine del gruppo B, mentre tra gli antiossidanti troviamo polifenoli, beta-carotene e, soprattutto, la cinnamaldeide, una molecola responsabile di gran parte dei benefici della cannella.

Le calorie della cannella sono trascurabili, visto il quantitativo esiguo che viene fatto di questa spezia. Volendo però indicare un apporto energetico, un cucchiaino di cannella in polvere (circa 2 grammi) apporta circa 6 kcal. Per maggior chiarezza riportiamo i valori nutrizionali riferiti ad un cucchiaino da 2 grammi di cannella.

Valori nutrizionali per 2g di cannella in polvere:
Acqua 0,2 gr
kcal 6
Proteine 0,1 g
Grassi 0,1 g
Carboidrati 1,1 g
Fibre 0,5 g
Calcio 25 mg
Ferro 0,8 mg
Potassio 10 mg
Fosforo 1 mg
Zinco 0,04 mg
Vitamina C 1 mg
Vitamina B3 0,03 mg
Vitamina B6 0,01 mg
Beta-carotene 3 ug
Colesterolo 0 g
(fonte: Bda-Ieo)

Cannella: proprietà e benefici

La cannella è una spezia ricca di proprietà e il suo utilizzo regolare può portare alcuni vantaggi per la salute. Vediamo ora in dettaglio tutte le proprietà della cannella.

✓ Antiossidante

La cannella è ricca di composti antiossidanti, tra cui i polifenoli e aiuta a contrastare i danni provocati dai radicali liberi e lo stress ossidativo, una condizione che può porsi alla base di diverse problematiche di natura infiammatoria [2]. Il potere antiossidante della cannella, inoltre, è così forte che viene utilizzata anche per conservare i cibi più a lungo e prevenirne l’ossidazione.

✓ Utile contro la glicemia alta

Tra i più interessanti benefici della cannella vi è sicuramente il suo effetto sull’equilibrio della glicemia. Essa è infatti in grado di regolare gli zuccheri nel sangue e si configura quindi tra i rimedi naturali maggiormente indicati in caso di diabete tipo 2 o per la prevenzione di questa malattia. Inoltre, è in grado di ridurre la resistenza all’insulina, contribuendo ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue [3].

Per maggiori approfondimenti, vi invitiamo a leggere: Cannella e diabete: i benefici e le evidenze scientifiche

✓ Utile per la salute cardiovascolare

La polvere di cannella, così come la corteccia intera, è ricca di principi attivi in grado di ridurre i trigliceridi e il colesterolo totale [4]. Il suo forte potere antiossidante, poi, contribuisce a prevenire l’ossidazione del colesterolo ldl nelle arterie, fenomeno alla base della formazione di placche aterosclerotiche. Questi benefici sembrano essere particolarmente evidenti nelle persone con sindrome metabolica. Uno studio, infatti, ha evidenziato come l’assunzione di 1,5 gr di cannella al giorno porti ad una riduzione dei valori di colesterolo totale, colesterolo ldl e glicemia nei soggetti con sindrome metabolica [5]. Questa spezia, inoltre, sembra favorire l’abbassamento della pressione grazie ad un effetto vasorilassante.

✓ Antibatterica

Le proprietà della cannella non si esauriscono qui: alcune ricerche hanno mostrato infatti le proprietà antibatteriche di questa spezia, che si comporta a tutti gli effetti come un antibiotico naturale e che è attiva anche nei confronti dei funghi (Candida compresa) e dei batteri Listeria e Salmonella. Alla base di questa proprietà sembra esserci la cinnamaldeide, uno dei principali componenti attivi della cannella [6,7].

✓ Proprietà antivirali

Oltre ad avere proprietà antibatteriche, questa spezia ha proprietà antivirali e può aiutare a proteggere dall’infezione di alcuni virus. A tal proposito, secondo la medicina tradizionale cinese, la cannella è utile a combattere raffreddore e virus intestinali.

✓ Effetti antinfiammatori e antidolorifici

La cannella ha doti antinfiammatorie e antidolorifiche e c’è chi la utilizza con successo nei confronti dei crampi e fastidi dovuti alla sindrome premestruale ma anche in caso di dolori dovuti all’artrite. Inoltre può aiutare quando si è affetti da mal di gola ed influenza.

✓ Favorisce la digestione

L’uso della cannella è ottimo per mantenere in buona salute l’apparato gastrointestinale. Questa spezia, infatti, migliora la digestione, sostiene l’intestino e aiuta a contrastare la nausea. A tale scopo, quindi, può essere utilizzata sotto forma di tisana da bere dopo un pasto o può essere aggiunta direttamente nelle nostre ricette preferite.

✓ Stimola il metabolismo

La cannella viene particolarmente apprezzata per le sue doti brucia grassi (riduce infatti l’assorbimento dei lipidi) oltre che per il fatto di aumentare il senso di sazietà. Queste proprietà la vedono naturalmente alleata nella perdita di peso associata ovviamente ad un’alimentazione equilibrata, a corrette porzioni e combinazioni alimentari e alla giusta dose di attività fisica. Per approfondire ulteriormente questo aspetto vi invitiamo a leggere: Cannella per dimagrire: ecco le proprietà dimagranti della cannella

✓ Migliora la concentrazione e le funzioni cognitive

Un altro importante beneficio della cannella è quello di migliorare memoria e funzioni cognitive. Sebbene siano necessari ulteriori studi a riguardo, sembra che questa proprietà sia dovuta ad alcune sostanze fitochimiche in grado di aumentare la capacità del cervello di utilizzare il glucosio. Può, inoltre, essere di supporto nella prevenzione di malattie neurodegenerative [8,9].

Scarica: Le proprietà della Cannella

Quanta cannella consumare al giorno

La cannella è una spezia e, come tale, va usata in quantità modeste. Generalmente si consiglia di non superare i 3 o 4 grammi di cannella al giorno, pari a circa un cucchiaino abbondante. Un consumo eccessivo potrebbe portare ad alcune conseguenze, fra cui problematiche al fegato dovute ad una sovraesposizione alla cumarina, una componente presente nella spezia.

Come usare la cannella in cucina

La cannella in polvere o la corteccia si prestano a diversi usi in cucina. Una piccola quantità di questa spezia si può utilizzare per dare un sapore inconfondibile ai cibi e si sposa bene soprattutto con biscotti e dolci come torta di mele o il classico strudel di cui è ingrediente fondamentale.

Una spruzzatina di cannella in polvere renderà più particolare e gustosa anche una cioccolata calda, delle mele cotte, frullati, centrifughe o pancake ma si rivelerà ottima anche per aromatizzare tè o caffè. La cannella in stecche, invece, si usa lasciandola sobbollire con altri ingredienti per dare sapore alle ricette; una volta terminata la cottura la si toglie. In questo modo può essere usata anche più volte.

Come ricette salate, invece, un piatto tipico a base di cannella è il riso speziato o alcuni curry. Se volete sperimentare il risotto speziato potete aggiungere al classico soffritto a base di aglio e cipolla, un bastoncino di cannella, un cucchiaino di pepe e uno di semi di cumino, procedendo poi alla preparazione del risotto come di consueto.

I vantaggi dell’uso della cannella in cucina sono molteplici: disinfetta le pietanze, le aiuta ad essere più digeribili, contribuisce ad aumentare il senso di sazietà e, ovviamente, dona un sapore inconfondibile. Infine, la cannella può essere utilizzata per preparare buonissime tisane. Per saperne di più potete leggere il nostro articolo: Tisana alla cannella: 5 ricette fai da te.

Cannella come rimedio naturale

La cannella è un rimedio naturale ottimo per tenere a bada gli zuccheri nel sangue ma perfetto anche per contrastare il mal di gola e il raffreddore oltre che per favorire la digestione. Un consumo alimentare costante ma moderato permette di ottenere diversi benefici, la dose generalmente consigliata è quella di un cucchiaino da utilizzare nel corso della giornata attraverso cibi o bevande.

In caso di diabete chiedete consiglio al vostro medico su come utilizzare al meglio le potenzialità dell’albero di cannella nei confronti dell’equilibrio glicemico.

Da provare assolutamente la tisana alla cannella che si prepara utilizzando i bastoncini di corteccia o in alternativa la cannella spezia in polvere. Basta far bollire una tazza d’acqua e poi spezzettare il bastoncino di cannella lasciandolo in infusione per circa 10/15 minuti prima di filtrare e bere. Per renderla più ricca e gustosa si possono aggiungere fettine d’arancia e miele. La tisana di cannella è utile per favorire la digestione, calmare i crampi addominali, ridurre il gonfiore, combattere la stitichezza, eliminare un po’ il senso di fame e stimolare la circolazione sanguigna.

L’olio essenziale di cannella, invece, è ottimo per il suo effetto positivo sull’umore. Diffonderne un po’ negli ambienti (1 goccia per ogni metro quadro) renderà l’atmosfera più calda, accogliente e avrà effetto energizzante. Questo olio essenziale, che si ricava dalla corteccia dell’albero di cannella, è poi anche leggermente afrodisiaco. Si può utilizzare anche come rimedio naturale per favorire le digestione effettuando un massaggio sull’addome (basta una goccia di olio essenziale per un cucchiaio di olio vettore come quello di mandorle dolci). Muovere le mani lentamente e in senso orario, respirando profondamente.

Controindicazioni della cannella

La cannella non presenta grosse controindicazioni a patto che si utilizzi a basse dosi (generalmente si consiglia non superare i 3 grammi al giorno). Con un sovradosaggio si rischiano problemi di allergie, irritazioni o problemi al fegato causati da un eccesso di cumarina, sostanza presente nella cannella. A tal proposito, ricordiamo che il livello ritenuto tollerabile di cumarina è di 0,1 mg per kg di peso [10]. L’utilizzo di questa spezia, se non sporadico, è sconsigliato in caso di gravidanza, allattamento e di alcune patologie a carico di reni o fegato.

Se si utilizza l’olio essenziale puro sulla pelle, si possono verificare reazioni allergiche che portano a manifestazioni di orticaria. È bene tener presente che la cannella può interagire con farmaci (sono note interazioni con i FANS e con gli anticoagulanti), quindi accertatevi sempre di poter utilizzare la cannella con l’aiuto del vostro medico in caso assumiate farmaci. Tanti prodotti naturali, infatti, possono interagire con i medicinali.

Dove si compra la cannella

La cannella è una spezia facilmente reperibile nei supermercati, in erboristeria o nei negozi di alimenti biologici, anche online. Si trovano facilmente sia i bastoncini sia la cannella in polvere. Per l’olio essenziale, invece, è bene rivolgersi ad una erboristeria o un negozio di cosmetici bio. Per conservare la cannella più a lungo, si consiglia di riporla in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore e dalla luce diretta del sole.

Dove trovare la cannella intera o in polvere, prodotti selezionati da noi:

Abbiamo selezionato personalmente alcuni prodotti che rispecchiano alti standard di qualità, per aiutarvi nella scelta e nell’acquisto di cannella bio.

Cannella in polvere

Questa cannella proviene da agricoltura biologica ed ha un aroma delicato, indicato per i prodotti da forno, per la preparazione dei dolci, per il pane e come ingrediente negli infusi alla frutta.

Cannella Intera

Cannella intera proveniente da agricoltura biologica, indicata per la preparazione di infusi, vin brulè e dolci.

Cannella in Polvere

Ha un aroma secco e pungente, che ricorda quello dei chiodi di garofano con una nota pepata.

Alcuni articoli sono affiliati (ovvero se acquisti tramite il nostro link, noi riceviamo una piccola commissione).

Curiosità
In Europa la cannella è nota e diffusa fin da tempi antichi, ma per molti secoli il suo utilizzo era ristretto esclusivamente a scopi alimentari: essa veniva utilizzata per aromatizzare bevande, cibi e dolci. Anche in campo medico, in tempi più recenti, questa spezia era utilizzata principalmente per il suo aroma: era impiegata infatti per rendere meno sgradevole il gusto amaro di alcune erbe medicinali. Gli antichi erbari cinesi però la menzionavano già nel 2700 a.C. consigliandone l’uso in caso di febbre o diarrea.

Francesca Biagioli

Laureata in lettere moderne all’Università Roma 3. Redattrice e blogger e da sempre appassionata di benessere naturale, salute alternativa, sana alimentazione e yoga.

18 commenti

  1. Sono un cardiopatico con pressione alta e diabete tipo 2 e insufficienza renale a 4 stato, posso assumere la cannella? Grazie per la risposta.

    1. Gentile Antonio, la cannella è una preziosa spezia dal profumo e dal sapore pungente e al contempo dolce, dotata di proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Diversi studi hanno posto l’accento sulla sua capacità di ridurre i valori degli zuccheri ematici nei pazienti affetti da diabete di tipo 2, poiché agisce stimolando l’azione dell’insulina, ma saranno necessari numerosi altri approfondimenti in merito. Visto il suo quadro clinico più complesso, e considerando che sicuramente ricorrerà all’uso di diversi farmaci, le consiglio di chiedere il parere del suo medico curante e del nefrologo, per poi valutare, insieme, se nel suo caso specifico lei possa assumere la curcuma in piccole dosi.

  2. Salve, vorrei un consiglio, sono in chemioterapia per linfoma non Hodgkins, posso prendere cannella come cura alternativa?

    1. Ciao Rodica.
      Mi ha colpito la tua domanda, in quanto anche io ho avuto 10 anni fa un Linfoma Non Hodgkins al colon ascedente destro : ho fatto 6 cicli di chemio CHOP + Retuximab, poi intervento per togliere la parte maligna che naturalmente si era rimpicciolita con la chemio. Da allora sono in follow-up annuale e per ora tutto ok. Non so neanche io dove ho trovato le forze per affrontare il tutto (le auotiniezioni nella gambe!!), ma qualcuno questa forza me l’ha data o comunque la trovi nel momento del bisogno.

      Tu? Tutto bene, al momento? Risolto? Che iter hai dovuto “subire”.

      Parlamene, solo se ti va. Altrimenti prendi solo i miei “auguri”.
      Ciao

  3. Buongiorno
    mia mamma soffre di insufficienza renale adesso ha anche un leggero diabete vorrei sapere se può assumere la cannella senza che peggiori insufficienza renale o se si possono associare varie cose che facciano bene per tutti e due i problemi
    grazie

    1. Cara Mariarita, se sua madre è affetta da diabete può tranquillamente utilizzare la cannella dal momento che sembra che questa spezia possa avere effetti positivi sul controllo della glicemia. Riguardo l’insufficienza renale, non dovrebbero esserci controindicazioni, a patto però che non si eccedano le dosi consigliate. Faccia però attenzione ad eventuali farmaci che sua madre assume, perché la cannella può interferire con l’azione di farmaci come anticoagulanti o antinfiammatori.

    1. Salve, assolutamente si, non mi risulta che la cannella possa avere controindicazioni. Al contrario può risultare utile per evitare la spossatezza e agisce come un rilassante sul sistema nervoso.

    1. La cannella ha sempre i medesimi benefici, ma ovviamente in presenza di grandi quantità di zucchero, il rischio di sviluppare patologie legate all’iperglicemia persiste anche se si assume la cannella!

    1. Quella considerata più pregiata è la cannella di Ceylon. Io suggerisco, laddove possibile, di usare la cannella intera e con provenienza certificata: questo è importantissimo per tutte le spezie e le erbe aromatiche!

  4. ho letto quanto avete scritto sui benefici della cannella però non chiarite quanti quanti cucchiaini al giorno bisogna assumerne. Qualcuno al riguardo può darmi chiarimenti

  5. La uso insieme a zenzero, curcuma, pepe nero. Faccio un mix 100+100+100+20gr (cannella+curcuma+zenzero+pepe nero) tutti in polvere fine e poi inserisco il mix nelle capsule 00 quelle da 950mg con l’opercolatrice.
    Si mischiano prima curcuma e pepe nero, e poi a questi si uniscono gli altri.
    Ottimo come anti-infiammatorio e per l’artrite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio