Home Alimentazione Mangiare sano Olio d’oliva: proprietà e benefici

Olio d’oliva: proprietà e benefici

Ultima modifica: 27 luglio 2016

13532
8
CONDIVIDI
olio di oliva

Chi non conosce l’olio d’oliva? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Ma siamo proprio certi di essere bene informati su proprietà e benefici dell’olio d’oliva?

L’olio d’oliva: il miglior condimento in cucina

Sfatiamo subito un mito: non è vero che l’olio d’oliva è poco indicato per le fritture. Ultimamente si sente spesso dire che altri oli sono da preferire perché più digeribili; l’olio extravergine d’oliva, in realtà, è uno dei migliori per friggere perché, anche a temperature piuttosto alte, non si decompone e non dà origine a sostanze dannose per l’organismo, come fanno altri oli.

L’olio d’oliva, inoltre, è molto digeribile; saranno magari pesanti le pietanze su cui è aggiunto; l’acido oleico, abbondante nell’olio d’oliva, stimola la contrazione della cistifellea, favorendo la liberazione degli acidi biliari e, di conseguenza, la digestione.

Valori nutrizionali per 100g di olio di oliva:
Acqua0 g
kcal884
Proteine0 g
Grassi100 g
di cui saturi13,808 g
Carboidrati0 g
di cui zuccheri0 g
Vitamina E14,35 mg
Indice glicemico0
Colesterolo0 g
Acido Linoleico9,762 g
Acido Linolenico0,761 g

Proprietà dell’olio d’oliva: aiuta contro il colesterolo alto

L’olio d’oliva è molto ricco di acidi grassi monoinsaturi. 100 grammi di olio d’oliva contengono ben 72,95 grammi di acidi grassi monoinsaturi, più del doppio dell’olio di girasole.

Proprio in virtù della composizione in acidi grassi è uno dei condimenti più indicati per chi soffre di colesterolo alto. L’olio extravergine d’oliva, infatti, aiuta a tenete sotto controllo i livelli di colesterolo LDL (quello cattivo), senza incidere negativamente sulla quantità di colesterolo HDL (quello buono).

Proprietà dell’olio d’oliva: un concentrato di antiossidanti

L’olio extravergine d’oliva è ricchissimo di fenoli; sostanze antiossidanti che forniscono all’organismo una protezione contro i processi infiammatori e contro l’invecchiamento cellulare. Sono, quindi, utili nella prevenzione di tantissime malattie, per esempio diabete e tumori.

Proprietà dell’olio d’oliva: ottimo per i bambini

L’olio d’oliva è un alimento indispensabile nell’alimentazione dei bambini e andrebbe introdotto sin dalle primissime fasi dello svezzamento, cioè già intorno ai 6 mesi. L’olio extravergine d’oliva, infatti, contribuisce alla formazione delle ossa, al processo di mielinizzazione del cervello e all’accrescimento; è, inoltre, un ottimo aiuto per le difese immunitarie.

Proprietà dell’olio d’oliva: un aiuto per le ossa

L’olio extravergine d’oliva è molto ricco di vitamina E, un micronutriente che aiuta a preservare la salute delle ossa, proteggendole da osteoporosi e decalcificazione e, di conseguenza, dai disturbi che ne possono derivare, per esempio le fratture ossee.

Controindicazioni dell’olio d’oliva

L’olio d’oliva non presenta controindicazioni. Occorre solo fare attenzione a due fattori: la conservazione d’olio e la quantità che si consuma. L’olio d’oliva è molto calorico; non bisogna, quindi, esagerare con il consumo, specie quando si ha necessità di controllare il peso corporeo.

Va conservato bene e consumato entro 12/18 mesi dalla data di produzione. Come tutti gli oli, infatti, irrancidisce e un olio d’oliva rancido non è più commestibile.

L’olio extravergine d’oliva teme la luce e il calore; andrebbe, quindi, conservato in un ambiente fresco e al buio. Inoltre, si ossida facilmente all’aria e quindi non bisognerebbe mai rabboccare la bottiglia, né tenere le latte mezze vuote; se si acquistano latte da molti litri, occorrerebbe suddividere l’olio in tante bottiglie quanti sono i litri.

Curiosità
L’olio d’oliva è extravergine quando l’acidità non supera lo 0,8% ed è vergine quando l’acidità non supera il 2%. Se l’acidità è superiore al 2% siamo in presenza di olio lampante: quest’olio non è commestibile. Quando l’olio lampante viene raffinato, quando, cioè, in seguito a un processo chimico detto, appunto, raffinazione, tutti i difetti vengono “corretti” e i parametri riportati nei termini di legge, si ottiene un olio neutro che, miscelato con una certa percentuale di olio vergine o extravergine, dà luogo all’olio d’oliva.

Olio d’Oliva: consigli per l’acquisto e una buona lettura

Olio Extravergine d’Oliva Bio

Olio extravergine di oliva 100% italiano prodotto con olive coltivate nelle zone più vocate del Sud Italia. Si accompagna perfettamente a verdure crude e cotte, minestre e pesce grigliato.

Olio di Oliva: storia, miti e scienza

L’olio d’oliva è uno dei pochi alimenti rimasti pressochè inalterati da millenni e ci donano salute, bellezza e longevità.

Hai letto: Olio d’oliva: proprietà e benefici
Margherita Russo
Traduttrice, redattrice e blogger specializzata in contenuti per la medicina. Ha un blog, Apprendista mamma, in cui tratta vari temi legati alla maternità, con particolare attenzione a benessere di mamma e bambino. Scrive per portali e blog che si occupano di salute naturale e stile di vita sano.www.testimedici.com

8 COMMENTI

    • Buongiorno Alex, un olio con acidità libera superiore al 2% è definito olio di oliva vergine lampante e non può essere utilizzato per il consumo diretto ma dev’essere avviato ad un processo di rettifica che ne corregga l’acidità ed il gusto. Non è tossico, ma non possiede le stesse proprietà di un extravergine d’eccellenza.
      Dott.ssa Alessandra Esposito

  1. Io lo uso soprattutto sulla pasta. È un ottimo condimento soprattutto se si sa la provenienza. Io uso l’olio macinato fresco,il massimo.

LASCIA UN COMMENTO