Home Alimentazione Mangiare sano Cardamomo: semi oleosi dalle proprietà benefiche

Cardamomo: semi oleosi dalle proprietà benefiche

Ultima modifica: 29 giugno 2016

11115
0
CONDIVIDI
cardamomo benefici

Il cardamomo è ricco di proprietà benefiche sia per la salute che per la bellezza. Ottimo anche in cucina è perfetto per ottenere tisane salutari.

Il cardamomo è originario dell’India Meridionale ma si è diffuso in tutti i tropici ed è il frutto dell’omonima pianta. Si presenta come una capsula color verde o marrone scuro al cui interno sono racchiusi i semi.

Per utilizzarlo si deve rompere la capsula e prelevare i semi che possono essere macinati o usati per infusioni. Si consiglia di acquistare i frutti interi perché l’odore forte di questa spezia si dilegua molto velocemente. Viene utilizzato principalmente per aromatizzare le pietanze, anche se nel nostro Paese non è molto conosciuto. Alcuni usi si vedono in pasticceria nei dolci a base di cioccolato o caffè. Ai tempi dei greci e dei romani veniva sfruttato per creare profumi.

Esistono diversi tipi di cardamomo, assimilabili a due grandi famiglie: elettaria e amomun. I primi sono quelli da cui si ricava il cardamomo verde, mentre i secondi comprendo in cardamomo nero.

Cardamomo: proprietà

Il cardamomo contiene molta vitamina C, potassio e magnesio, ma anche manganese che aiuta l’organismo ad assimilare i nutrienti come le vitamine. Tra le tante proprietà di questa spezia ricordiamo.

Digestivo

L’assunzione di cardamomo aiuta a allontanare vomito e nausea ed è un ottimo alleato anche contro il meteorismo. Grazie agli oli essenziali di cui è ricco aiuta la produzione di succhi gastrici stimolando l’appetito.

Combatte l’alitosi

Masticare cardamomo aiuta a combattere l’alito cattivo. Bisogna masticare la bacca intera, con i semi ancora all’interno, in misura di 4 o 5 al giorno per sconfiggere l’alito pesante.

Tosse e raffreddore

Il cardamomo ha proprietà benefiche in caso di infiammazioni delle vie aeree ed è un valido aiuto in caso di tosse e raffreddore.

Accelera il metabolismo

Se da una parte l cardamomo stimola l’appetito, dall’altra accelera il metabolismo ed è quindi indicato in caso di diete.

Antidepressivo

Unito al tè verde il cardamomo ha buone doti antidepressive.

Utile per una pelle bella e sana

Usare l’olio essenziale di cardamomo su una garza aiuta a combattere la psoriasi e le acne. Inoltre è utile per la perdita di capelli perché stimola i follicoli. Grazie alle sue proprietà antisettiche il cardamomo può essere usato anche in caso di piccole escoriazioni.

Abbassa la pressione arteriosa

Le proprietà del cardamomo fanno in modo che si comporti come un bloccante del canale del calcio, cioè un farmaco per l’ipertensione.

Le proprietà del cardamomo sono da sfruttare anche in caso di contusioni e distorsioni così come per combattere il prurito causato dalle punture di insetti.


Cardamomo: consigli di utilizzo

Forse non lo sapete ma il cardamomo è uno degli ingredienti principali del famoso curry. Viene usato molto nella cucina indiana per insaporire riso e verdure, ma anche in quella araba per la preparazione del prezioso caffè dove il cardamomo la fa da padrone con l’80% di partecipazione a fronte del 20% di caffè.

Tra le tante ricette a base di cardamomo vogliamo ricordare anche la possibilità di fare il liquore semplicemente usando le bacche del frutto e aggiungendo alcool, zucchero e acqua. Le dosi sono queste: 1 litro di alcool, 300 g di zucchero, 500 ml di acqua e 30 g di bacche di cardamomo. La miscela ottenuta mescolando cardamomo pestato e alcool deve riposare un mese. Dopo di che va filtrato e si possono aggiungere gli altri ingredienti. È ottimo servito freddo.

Per sfruttare le proprietà benefiche del cardamomo possiamo anche fare delle tisane oppure delle semplici infusioni da respirare con un asciugamano sulla testa per liberare le vie aeree. Una sorta di aerosol domestico.

Cardamomo: controindicazioni

In linea generale il cardamomo non ha importanti controindicazioni, ma ognuno è diverso e potrebbe risultare in qualche modo intollerante al prodotto. Sappiamo comunque che è da evitare in caso di calcoli alla colecisti perché potrebbe smuoverli scatenando la colica. È anche dimostrato che interagisce con i farmaci antiaggreganti come l’aspirina, quindi è bene evitare di assumere cardamomo nei giorni in cui si prende questo farmaco.

Dove trovare il Cardamomo

Semi di Cardamomo

Le erbe di rocca dei fiori sono coltivate ed assicate nei paesi di origine con la massima cura al fine di mantenere inalterate le proprietà delle piante.

Cardamomo – Olio Essenziale Puro

Un ottimo digestivo efficace per combattere mal di stomaco, cefalea da cattiva digestione, meteorismo, aerofagia, spasmi intestinali, fermentazione.

Hai letto: Cardamomo: semi oleosi dalle proprietà benefiche

LASCIA UN COMMENTO