Home Alimentazione Mangiare sano Cardamomo, digestivo e antisettico: ecco proprietà, usi e controindicazioni

Cardamomo, digestivo e antisettico: ecco proprietà, usi e controindicazioni

Ultima modifica: 27 agosto 2018

46423
3

Ricco di sali minerali, vitamine e oli essenziali, il cardamomo è una spezia dalle spiccate proprietà antisettiche e digestive. Ottimo anche in cucina è perfetto per ottenere tisane gustose e salutari. Vediamo tutti i benefici del cardamomo, alcuni consigli per l’uso e le possibili controindicazioni.

Il cardamomo è una spezia molto profumata ricavata da una pianta tropicale originaria dell’India e del Nepal, appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae. La pianta del cardamomo cresce in regioni a clima caldo e umido e può raggiungere anche i 20 metri di altezza. La varietà più diffusa è quella con il nome scientifico Elettaria cardamomum.

Immagine di semi di cardamomo in un contenitore di coccio

In realtà ne esistono 3 diverse varietà. Il cardamomo verde (Elettaria cardamomum), è la varietà più pregiata e con un sapore più intenso, proviente dall’India. Poi abbiamo il cardamomo nero del Siam (Amomum compactum), diffuso prevalentemente in Myanmar e Thailandia, che è la varietà più amara. Infine, il cardamomo di Ceylon (Elettaria repens), dello Sri Lanka.

La pianta presenta dei frutti che sono delle capsule verdi o marroni al cui interno vi sono i semi di cardamomo, di colore scuro. I semi possono essere usati interi o macinati ma il consiglio è quello di acquistare le capsule intere in quanto i semi disperdono facilmente il loro aroma. Vediamo quali sono i valori nutrizionali e i benefici di questa spezia.

Cardamomo: calorie e valori nutrizionali

100 grammi di cardamomo apportano più di 300 kilocalorie (311 calorie per l’esattezza), ma questo non è un problema perché per insaporire le pietanze e per preparare degli infusi, è necessaria una piccola quantità di semi di cardamomo. Essi sono ricchi di carboidrati, proteine e, soprattutto, fibre.

Valori nutrizionali per 100g di cardamomo:
Kilocalorie 311
Acqua 8,28 gr
Carboidrati 68,47 gr
Proteine 10,76 gr
Grassi 6,7 gr
Fibre 28 gr
Calcio 383 mg
Ferro 13,97 mg
Magnesio 229 mg
Fosforo 178 mg
Potassio 1119 mg
Sodio 18 mg
Zinco 7,47 mg
Manganese 28 mg
Vitamina C o acido ascorbico 21 mg
Tiamina o vitamina B1 0,198 mg
Riboflavina o vitamina B2 0,182 mg
Niacina o vitamina B3 1,102 mg
Piridossina o vitamina B6 0,23 mg
Fitosteroli 46 mg

Cardamomo: proprietà nutrizionali

Il cardamomo, essendo un seme, è un concentrato di nutrienti. Esso è soprattutto ricco di calcio, manganese, potassio e fitosteroli. Vediamo le caratteristiche di ognuno di questi componenti.

  • Calcio: questo minerale è presente in abbondanza nel cardamomo, circa 380 mg per 100 grammi. Il calcio fa parte della struttura delle ossa, quindi un suo apporto è fondamentale per sostenere l’apparato osteoarticolare e anche per prevenire i difetti di crescita. Esso interviene nei meccanismi di contrazione muscolare ed è importante anche per la comunicazione cellulare;
  • Potassio: il contenuto di potassio nei semi di cardamomo è davvero sbalorditivo, in quanto in 100 grammi di questi semi sono presenti ben 1119 mg di potassio. Si tratta di un minerale importante per mantenere un equilibrio nei valori della pressione arteriosa e nel ritmo della frequenza cardiaca. Esso contrasta la ritenzione idrica e interviene nei meccanismi di equilibrio acido-base e di contrazione muscolare;
  • Manganese: il manganese è un minerale essenziale per mantenerci in salute. Esso è presente nel nostro corpo in piccole quantità, e il cardamomo ne contiene ben 28 mg per 100 grammi. Esso è importante per potenziare le difese immunitarie e per sostenere le funzioni cerebrali e la crescita ossea. Inoltre, è coinvolto anche in funzioni antiossidanti, facendo parte di un enzima che diminuisce lo stress ossidativo;
  • Fitosteroli: i fitosteroli sono steroli di origine vegetale che si trovano soprattutto nei legumi, negli oli vegetali e nella frutta secca. Essi svolgono un ruolo fondamentale nel ridurre i livelli di colesterolo cattivo e quindi sono benefici per prevenire le malattie cardiovascolari. Inoltre, i fitosteroli vantano anche proprietà antitumorali.

Infine, nei semi di cardamomo è presente anche il cineolo, un composto dalle proprietà antibatteriche e responsabile di alcune delle proprietà benefiche di questa spezia, che vedremo di seguito.

Cardamomo: benefici per la salute

Numerose sono le proprietà del cardamomo e i benefici che derivano dal suo consumo. Gli effetti più noti sono sicuramente quelli digestivi e carminativi, tuttavia, il cardamomo ha ottime proprietà antibatteriche e si è rivelato utile per contrastare il colesterolo alto, ma non solo. Vediamo tutte le virtù di questa spezia.

✓ Esercita un effetto gastro-protettivo

Il cardamomo svolgerebbe un effetto protettivo sulle pareti dello stomaco. È quanto emerge da uno studio pubblicato ne 2006, in cui alcuni estratti di cardamomo hanno significativamente ridotto lesioni e ulcere indotte dalla somministrazione di aspirina e di etanolo nei ratti. L’uso di questa spezia, quindi, potrebbe apportare benefici a coloro che soffrono di disturbi gastrici.

✓ Aiuta la digestione e contrasta il gonfiore

Il cardamomo è una spezia che stimola la digestione, quindi ideale da aggiungere sia ai pasti, ma anche sotto forma di infuso da bere dopo i pasti. Inoltre esso ha un’azione carminativa, ossia aiuta a ridurre la formazione dei gas intestinali e quindi a contrastare la pancia gonfia. Per potenziare questa sua azione, potrebbe essere preparato un infuso insieme a semi di finocchio e di cumino.

✓ Il cardamomo riduce i livelli di colesterolo

Uno studio pubblicato nel 2017 ha svelato il potenziale dell’olio essenziale di cardamomo e della polvere nel ripristinare l’alterazione dell’omeostasi lipidica in condizioni di ipercolesterolemia. Infatti, la somministrazione di olio o di polvere di cardamomo, in ratti con ipercolesterolemia indotta, ha portato ad una significativa riduzione dei livelli di colesterolo totale e colesterolo cattivo. Il cardamomo avrebbe dunque un effetto cardio-protettivo.

✓ Ha proprietà antisettiche

Nel cardamomo troviamo il cineolo, un composto che caratterizza l’olio essenziale e che ha proprietà antisettiche. Per questo motivo l’uso di cardamomo e del suo olio essenziale può essere utile per le affezioni delle vie respiratorie, rendendolo un buon alleato in caso di tosse e raffreddore. Inoltre, la sua potente azione antibatterica potrebbe essere utile per prevenire le carie dentali. Per lo stesso motivo, masticare cardamomo aiuta a combattere l’alito cattivo. A tal proposito, bisogna masticare la bacca intera, con i semi ancora all’interno, in misura di 4 o 5 al giorno.

✓ Abbassa la glicemia

In uno studio pubblicato nel 2015, è stata osservata una significativa diminuzione dei livelli di glucosio sia a digiuno che dopo i pasti nei ratti. Sono necessari ulteriori studi per dimostrare lo stesso effetto sugli uomini, tuttavia esso può aiutare nella riduzione della glicemia, se assunto insieme ad una dieta equilibrata, ricca di fibre e povera di zuccheri.

✓ Riduce la pressione arteriosa

In uno studio effettuato nel 2009 su individui ipertesi, la somministrazione di 3 grammi di polvere di cardamomo per 12 settimane ha portato ad una efficace e significativa riduzione della pressione arteriosa, un aumento dei livelli di antiossidanti nell’organismo e un miglioramento dei processi di fibrinolisi. Quindi i benefici del cardamomo si estendono anche ai soggetti ipertesi.

✓ Potenziale effetto preventivo nelle malattie oncologiche

In uno studio pubblicato nel 2015, l’assunzione di cardamomo ha dimostrato di prevenire l’incidenza e la molteplicità del tumore indotto nei topi attraverso la somministrazione di una sostanza cancerogena come il pirene. Nell’uomo, questo effetto deve essere ancora dimostrato. Tuttavia, le premesse sono buone, quindi anche il cardamomo potrebbe aiutare nella fase di prevenzione, associato ad una dieta ricca di verdura e legumi e uno stile di vita sano.

Cardamomo: alcuni consigli di utilizzo

Il cardamomo lo si può trovare nei supermercati o nei negozi di alimenti specializzati, anche online. Il cardamomo viene usato molto nella cucina indiana per insaporire riso e verdure, ma anche in quella araba per la preparazione del prezioso caffè dove il cardamomo la fa da padrone con l’80% di partecipazione a fronte del 20% di caffè.

Una delle preparazioni più note in cui rientra è sicuramente il famoso tè indiano, il masala chai, in cui rientrano anche il pepe nero, la cannella, il tè nero e i chiodi di garofano. Per la preparazione completa, vi rimandiamo alla lettura del nostro articolo dedicato alla ricetta del masala chai.

Tra le tante ricette a base di cardamomo vogliamo ricordare anche la possibilità di fare il liquore semplicemente usando le bacche del frutto e aggiungendo alcool, zucchero e acqua. Le dosi sono queste: 1 litro di alcool, 300 g di zucchero, 500 ml di acqua e 30 g di bacche di cardamomo. La miscela ottenuta mescolando cardamomo pestato e alcool deve riposare un mese. Dopo di che va filtrato e si possono aggiungere gli altri ingredienti. È ottimo servito come digestivo.

Inoltre, il cardamomo può essere utilizzato (estraendo e macinando i semi contenuti all’interno dell’involucro) per aromatizzare zuppe e minestre, ma anche polpette vegetali. Per beneficiare del suo effetto digestivo e carminativo, si può preparare un decotto, facendo bollire per 5 minuti un cucchiaino di semi di cardamomo (aperti) in 200 ml di acqua. Infine, si possono preparare semplici infusioni da respirare con un asciugamano sulla testa per liberare le vie aeree.

Cardamomo: controindicazioni e potenziali effetti negativi

L’assunzione di cardamomo è solitamente sicura, senza particolari controindicazioni, eccezzion fatta per coloro che sono allergici a questa spezia. Anche chi soffre di calcoli biliari dovrebbe evitare il cardamomo, così come chi assume farmaci antiaggreganti. Sconsigliato anche in gravidanza e allattamento.

Curiosità
Lo sapevate che il cardamomo è usato anche per la preparazione del curry?

E a voi, piace il cardamomo? Lo avete mai provato? Come lo utilizzate? Fatecelo sapere lasciandoci un commento!

Dove trovare il Cardamomo

Semi di Cardamomo

Le erbe di rocca dei fiori sono coltivate ed assicate nei paesi di origine con la massima cura al fine di mantenere inalterate le proprietà delle piante.

Cardamomo Bio

Cardamomo Biologico ideale per esaltare il sapore delle marinate, nel vin brulé, e in particolari preparazioni a base di carne. Inoltre, si sposa a meraviglia con i piatti indiani, mentre, alle nostre latitudini, il cardamomo è un must nella preparazione del panpepato, dei biscotti aromatizzati e alcuni tipi di pane.

Cardamomo – Olio Essenziale Puro

Un ottimo digestivo efficace per combattere mal di stomaco, cefalea da cattiva digestione, meteorismo, aerofagia, spasmi intestinali, fermentazione.

Hai letto: Cardamomo, digestivo e antisettico: ecco proprietà, usi e controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Dott.ssa Barbara Ziparo
Barbara Ziparo è biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi. Appassionata da sempre delle proprietà curative degli alimenti, oggi effettua tirocinio volontario presso il reparto di Nutrizione Clinica di Catanzaro ed esercita la libera professione a Catanzaro e provincia e a Roma, effettuando valutazione dello stato nutrizionale e dei fabbisogni nutritivi ed energetici, percorsi di rieducazione alimentare, elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in particolari condizioni fisiologiche e patologiche. - barbaraziparonutrizionista.blogspot.it/.

3 COMMENTI

  1. Buongiorno, vorre solo un’informazione. Per fare tisane con il cardamomo devo aprire le capsule verdi o posso utilizzarle così come sono? Grazie!

    • Buongiorno Rose, personalmente consiglio di schiacciare i semi, senza sbucciarli, lasciandoli in infusione in acqua bollente. Rilasceranno in questo modo tulle le loro preziose proprietà.
      Cordialmente, Dott.ssa Alessandra Esposito

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here