Home Alimentazione Dieta e salute Glicemia alta: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili per abbassarla

Glicemia alta: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili per abbassarla

Ultima modifica: 16 ottobre 2017

6977
0
CONDIVIDI
Alimenti contro la glicemia alta

L’iperglicemia è una condizione patologica che affligge molte persone, ma che può essere controllata e spesso anche curata a tavola. Vediamo gli alimenti da evitare e quelli da preferire in caso di glicemia alta.

Con il termine “glicemia” si indica la concentrazione di glucosio nel sangue. Il glucosio ha un ruolo fondamentale poiché è un nutriente indispensabile per le cellule dal momento che interviene in tutte le loro funzioni.

Il glucosio viene assunto attraverso gli alimenti ma può essere anche sintetizzato dall’organismo ed i suoi livelli sono regolati da meccanismi specifici. In soggetti sani, durante la giornata la glicemia assume valori compresi fra 60 e 130 mg/dl, mentre a digiuno varia fra 70 e 110 mg/dl. Fra 110 e 125 mg/dl a digiuno si parla di iperglicemia.

È importante tenere sotto controllo una condizione di iperglicemia poiché questa potrebbe poi portare ad una condizione di ridotta tolleranza al glucosio oppure al diabete. Si tratta quindi di un problema da non sottovalutare e per il quale l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale.

Le cause della glicemia alta sono molteplici. Sembra che l’ereditarietà e i fattori ambientali siano i principali responsabili. Per fattori ambientali si intende una cattiva alimentazione, la sedentarietà, lo stress, uno stile di vita disordinato.

L’obesità è un fattore fondamentale che predispone all’iperglicemia e al diabete e pertanto, in questi casi, è altamente raccomandata la perdita di peso attraverso un regime alimentare ipocalorico e una moderata attività fisica. Anche i pazienti normopeso o sottopeso affetti da iperglicemia beneficiano di un’alimentazione corretta e di uno stile di vita sano.

Glicemia alta: cosa mangiare e cosa evitare

In caso di glicemia alta è importante sapere cosa mangiare e cosa evitare. In particolare, i caso di iperglicemia occorre evitare di mangiare alcuni cibi e preferirne altri che, al contrario, sono utili nel regolare i livelli di glicemia.

Fra gli alimenti da evitare in caso di glicemia alta ci sono ovviamente lo zucchero, i dolci, le bevande zuccherate e i prodotti da forno preparati con farine raffinate. Queste ultime, essendo cibi ad alto indice glicemico, fanno rapidamente aumentare i livelli di glucosio nel sangue favorendo così l’iperglicemia.

In caso di glicemia alta, gli alimenti da preferire sono invece i cibi a basso indice glicemico contenenti un’alta percentuale di fibre come verdura, cereali integrali, legumi, semi oleosi, pesci e carni magre.

Un’attenzione particolare va riservata anche alla frutta, cercando di prediligere quella a maggior contenuto di fibra e minor contenuto di zuccheri. Gli agrumi, per il loro contenuto di fibre, acidi organici ed antiossidanti, sono i frutti da preferire.

In caso di glicemia alta è necessario inoltre evitare le carni grasse che, sebbene non abbiano un elevato contenuto in glucosio, sono ricche di grassi che favoriscono il sovrappeso e l’insorgenza di patologie cardiovascolari di solito associate all’iperglicemia. Da limitare sono invece cereali non integrali, patate, frutta zuccherina. Di seguito un elenco degli alimenti da evitare e di quelli da consumare con moderazione in caso di glicemia alta.

Cibi sconsigliati Alimenti sconsigliati: Cibi da consumare con moderazione Da consumare con moderazione:
Zucchero Ananas
Dolciumi Banane
Merendine Castagne
Biscotti Miele
Marmellate Semolino
Alcolici Mais
Riso non integrale Carote
Farine raffinate Gelati
Cracker Melone
Fette biscottate Anguria
Grissini Fichi
Carni grasse Patate
Fritture
Pane bianco
Bibite zuccherate

5 alimenti utili contro la glicemia alta

Ci sono degli alimenti che si sono dimostrati utili nel contrastare la glicemia alta. Di seguito ne elenchiamo 5 di uso comune.

1 Asparagi

Gli asparagi sono ortaggi primaverili ricchi di vitamine, antiossidanti e fibre. In uno studio del 2012 effettuato su cavie affette da diabete, l’estratto di asparagi si è dimostrato utile nel ridurre i livelli di glucosio nel sangue e tale effetto sembra sia dovuto alla presenza in questo ortaggio di preziosi agenti antiossidanti.

2 Mirtilli

Questi preziosi piccoli frutti blu, oltre che essere molto gustosi, sono in grado di abbassare la risposta glicemica post prandiale grazie alle antocianine che contengono, come dimostrato in un recentissimo lavoro effettuato su un gruppo di giovani adulti che hanno introdotto nella loro dieta una quantità controllata di mirtilli.

3 Semi di lino

Grazie alle loro proprietà antiossidanti, i semi di lino si sono rivelati utili nel modulare la glicemia ma anche nel migliorare il profilo lipidico sia in soggetti sani che in soggetti diabetici. Sono inoltre ricchi di fibre solubili e insolubili che aiutano a regolare l’assorbimento del glucosio.

4 Cannella

Vari studi hanno dimostrato che la cannella aiuta a combattere il diabete e migliorando i livelli di glicemia grazie al suo effetto modulatore sulla secrezione di insulina.

5 Broccoli

Oltre che essere ortaggi gustosi e molto utili nel controllare il sovrappeso grazie alla presenza di fibre, i broccoli esercitano un’azione ipoglicemizzante per il loro contenuto in sulforafano, composto che possiede proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie.

Se cambiare la vostra alimentazione ed intraprendere uno stile di vita più sano vi hanno aiutato a combattere l’iperglicemia e volete condividere la vostra esperienza, lasciate un commento.

Dove acquistare alcuni degli alimenti consigliati

Prodotti scelti per voi:
Hai letto: Glicemia alta: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili per abbassarla
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Azzurra De Luca
Biologa nutrizionista con un dottorato di ricerca in Scienze Morfologiche Molecolari. Negli ultimi anni ha lavorato negli Stati Uniti presso la Stanford University nel campo della biochimica e della biologia molecolare. Oggi esercita a Bracciano e Roma ed esegue analisi dello stato nutrizionale, valutazione della composizione corporea ed elaborazione di piani nutrizionali per singoli o comunità di individui in stati fisiologici e patologici. Per consulenze contattare: 339 2746320 - www.adlbio.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here