Home Alimentazione Proprietà degli alimenti Prugne, amiche dell’intestino e anti-spossatezza: benefici e calorie

Prugne, amiche dell’intestino e anti-spossatezza: benefici e calorie

Ultima modifica:25 Ottobre 2021

0

Famoso per essere il frutto anti-stitichezza per eccellenza, le prugne (o susine) sono un alimento alleato della nostra salute grazie alla gran quantità di potassio, vitamina A e fibre che contengono.

Le prugne, i frutti della pianta Prunus domestica, sono un alimento nutriente e saziante, ad alto contenuto di potassio, fosforo, calcio, magnesio, ferro, vitamina A, vitamina C e polifenoli.

Prugne sfuse sopra un tavolo

Le possiamo trovare in commercio sia fresche che disidratate e quest’ultime, grazie al processo di essiccazione che riduce drasticamente la presenza di acqua, contengono una maggiore concentrazione di sostanze nutritive, di zuccheri facilmente assimilabili, di molecole ad azione antiossidante e (ahinoi) anche di calorie, per questo motivo è fondamentale non abusare con il consumo delle prugne secche.

In particolare, 100 gr di prugne secche apportano circa 236 calorie. Vediamo ora più da vicino tutte le proprietà delle prugne.

Prugne: calorie e proprietà nutrizionali

Le prugne fresche contengono una buona quantitò di acqua e fibre, a fronte di un basso contenuto di proteine e grassi. Sono, inoltre, un alimento poco calorico (100 grammi di prugne apportano solo 45 calorie) e hanno un buon contenuto di zuccheri. Dal punto di vista dei micronutrienti, invece, questi frutti sono una buona fonte di potassio, magnesio, vitamina C e alcune vitamine del gruppo B.

Sono inoltre una ottima fonte di polifenoli, sostanze antiossidanti molto diffuse nel mondo vegetale. Per maggior chiarezza, riportiamo di seguito la tabella con i valori nutrizionali delle prugne.

Valori nutrizionali per 100g di prugne:
Kcal 45
Proteine 0,5g
Carboidrati 10,5g
di cui zuccheri 10,5g
Grassi 0,1g
di cui saturi 0,01g
Fibre 1,5g
Potassio 190 mg
Magnesio 6 mg
Vitamina C 5 mg
Vitamina B1 0,08 mg
Vitamina B2 0,05 mg
Beta-carotene 96 µg
(fonte Bda-Ieo)

Prugne: i benefici per la salute

Le prugne sono utili per la regolarità intestinale, hanno azione diuretica e depurativa, hanno buone proprietà antiossidanti e sono un valido ricostituente naturale (specialmente la versione essiccata). Vediamo più in dettaglio tutti i benefici di questi frutti.

✓ Drenanti, disintossicanti e utili per la regolarità intestinale

Con ben l’88% di acqua e una buona quantità di fibre (riscontrabili soprattutto nella qualità essiccata), le prugne sono un’ottima fonte idrica ma non solo, presentano un ottimo effetto saziante e sono capaci di migliorare il transito intestinale, fungendo quindi da rimedio contro la stitichezza.

✓ Azione antiossidante e antinfiammatoria

Grazie alla vitamina A e ai polifenoli (i più rappresentati sono la cianidina, la catechina, l’epicatechina e le proantocianidine), molecole bioattive ad azione antiossidante che agiscono proteggendoci dall’azione dei radicali liberi che causano danni irreparabili alle nostre cellule.

✓ Azione anti-stanchezza e anti-spossatezza

Tra le proprietà delle prugne troviamo anche questo beneficio, garantito dalla gran quantità di un minerale, il potassio, ben 190 mg su 100 g. Il potassio è infatti un utilissimo tonico cardiaco e muscolare, utile anche per prevenire i crampi muscolari che possono insorgere dopo un’intensa attività sportiva.

✓ Prevenzione dell’osteoporosi

Secondo una ricerca della Florida State University pubblicata sul British Journal of Nutrition, le prugne secche sarebbero in grado di prevenire fratture ossee e addirittura l’osteoporosi nelle donne in menopausa.

✓ Prevenzione oncologica

A suggerire questa proprietà benefica è uno studio della Texas A&M University e della University of North Carolina, secondo cui mangiare prugne secche può influenzare il microbiota intestinale, riducendo dunque il rischio di sviluppare cancro del colon.

Quante prugne mangiare

Le prugne rientrano nella categoria della frutta, pertanto una porzione di prugne fresche equivale a circa 150 grammi. In modo più pratico, una porzione di prugne equivale a circa 2 frutti di medie dimensioni. Per garantirci tutti gli effetti preventivi e benefici delle prugne (inclusi quelli lassativi) è consigliabile consumare almeno 4-5 prugne fresche al giorno, già partendo dal pasto più importante della giornata, la prima colazione. Se assunte al mattino, inoltre, l’effetto lassativo delle prugne sarà migliore. A tal proposito, se volete usare le prugne per “andare in bagno” è possibile lasciare 5 o 6 frutti in ammollo per una notte per poi consumarli il mattino successivo, insieme all’acqua di ammollo.

In merito alle prugne secche, invece, va ricordato che si tratta di un alimento piuttosto calorico e, come tale, è bene non eccedere con le dosi, specialmente se siamo in sovrappeso o stiamo seguendo una dieta dimagrante. A tal proposito, ricordiamo che una porzione standard di frutta disidratata è di circa 40 grammi e questo quantitativo vale anche per le prugne essiccate.

Controindicazioni delle prugne

Attenzione che l’esagerato consumo di prugne può causare spiacevoli effetti indesiderati come diarrea, meteorismo e flatulenza, mentre è preferibile evitare del tutto questo frutto se soffrite di colite in quanto causereste un aumento del gonfiore e degli spasmi.

Hai letto: Prugne, amiche dell’intestino e anti-spossatezza: benefici e calorie

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome