Home Alimentazione Proprietà degli alimenti Olio di cocco extravergine, il grasso che fa bene alla salute!

Olio di cocco extravergine, il grasso che fa bene alla salute!

Ultima modifica:8 aprile 2019

76493
0

Se pensate che tutti i grassi siano dannosi per la nostra salute, probabilmente non conoscete le proprietà dell’olio di cocco! Lo sapevate che riduce l’appetito, vi fa bruciare più calorie e può aiutarvi a perdere peso?

Sempre più studi scientifici lo dimostrano: l’olio di cocco, un grasso vegetale estratto dalla polpa della noce di cocco, benché abbia, come il burro e l’olio di palma, un’elevata percentuale di acidi grassi saturi (circa l’82%) non è un grasso così dannoso, anzi possiamo considerarlo un alimento sano che ha importanti effetti benefici, se scelto di qualità e consumato nelle giuste dosi.

Olio di cocco ad uso alimentare: proprietà e benefici

Lo conoscono bene i Tokelauani, popolazione del Sud del Pacifico, che utilizzano il cocco come alimento predominante della propria dieta e che godono di ottima salute nonostante siano noti per essere i maggiori consumatori di grassi saturi del mondo!

Olio di cocco: calorie e nutrizionali

Qual è quindi il segreto dell’olio di cocco? La sua composizione! Contiene un particolare tipo di grasso, i trigliceridi a catena media, che il nostro organismo metabolizza in maniera diversa rispetto agli altri: infatti, questi grassi vengono inviati direttamente al fegato attraverso il tratto digestivo, dove vengono usati per ricavare energia o per essere trasformati in chetoni. Per quanto riguarda l’apporto calorico, l’olio di cocco sviluppa quasi 900 calorie ogni 100 grammi. Facciamo presente, tuttavia, che il consumo giornaliero consigliato è ben inferiore ai 100 grammi, pertanto, se inserito in un contesto di sana alimentazione, può essere introdotto quotidianamente nella misura di 1 o 2 cucchiai al giorno.

Valori nutrizionali per 100g di olio di cocco:
Acqua 0,03 g
kcal 892
Proteine 0 g
Grassi 99,06 g
di cui saturi 82,475 g
Carboidrati 0 g
di cui zuccheri 0 g
Fibre 0 g
Colesterolo 0 mg
Fitosteroli 86 mg
(fonte USDA)

Olio di cocco: proprietà e benefici

La sua particolare composizione, conferisce all’olio di cocco proprietà importanti, che vanno dallo stimolare il metabolismo fino al combattere virus e batteri. Inoltre può essere un’importante alleato nella cura del corpo avendo proprietà idratanti e di protezione.
Vediamo in dettaglio tutti i benefici dell’olio di cocco:

Aiuta a bruciare più calorie

È stato dimostrato che i trigliceridi a catena media, di cui, come abbiamo visto, l’olio di cocco è ricco, hanno l’effetto generale di stimolare il metabolismo a funzionare più velocemente e quindi a bruciare più calorie. È stato calcolato che un consumo giornaliero di 15-30 gr. di trigliceridi a catena media aumenti il dispendio energetico del 5%, per un totale di circa 120 Kcal bruciate al giorno.

Aiuta a perdere grasso, soprattutto quello addominale

Proprio perché stimola il metabolismo, l’olio di cocco può essere un’importante alleato per chi vuole perdere peso: uno studio del 2009 ha dimostrato che il consumo nelle donne di 30ml (3 cucchiai) di olio di cocco al giorno per 12 settimane non solo non causa aumento di peso, ma determina anche una riduzione del grasso addominale o viscerale, un tipo di grasso molto pericoloso e difficile da perdere, che contribuisce a maggiori problemi cardiaci. Tenete presente che questa proprietà dell’olio di cocco non aiuta solo gli essere umani ma anche i nostri amici a 4 zampe!

Riduce l’appetito, favorendo la sazietà

Un’altra caratteristica interessante dell’olio di cocco è che può ridurre il senso di fame, aumentando il senso di sazietà e facilitando in questo modo il controllo del peso. Questo sembra essere dovuto all’azione dei corpi chetonici che si formano nel fegato a seguito della trasformazione degli acidi grassi a catena media.

Contrasta la steatosi epatica ed ha effetti epatoprotettivi

L’olio di cocco fa bene al fegato. In virtù della sua capacità di ridurre i livelli di trigliceridi e colesterolo e migliorare la risposta glicemica, quest’olio ha dimostrato avere effetti protettivi nei confronti del fegato, migliorando le condizioni di quest’organo anche in caso di steatosi (il cosiddetto “fegato grasso”).

Mantiene in salute il cuore

Molti studi hanno dimostrato i benefici dell’olio di cocco sul sistema cardiovascolare. Il regolare consumo di olio di cocco, infatti, riduce i rischi cardiovascolari grazie alla diminuzione dei livelli di colesterolo totale, cattivo (LDL) e trigliceridi, mentre, aumentando i livelli di colesterolo buono (HDL) agirebbe come potente antiossidante e antistress.

L’olio di cocco ha proprietà antimicrobiche

Grazie all’azione dell’acido laurico (che costituisce circa il 50% degli acidi grassi dell’olio di cocco) e al monogliceride monolaurino, l’olio di cocco protegge dall’attacco di virus e batteri e può anche contribuire a combattere i lieviti, i funghi e la candida.

Mantiene in salute il cervello

Numerosi studi sono stati focalizzati sul potenziale ruolo preventivo e curativo dell’olio di cocco sui disturbi neurodegenerativi e sul rafforzamento delle funzioni cognitive in generale. I trigliceridi a catena media presenti nell’olio vergine di cocco possono essere rapidamente metabolizzati producendo corpi chetonici, utili nel trattamento di varie patologie neurologiche. In particolare, si è visto un miglioramento immediato della funzionalità cerebrale in pazienti con forme lievi di malattia di Alzheimer. Anche le proprietà antiossidanti di quest’olio potrebbero essere d’aiuto nel trattamento di questi disordini.

Proprietà antiossidanti dell’olio di cocco

Vari studi scientifici dimostrano le proprietà antiossidanti dell’olio di cocco, che sembra sia in grado di proteggere le cellule dai fattori che promuovono i processi ossidativi e quindi l’invecchiamento e la morte cellulare. L’olio di cocco è infatti ricco di polifenoli quali acido cumarico, acido ferulico e caffeico.

Effetti antinfiammatori sulla pelle

Gli effetti antinfiammatori dell’olio di cocco sulla pelle sono stati ampiamente studiati. Da numerosi studi scientifici si è visto che questo olio e la sua variante ottenuta in laboratorio tramite ripetuti effetti fermentativi, se applicati sulla pelle sono in grado di proteggere lo strato corneo dell’epidermide poiché inducono la stessa epidermide alla produzione di molecole antinfiammatorie. Questa proprietà è da attribuire ai polifenoli contenuti in quest’olio.

L’olio di cocco per la cura del corpo

Altra particolarità, l’olio di cocco è un meraviglioso idratante per la pelle e per i capelli in quanto ha una buona quantità di vitamina E, un antiossidante molto protettivo. Studi su persone con pelle secca mostrano che l’olio di cocco può migliorare il tasso di umidità e il contenuto lipidico del derma.


Un’altra applicazione per la cura del corpo è come collutorio: l’olio di cocco può infatti uccidere alcuni dei batteri nocivi nella bocca, migliorare la salute dentale (si può utilizzare al posto del dentifricio in quanto ha anche un potente effetto sbiancante e anti-macchia) e ridurre l’alito cattivo.


In ultimo, può essere utilizzato come protezione solare per i capelli, utile nel ridurre i danni dei capelli, bloccando circa il 20% dei raggi solari ultravioletti.

Olio di cocco vergine: consigli d’uso

È possibile utilizzare l’olio di cocco vergine in cucina sia per condire i nostri piatti a crudo, sia in cottura. L’olio di cocco, infatti, ha un punto di fumo abbastanza alto e si presta quindi a cotture ad alte temperature.

Lo si può utilizzare anche per condire insalate, piatti freddi o anche negli impasti dei dolci, visto il sapore particolarmente delicato. Inoltre lo si può sciogliere in una tazza di tè o in un frullato di frutta fresca. Un’ulteriore idea per usare questo alimento è quella di spalmarlo sul pane al posto del burro, in questo caso è però necessario tenere l’olio a temperatura ambiente inferiore ai 25 gradi, in modo tale da solidificarlo. Ricordiamo infatti che al di sotto dei 25 gradi l’olio di cocco solidifica.

Per un consumo alimentare, naturalmente, è consigliato l’olio di cocco vergine e non quello raffinato, che ha subìto processi di sbiancamento e deodorazione.

La quantità consigliata da utilizzare giornalmente è di circa 30 grammi, ma bisogna tener conto che, essendo un olio, se intendiamo consumarlo con una certa regolarità, dovrà in parte o totalmente sostituire ogni altro condimento grasso che di solito utilizziamo, altrimenti sia le calorie della nostra dieta, sia la quantità di acidi grassi saturi saliranno notevolmente, eccedendo così il quantitativo giornaliero raccomandato.

Olio di cocco: controindicazioni


L’utilizzo dell’olio di cocco non ha particolari controindicazioni l’importante è non esagerare, si tratta pur sempre di un grasso, in buona parte saturo. Nella nostra dieta, infatti, non dovremmo assumere più del 10% di grassi saturi! Come abbiamo anticipato sopra, per avere benefici gli studi parlano di 2 cucchiai al giorno.

La qualità che va scelta per il consumo alimentare è esclusivamente extravergine, si tratta di un olio di cocco ottenuto per spremitura a freddo, non raffinato, non deodorato, non decolorato; tutte queste caratteristiche garantiscono un alto contenuto di acido laurico e la conservazione delle vitamine come la E.

Inoltre, ricordatevi che se utilizzate quest’olio regolarmente per la cura del corpo è preferibile scegliere un olio di cocco extravergine biologico, per ridurre l’assorbimento di tossine e pesticidi.

Curiosità
L’olio di cocco è solido a temperature inferiori ai 25 °C e va conservato al buio, meglio se fuori dal frigorifero. Ha anche un’ottima resistenza al calore, cosa che lo rende un grasso particolarmente indicato nelle cotture ad alte temperature anche se di certo non è fra gli oli più economici da utilizzare! Ma con un po’ di fai da te è possibile autoprodurlo in casa con pochissimi strumenti a partire dalla farina di cocco o dalla polpa della noce di cocco.
E voi avete mai pensato di autoprodurvelo? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti!

Dove comprare l’olio di cocco extravergine

Olio di Cocco Spremuto a Freddo

Questo olio di cocco è un prodotto di altissima qualità, ottenuto dalla spremuta a freddo del cocco Thailandese. Ideale sia per uso cosmetico che per uso alimentare.

Olio di cocco puro al 100%

L’Olio di Cocco Rapunzel, è un olio vergine, puro al 100% dal delizioso sapore esotico. Ideale per la cottura e la frittura dei cibi, può essere utilizzato anche per la cura del corpo.

Bibliografia

  • Reger MA, Henderson ST, et al. “Effects of beta-hydroxybutyrate on cognition in memory-impaired adults.” Neurobiol Aging. 2004 Mar;25(3):311-4.
  • Assunção, Ferreira, et al. “Effects of dietary coconut oil on the biochemical and anthropometric profiles of women presenting abdominal obesity.” Lipids. 2009 Jul;44(7):593-601. doi: 10.1007/s11745-009-3306-6. Epub 2009 May 13.
  • V Van Wymelbeke, A Himaya, J Louis-Sylvestre, M Fantino; “Influence of medium-chain and long-chain triacylglycerols on the control of food intake in men”, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 68, Issue 2, 1 August 1998, Pages 226–234.
  • Nevin KG, Rajamohan T. “Beneficial effects of virgin coconut oil on lipid parameters and in vitro LDL oxidation.” Clin Biochem. 2004 Sep;37(9):830-5.
  • Soomin Kim, Ji Eun Jang, Jihee Kim et al. “Enhanced barrier functions and anti-inflammatory effect of cultured coconut extract on human skin.” Food and Chemical Toxicology, Volume 106, Part A, 2017.
  • Soorya Parathodi Illam, Arunaksharan Narayanankutty & Achuthan C. Raghavamenon (2017) “Polyphenols of virgin coconut oil prevent pro-oxidant mediated cell death”, Toxicology Mechanisms and Methods, 27:6, 442-450, DOI: 10.1080/15376516.2017.1320458
  • Ooyama K, Wu J, Nosaka N, Aoyama T, Kasai M. “Combined intervention of medium-chain triacylglycerol diet and exercise reduces body fat mass and enhances energy expenditure in rats.” J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2008 Apr;54(2):136-41.
  • Shino, Beena et al. “Comparison of Antimicrobial Activity of Chlorhexidine, Coconut Oil, Probiotics, and Ketoconazole on Candida albicans Isolated in Children with Early Childhood Caries: An In Vitro Study” Scientifica vol. 2016 (2016): 7061587.
  • Fernando, W., Martins, I., Goozee, K., Brennan, C., Jayasena, V., & Martins, R. (2015). “The role of dietary coconut for the prevention and treatment of Alzheimer’s disease: Potential mechanisms of action”. British Journal of Nutrition, 114(1), 1-14. doi:10.1017/S0007114515001452
  • Narayanankutty A, Palliyil DM, Kuruvilla K, Raghavamenon AC. “Virgin coconut oil reverses hepatic steatosis by restoring redox homeostasis and lipid metabolism in male Wistar rats.” J Sci Food Agric. 2018 Mar;98(5):1757-1764. doi: 10.1002/jsfa.8650. Epub 2017 Oct 12.
  • Famurewa AC, Ekeleme-Egedigwe CA et al. “Dietary Supplementation with Virgin Coconut Oil Improves Lipid Profile and Hepatic Antioxidant Status and Has Potential Benefits on Cardiovascular Risk Indices in Normal Rats.” J Diet Suppl. 2018 May 4;15(3):330-342. doi: 10.1080/19390211.2017.1346031. Epub 2017 Aug 17.

10 benefici dell'olio di cocco

Hai letto: Olio di cocco extravergine, il grasso che fa bene alla salute!
Dott.ssa Alessandra Esposito
La Dott.ssa Alessandra esposito è biologa nutrizionista laureata in Scienze Biologiche con 110 e lode presso l’Università degli studi di Pavia, con master di specializzazione in Nutrizione Umana e Alimentazione e il Master in Nutrizione Culinaria.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome