Succo di melograno: benefici, controindicazioni e 3 modi per farlo in casa

Il succo di melograno si ottiene attraverso la spremitura di questo buonissimo frutto. Scopri come farlo a casa, le sue proprietà benefiche e le possibili controindicazioni.

Spremendo gli arilli del melograno si ottiene un buonissimo succo dal colore rosso e ricco di proprietà benefiche per la nostra salute, contenente una discreta quantità di zuccheri e un’ottima quantità di sostanze antiossidanti.

Succo di melograno in un bicchiere

Il succo di melograno casereccio è senza dubbio migliore perché puro e freschissimo e, soprattutto, privo di ingredienti aggiuntivi quali zucchero o conservanti. Vediamo subito come si prepara in casa.

Come preparare il succo di melograno in casa

Il succo di melograno puro non è presente solo nei banchi di molti supermercati e negozi biologici: possiamo farlo anche a casa, utilizzando strumenti normalmente presenti nella maggior parte delle cucine italiane. Tutto ciò di cui avete bisogno è un melograno maturo e uno dei tre strumenti che andremo a vedere tra poco, cioè uno spremi-agrumi, uno spremi-melograno o un estrattore. L’unica accortezza è che dovete prendere alcune precauzioni perché il suo succo rosso crea macchie che non vengono via facilmente, specialmente sui vestiti o sulla tovaglia.

1 Succo di melograno fatto con lo spremiagrumi

Il primo metodo, e anche il più semplice, prevede l’utilizzo di uno spremiagrumi, il succo si estrae come da un’arancia o un limone. Si può ottenere così una spremuta di melograno in pochi minuti: vi basterà infatti prendere il frutto, tagliarlo a metà come fareste con un’arancia e procedere con la spremitura nello spremiagrumi.

2 Succo di melograno fatto con lo spremi melograno

Il secondo metodo vede l’utilizzo di uno strumento apposito: lo spremi melograno. Il suo utilizzo prevede di tagliare la melagrana a metà, come con il comune spremiagrumi, inserirlo nello strumento e quindi, tramite una leva, spremere il melograno ed ottenere il succo dai chicchi interni. Con l’uso di uno spremi-melograno lo sforzo da compiere è minore rispetto allo spremiagrumi. Il melograno, infatti, è un frutto coriaceo e per questo motivo l’utilizzo dello spremiagrumi potrà risultare un po’ difficoltoso.

3 Succo di melograno fatto con l’estrattore

L’ultimo strumento che potremo utilizzare per estrarre il succo dal melograno è l’estrattore: in questo caso il procedimento è un po’ più complesso, ma il succo ottenuto sarà maggiore e più ricco di sostanze benefiche. Generalmente, per ottenere un quantitativo di un bicchiere pieno si consigliano 2 melograni di medie dimensioni.

Come prima cosa prendete il frutto, rimuovete con il coltello la corona superiore e incidete la buccia dall’alto verso il basso per 4 o 6 volte in modo da creare altrettanti “spicchi”, facendo attenzione a non entrare troppo in profondità e tagliare anche gli arilli, che servono appunto per creare il succo.

Aprite il melograno partendo dai tagli che avete fatto per dividerlo in più parti, quindi estraete tutti i chicchi interni, cercando di rumuovere quanto più possibile anche la pellicina bianca perché renderebbe il succo più amaro. Una volta estratti i chicchi sarà sufficiente metterli all’interno dell’estrattore. Potete così gustare una buonissima e sana spremuta di melograno pura. Se gradite un sapore meno acidulo, oltre ad aggiungere acqua, potete aggiungere una mela di piccole dimensioni, che renderà il succo di melograno meno aspro e più dolciastro.

Guarda il nostro video: come si apre un melograno

Se vi piacciono gli estratti potete leggere le nostre ricette e scaricare il nostro ebook gratuito che trovate qui: Estratti di frutta e verdura: 6 ricette da bere tutto l’anno.

Cosa contiene il succo di melograno: proprietà e valori nutrizionali

Il succo di melograno contiene essenzialmente due componenti: zuccheri (naturalmente presenti nel frutto) e molecole antiossidanti. Il melograno è infatti un frutto e come tutti i frutti il macro-nutriente più rappresentato è lo zucchero (il carboidrato). Considerando poi il succo, dobbiamo sottolineare che non troviamo nemmeno la fibra normalmente presente nel frutto. Tutte le calorie del succo di melograno dipendono quindi dagli zuccheri presenti: circa 11 g di zucchero per un totale di 44 kcal ogni 100 ml di succo. Inoltre, ricordiamo che il melograno (e quindi il suo succo puro) non contiene glutine e può essere consumato anche dai celiaci.

Dal punto di vista di minerali e vitamine, sono ben rappresentate il potassio, le vitamina C e la vitamina K. Ciò che però rende particolarmente benefico il succo di melograno è la presenza di polifenoli, tra cui la punicalagina, una delle molecole più importanti presenti nel melograno e resposabile di numerosi benefici. Nella tabella che segue riportiamo i valori nutrizionali del succo di melograno secondo la banca dati dello IEO.

Valori nutrizionali per 100g di succo di melagrana:
kcal 44
Proteine 0,2 g
Grassi tracce
Carboidrati 11,6 g
Carboidrati 18,7 g
Fibre tracce
Sodio 1 mg
Calcio 3 mg
Potassio 200 mg
Magnesio 3 mg
Zinco 0,12 mg
Ferro 0,2 mg
Fosforo 8 mg
Vitamina C 8 mg
Vitamina K 16,4 µg
Vitamina E 0,60 mg
Colesterolo 0 g
(fonte Bda-Ieo)

Quali sono i benefici del succo di melograno

Diverse sono le proprietà del succo di melograno conosciute e documentate da studi clinici, anche se, a dire il vero, alcuni di essi hanno portato a risultati discordanti, probabilmente a causa del fatto che la composizione dei prodotti utilizzati negli studi non era la medesima. Vi presentiamo di seguito i principali benefici del succo di melograno puro.

✓ Effetto antinfiammatorio

Come abbiamo visto sopra, il succo di melograno è ricco di polifenoli, sostanze estremamente benefiche dalle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti [1]. Proprio grazie a queste molecole, una delle principali proprietà del succo di melograno è quella antinfiammatoria, utile nel contrastare la cosiddetta “infiammazione cronica di basso grado”, responsabile di numerosi disturbi. Nello specifico, assumere succo di melograno sembra ridurre la presenza di citochine infiammatorie nel corpo. Questo effetto risulta più evidente in particolare nei soggetti con sindrome metabolica e in quelli sottoposti a dialisi. Tuttavia, chiunque può beneficiare di questo effetto [2].

✓ Proprietà antiossidanti

Il succo di melograno ha un potente effetto antiossidante, il che lo rende un alleato nel contrastare un eccesso di radicali liberi, lo stress ossidativo e i danni ad esso correlato. L’effetto antiossidante del succo di melograno è dovuto alla presenza di molteplici polifenoli come l’acido ellagico e gli ellagitannini, oltre alla già citata punicalagina, che risulta responsabile di oltre il 50% dell’attività antiossidante del succo.

✓ Benefici per l’apparato cardiovascolare

Tra i benefici del succo di melograno, notevoli sono quelli sull’apparato cardiovascolare. Diversi studi hanno mostrato un miglioramento sui profili lipidici e in particolare un innalzamento del colesterolo HDL, definito “colesterolo buono” e una diminuzione dei trigliceridi. Ulteriori benefici sono stati ottenuti con l’assunzione di 150 ml di succo di melograno per un anno o con una dose di succo maggiore, circa 500 ml. Ricordiamo, inoltre, che l’alta presenza di antiossidanti contribuisce a prevenire la formazione di placce aterosclerotiche e le relative conseguenze sulla salute.

✓ Aiuto nella prevenzione oncologica

Alcuni studi dimostrano l’effetto benefico del consumo prolungato di succo di melograno sul cancro al colon e alla prostata. In particolare si è visto che bere succo di melagrana mmigliora il tempo di progressione della malattia in caso di cancro alla prostata e può indurre apoptosi (morte cellulare) nelle cellule tumorali [3,4].

✓ Utile nel controllo del peso

In individui obesi l’integrazione per un mese con succo di melograno, nonostante non abbia modificato i livelli di insulina prodotta o migliorato significativamente la sensibilità alla stessa, ha permesso di fermare l’aumento del peso corporeo. Nonostante non abbia quindi portato a un dimagrimento vero e proprio, ha permesso di invertire la tendenza di aumento del peso corporeo. Questo non vuol dire che il solo succo di melograno fa dimagrire, tuttavia, come accade per altri alimenti, può essere un aiuto in più nella gestione del peso in eccesso [5].

✓ Previene i parassiti intestinali

Il succo di melograno ha un noto effetto antiparassitario ed è di aiuto anche nel contrastare la Tenia Solium, volgarmente definita “verme solitario“, che entra in contatto con il nostro intestino principalmente a causa del consumo di carne di maiale poco cotta. 



Succo di melograno: astringente o lassativo?

Se il frutto del melograno può essere un valido aiuto in caso di stitichezza, il succo di melograno viene invece utilizzato con beneficio in caso di diarrea, grazie anche alla presenza dei tannini, molecole dall’effetto astringente [6]. Per approfondire vi invitiamo a leggere: Cibi astringenti: frutta, verdure e altri cibi utili per la diarrea.

Effetti positivi sulla salute quotidiana

Come avrete potuto capire, i benefici del succo di melograno sono apprezzabili sono quando il consumo di questo prodotto avviene regolarmente e per un periodo di tempo prolungato: è infatti necessario che i polifenoli in esso presenti esercitino la loro funzione. Tali sostanze, e in particolare la punicalagina, esercitano un effetto antinfiammatorio e antiossidante: bere tutti i giorni il succo di melograno e fare il pieno di queste molecole ci permette di combattere continuamente lo stress ossidativo che si crea all’interno del nostro corpo e di diminuire il livello delle molecole collegate all’infiammazione. Il risultato è quello di un maggior benessere e una prevenzione di molte patologie a carattere infiammatorio, tra cui quelle cardiovascolari e neurodegenerative.

Quanto succo di melograno bere per ottenere benefici

L’effetto benefico del succo di melograno si ottiene con un consumo regolare e prolungato dello stesso. Vi suggeriamo pertanto di bere succo di melograno tutti i giorni e di consumarne un bicchiere (circa 150 ml). In caso di maggiore infiammazione potrebbe essere utile aumentarne la dose giornaliera e raggiungere un consumo di 500 ml, eventualmente limitato nel tempo. In merito a quando bere il succo, non c’è un momento migliore di un’altro. Pertanto può essere assunto al mattino (prima o dopo colazione), al pomeriggio o alla sera, sia a stomaco pieno che a stomaco vuoto (in quest’ultimo caso è bene verificare la propria tolleranza ed evitare in caso di gastrite).

Come si conserva il succo di melograno e per quanto tempo

Il succo di melograno può essere conservato in frigorifero per 2-3 giorni dopo la sua apertura o dopo la spremitura del melograno stesso. È anche possibile conservarlo in freezer per 2 o 3 mesi, tuttavia è bene tener presente che la vitamina C presente nel succo diminuirà dopo la spremitura, pertanto si consiglia di prepararlo giornalmente per poter godere appieno delle sue proprietà. Eventualmente, invece, potete congelare i chicchi di melograno, mettendoli negli appositi sacchetti per alimenti, e utilizzarli al bisogno per fare un succo fresco e ricco di benefici.

Sapevi che con il succo di melagrana puoi fare una buonissima confettura? Per sapere come fare, leggi: Marmellata di melograno: ricetta originale e 5 varianti sane

Le controindicazioni del succo di melograno

Le controindicazioni del succo di melograno non sono molte e perlopiù collegate all’acidità di questo alimento: consumare il succo di melograno a stomaco vuoto può infatti peggiorare, in individui predisposti, i sintomi della gastrite o del reflusso. In tal caso è buona norma bere il succo a stomaco pieno. In caso di diabete, inoltre, è bene preferire un succo fatto in casa e, in ogni caso, senza zuccheri aggiunti.

Un’altra accortezza deve essere adoperata da chi assume terapie farmacologiche: così come il succo di pompelmo, anche il succo di melograno può interferire con l’assimilazione di alcuni farmaci. Vi sconsigliamo pertanto di bere il succo di melograno nelle immediate vicinanze dell’eventuale terapia farmacologica. Infine, un consumo eccessivo di succo di melograno potrebbe provocare effetti collaterali quali vertigini, mal di testa e sonnolenza.

Guarda il nostro video: benefici e usi del melograno

Dove comprare il succo di melograno

Il succo di melograno si trova facilmente nei supermercati e nei negozi di alimenti biologici ed è reperibile tutto l’anno. In alternativa è possibile comprarlo in uno dei numerosi negozi online specializzati in prodotti alimentari. Per scegliere un buon prodotto, vi consigliamo di comprare un succo di melograno biologico e possibilmente senza zuccheri o altri additivi aggiunti. Il prezzo può variare a seconda della quantità e della concentrazione del succo. In media, per una confezione da 220-250 ml di succo già pronto da bere, si spendono 2 o 3 euro.

Acquistare il succo di melograno online, prodotti selezionati da noi:

Abbiamo selezionato personalmente alcuni prodotti che rispecchiano alti standard di qualità, per aiutarvi nella scelta e nell’acquisto di un buon succo di melograno.

Succo di melograno

Succo di Melograno

Antiossidante naturale che protegge l’organismo dai radicali liberi, dalle disfunzioni del sistema immunitario e dalle intossicazioni.

Succo Melograno, Mela e Mirtillo

Succo di mirtilo, mela e melograno preparato con ingredienti selezionati e 100% biologici prodotti in Italia.

Succo di melograno puro

Succo di Melograno Prima Qualità 500ml – Puro al 100%

Potente antiossidante, con effetto disintossicante.

Alcuni articoli sono affiliati (ovvero se acquisti tramite il nostro link, noi riceviamo una piccola commissione).

Dott.ssa Stefania Cocolo

Biologa nutrizionista laureata in Biotecnologie molecolari e bioinformatica presso l’Università degli studi di Milano. Ha conseguito la specializzazione in Biotecnologie industriali e ambientali presso l’Università degli studi di Milano.

23 commenti

  1. Io la.bevo tutte mattine per me è viagra naturale otimo..ottimo anche per rapporto con proprio partner..oltre al benessere fisico…

  2. Un melograno al giorno di mattina, o 2 spremuti, va bene, ma è vero che porta malditesta, vertigini, difficolta a respirare e sonnolenza? A me mi capita ciò, ma lo bevo comunque. Faccio male? Eleonora

    1. Cara Eleonora, i sintomi che riferisce coincidono con quelli da intossicazione per uso eccessivo di melagrane. Si accerti di non stare eccedendo nelle quantità e magari sospenda per un po’ e controlli se i sintomi permangono. In ogni caso le consiglio di contattare il suo medico per indagini più approfondite.
      Saluti.

  3. 2 bicchieri 0.25 giornalieri di succo di melagrana, vanno bene o sono eccessivi? Meglio a stomaco pieno o vuoto? La mattina o la sera o la notte? Cordiali saluti, Mattia.

    1. Salve Mattia, risposta un po’ complicata… non so se soffre di qualche patologia o com’è il suo stato di salute. Dipende anche dal tipo di succo che consuma; laddove fosse una spremuta fatta in casa i problemi sarebbero minori e il consumo limitato alla stagionalità del frutto (in modo da poter giovare di tutte le proprietà). Inoltre se il succo non la disturba (molto ricco in vitamina C) può assumerlo anche a stomaco vuoto e in qualsiasi momento della giornata.
      Dott.ssa Stefania Cocolo

  4. Ho la colite spastica e la gastrite e la pressione minima alta per la pressione prendo i farmaci che per lo stomaco i gastro protettori vorrei sapere un parere di uno specialista sé posso fare un ciclo di cura col succo del melograno per quanto tempo è la dose giornaliera . Grazie !!! e cordiali saluti .

  5. Leggendo mi sono messo a bere metà bicchiere spremuto di melograno, però ho visto che può interferire con antidepressivi, io prendo xanax da 40 anni tre al giorno. Solita domanda: fa male e cosa può fare? Grazie

    1. Salve Gianni, secondo alcuni studi condotti in vitro e su modelli animali il succo di melograno è stato in grado di inibire alcune isoforme del citocromo P450, necessario al metabolismo del farmaco che lei assume. Tuttavia non sono noti casi di interazione tra farmaci e melograno. Le consiglierei quindi di essere cauto con il consumo di melograno, senza necessariamente eliminarlo completamente dalla sua dieta.
      Dott.ssa Stefania Cocolo

  6. Ciao, volevo sapere se chi è celiaco può bere il succo di melograno? E chi già soffre di vertigini lo può assumere il succo di melograno?

    1. Gentile Maria, in purezza il melograno è privo di glutine. Se decide di acquistare un succo preconfezionato, secondo quanto indicato dalla AIC (Associazione Italiana Celiachia) i succhi e i nettari di frutta che possono essere consumati dai celiaci liberamente non devono essere addizionati di vitamine o altre sostanze (coloranti, conservanti, aromi ecc), fatta eccezione per acido ascorbico (vitamina C), acido citrico (E330) e sciroppo di glucosio o glucosio fruttosio. Le consiglio, quindi, di leggere attentamente le etichette dei prodotti, controllando la lista degli ingredienti e la presenza o meno del simbolo gluten free. Riguardo il secondo quesito, in natura il melograno non è dannoso, ma sono l’uso che ne facciano e le quantità ingerite che possono dare controindicazioni, così come per qualsiasi altro prodotto. Lo assuma con moderazione e osservi eventuali effetti indesiderati.
      Dott.ssa Caterina Perfetto

  7. Estraggo il succo del melograno tramote un passatutto per salsa di pomodoro dopo aver pazientemente tratto i chicchi dal frutto.
    Bevo 2 bicchieri al giorno da circa 10 giorni e ho notato una migliore attività nella espulsione, una migliore digestione e un senso di benessere.
    La stitichezza che qualcuno dice che il melograno causa è dovuta alla spremitura che fanno con la buccia come se fosse un’arancia.

  8. sono francesca io prendo cardioaspirina e anticoaugulanti per i postumi di un infarto posso prendere il melograno se è si in che quantità ?
    grazie

  9. Ciao! Vorrei sapere il succo di melagrana è controindicato a chi prende dei medicinali come eutirox e cardioaspirina. Grazie!!

    1. Buongiorno Rita, il succo di melograno può interferire con l’attività di numerosi farmaci tra cui gli antidepressivi, gli ipotensivi e gli antinfiammatori. Per queste ragioni la possibile integrazione va valutata in accordo con il parere del suo medico curante e dell’endocrinologo.

  10. io ho due alberi di melograno uno acretto l’altro dolce fa differenza mi è piaciuto leggere tutta la pagina grazie minguccio

    1. Corretta denominazione,il frutto Melagrana, il fico e l’albero,il frutto come lo chiameresti? dal fruttivendolo/a, forse fica? Spesso si compongono parole anche non corrette, solo per dargli scorrevolezza di dialogo, continuità e suoni piacevoli all’orecchio. Si consiglia esonerare l’applicazione della grammatica, per non dare interpretazioni equivoche.

      1. Il frutto della pianta del fico d’india così come dell’albero di fico si chiama sempre al maschile, il fico, no come dice lei, sig. Angelo!
        L’osservazione dell’anonimo è corretta.
        Ahimè, la lingua italiana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button