Miele e curcuma: i benefici di questa accoppiata e idee per usarli insieme

Miele e curcuma uniti insieme aumentano la loro efficacia e possono essere utili per prevenire e curare mal di gola e raffreddore, rafforzando le difese del nostro organismo. Scopri i sono i benefici di questa accoppiata e come utilizzarla.

La curcuma si è fatta spazio nelle nostre dispense da pochi anni. Nota e utilizzata nelle culture orientali per le sue eccezionali proprietà, questa radice è sempre più al centro dell’attenzione anche della ricerca scientifica per le sue numerose doti (antiossidanti, antinfiammatorie, ecc.).

Miele e curcuma: i benefici e come usarli

Il miele è un prodotto utile contro mal di gola e tosse, si può sciogliere in una bevanda calda o assumere direttamente con il cucchiaino gustandolo lentamente in bocca. Questa sostanza, ricavata dalle api, fa parte della nostra tradizione e delle ricette curative delle nostre nonne.

Ma cosa succede se uniamo insieme miele e curcuma? Realizziamo in questo modo un efficace antibiotico naturale e andiamo a sfruttare le doti di entrambe le sostanze nel migliore dei modi. Ma scopriamo adesso più da vicino le proprietà di miele e curcuma.

Miele e curcuma: le proprietà

Le proprietà benefiche del miele più conosciute e apprezzate sono: il potere antibiotico, ovvero la capacità di contrastare i batteri, ma anche il suo essere un buon sedativo naturale in caso di tosse al pari di molti sciroppi e prodotti in commercio. Non dimentichiamo infine che il miele è anche un buon antinfiammatorio naturale.

La curcuma offre poi un’infinità di benefici al nostro organismo: è antiossidante, antinfiammatoria e antidolorifica. Sostiene inoltre l’attività del fegato, aiuta la digesitone, previene il diabete tipo 2 e sembra essere anche un buon antidepressivo.

Il composto a base di curcuma e miele può quindi tornare utile ai primi sintomi di influenza, tosse, raffreddore, mal di testa e altre problematiche legate ai malesseri stagionali.

Queste sostanze sono molto utili per lenire infiammazioni delle alte vie respiratorie e della gola. Non a caso miele e curcuma per la tosse risultano particolarmente efficaci. Da una parte il miele tende ad ammorbidire le mucose e sedare la tosse mentre la curcuma agisce come un antinfiammatorio a tutti gli effetti. Entrambi hanno inoltre potere antibiotico e antisettico e rafforzano le difese del nostro organismo che può così fronteggiare meglio l’attacco da parte di batteri, virus o altri microrganismi.

Importante sottolineare infine che, a differenza dei tradizionali antibiotici, questo composto naturale è assolutamente esente dagli effetti collaterali tipici dei noti medicinali, in primis la distruzione della flora batterica buona. Al contrario miele e curcuma migliorano le funzioni intestinali e favoriscono la digestione.

Come preparare il composto di miele e curcuma

Innanzitutto vediamo come preparare il composto a base di miele e curcuma. La dose ideale da utilizzare è 1 cucchiaio di curcuma per 100 grammi di miele (importante che sia biologico per evitare di ingerire sostanze dannose). I due ingredienti vanno ben mescolati insieme e subito posti in un contenitore di vetro con coperchio e conservati in frigorifero.

Per fare in modo che la curcumina sia ben assorbita, aggiungere anche un pizzico di pepe (una puntina di cucchiaino) e una sostanza grassa (ad esempio dell’olio o del latte) che migliorano la biodisponibilità e dunque la metabolizzazione da parte del nostro corpo dei principi attivi della curcuma.

Quando assumere miele e curcuma

Il modo più tradizionale di usare miele e curcuma è quello di assumere semplicemente uno o due cucchiaini di composto tutti i giorni per beneficiare delle sue proprietà. Si può assumere all’occorrenza (ad esempio in caso di mal di gola) oppure al mattino o durante la giornata; assumerlo prima dei pasti può essere utile per migliorare la biodisponibilità della curcuma.

In caso di tosse, raffreddore o mal di gola c’è chi consiglia anche l’assunzione del composto di miele e curcuma a piccole dosi ravvicinate: nel corso del primo giorno mezzo o 1 cucchiaino ogni ora; il secondo giorno ogni due ore; il terzo giorno mezzo o 1 cucchiaino ogni tre ore. In questo caso viene utilizzato a tutti gli effetti come una medicina naturale che sarebbe meglio sciogliere delicatamente in bocca oppure, come descriveremo di seguito, versare in un pochino di acqua calda o altra bevanda da sorseggiare con calma. Vi consigliamo di consultare il proprio medico prima di assumere la curcuma nel caso si stanno assumendo farmaci.

5 varianti per preparare miele e curcuma

Se volete sperimentare ulteriori varianti al semplice miele e curcuma sciolti insieme, vi proponiamo di seguito 5 idee da provare.

1Bevanda calda di curcuma e miele

Se l’idea di mandare giù un cucchiaino del composto (tre o più volte al giorno) così com’è non vi sembra possibile a causa del gusto troppo forte potete sciogliere il cucchiaino di miele e curcuma in una bevanda calda. Può essere della semplice acqua, tè o latte vegetale (es. latte di riso o latte di soia).

2Curcuma e miele con limone, zenzero e cannella

Per potenziare l’effetto antibiotico e antimicrobico potete aggiungere alla bevanda di miele e curcuma anche del succo di limone o dello zenzero in polvere. Ottimo anche l’abbinamento con la cannella (ne basta un cucchiaino da miscelare insieme agli altri ingredienti).

3Frullato o centrifugato alla curcuma

Potete anche utilizzare il composto di miele e curcuma per preparare un frullato utilizzando in aggiunta del latte vegetale e se volete anche della frutta fresca frullata. Nel caso vogliate preparare un centrifugato (o estratto se utilizzate un estrattore di succo), potete farlo utilizzando frutta fresca biologica e di stagione con l’aggiunta di curcuma fresca che potete trovare nei negozi di prodotti biologici ed ultimamente anche nei supermercati più riforniti. Infine, potete addolcire a piacimento con un cucchiaino del miele che preferite. Se volete creare una sorta di budino, potete farlo aggiungendo al classico frullato un addensante naturale come l’agar agar.

4Tisana alla curcuma con miele

Un modo efficace ed appagante per usare miele e curcuma insieme è quello di preparare una tisana con la curcuma a cui aggiungere il miele. Si procede innanzitutto facendo bollire per 10 minuti un paio di pezzi di radice di curcuma fresca o un paio di cucchiaini di spezia in polvere; successivamente, si spegne il fuoco e, una volta che la tisana sarà tiepida, aggiungere un cucchiaio di miele per ogni tazza di tisana e mescolare bene. Anche in questo caso è possibile bere la tisana così com’è o aggiungere del succo di limone.

5Golden Milk

Conoscete il Golden Milk? È un’ottima bevanda che si prepara con latte, pasta di curcuma, olio di mandorle e che si può dolcificare con il miele. Per sapere la ricetta completa del golden milk, potete trovarla nel nostro articolo: Golden milk: benefici e 6 ricette per farlo.

Miele e curcuma per la cura della pelle

Un primo modo d’uso alternativo consiste nel combinare miele e curcuma per ottenere una pasta da applicare sulla pelle per ridurre l’infiammazione e lenire prurito e piccole irritazioni cutanee.

La combinazione di miele e curcuma può essere utilizzata anche per realizzare uno scrub per il viso. Per farlo è sufficiente mescolare un cucchiaino di miele con un cucchiaino di curcuma in polvere, quindi aggiungere qualche goccia di acqua calda o qualche goccia di un olio vegetale a scelta (si può usare anche l’olio di oliva) e strofinare sul viso con delicati movimenti circolari, quindi risciaquare e applicare la crema idratante abituale. Con lo stesso composto si può realizzare anche una maschera viso idratante lasciandolo in posa per 10 minuti, prima di risciacquare con acqua tiepida.

La conservazione di miele e curcuma

Se avete preparato il composto a base di miele e curcuma, potete conservarlo in frigorifero e consumarlo entro pochi giorni (massimo 5, meglio 3). Un consiglio sempre valido è quello di preparare quantità ridotte per avere un composto sempre fresco che mantiene meglio le sue proprietà.

Per garantire la preparazione di un prodotto sempre fresco è però altrettanto importante conservare i due ingredienti principali in modo corretto. A tal fine, il miele va conservato in un vasetto di vetro ben chiuso, riposto in un luogo fresco e asciutto. Per quanto riguarda la curcuma in polvere, è consigliabile conservare anch’essa in un contenitore ermetico in un luogo fresco e asciutto, mentre quella fresca va conservata in frigorifero, meglio se in un sacchetto di carta. Inoltre, è sempre bene assicurarsi di controllare la data di scadenza degli ingredienti e l’eventuale presenza di umidità o muffe prima di utilizzarli.

Avvertenze e controindicazioni

Curcuma e miele è un rimedio naturale generalmente adatto a tutti ma come sempre ci sono delle eccezioni. La curcuma in particolare non deve essere assunta da chi soffre di calcoli alla cistifellea mentre in caso di malattie epatiche è sempre bene chiedere il parere di un esperto. Il miele invece è generalmente sconsigliato a chi soffre di diabete.

Francesca Biagioli

Laureata in lettere moderne con il massimo dei voti all’Università Roma 3. Redattrice web, blogger e studentessa di naturopatia da sempre appassionata di benessere naturale, salute alternativa, vivere green, sana alimentazione e yoga.

7 commenti

  1. Vorrei sapere che influsso ha miele, curcuma e pepe aggiungendo la vitamina c. Lo sto adoperando da una settimana sperando che mi passi il male alle ginocchia ma… purtroppo aumenta
    Grazie, Giorgio

    1. Caro Giorgio, come avrà letto nell’articolo la curcuma ha proprietà antinfiammatorie splendide, così come il miele. Nel caso della curcuma l’effetto antinfiammatorio sulle articolazioni è stato provato in alcuni studi. L’aggiunta di vitamina C non amplifica questi effetti. Tuttavia non sempre queste integrazioni sono sufficienti ed è fondamentale approfondire la problematica, soprattutto se il dolore permane e aumenta. Il mio consiglio è quello di richiedere un parere medico; se vuole e se non soffre di altre patologie (in particolari di calcoli biliari) può continuare con l’assunzione di curcuma!

    1. Buongiorno Edda, purtroppo l’assenza di pepe interferisce sull’assorbimento della cucrumina. Le consiglio di fare quindi particolare attenzione ad avere anche una sostanza grassa (es. olio o olio di cocco).
      Dott.ssa Stefania Cocolo

  2. mi hanno regalato un vasetto di miele con curcuma 2% senza che sia indicato il luogo provenienza . del miele .L’etichetta dice “preparato di miele e curcuma” Prodotto in Italia per ITALBENESSERE
    Via Cadorna 54 Lipomo (CO).
    ma Lipomo via Cadorna c’è un negozio di Calzolaio.
    Misembra una truffa.
    saluti

  3. Da qualche mese come abitudine ogni mattina a digiuno prendo un cucchiaino di una pozione a base di curcuma e miele preparata da me. Vorrei sapere se va bene presa in questo modo e se dovrei prenderla a cicli o se va bene per sempre o se potrei alternare con acqua, limone e zenzero. GRAZIE

    1. Buongiorno Tonia, se lei è in salute può continuare tranquillamente ad assumere la sua porzione di curcuma e miele ma, per migliorare l’assorbimento delle benefiche proprietà della curcuma, le consiglio di aggiungere anche un pizzico di pepe.
      Dott.ssa Alessandra Esposito – Biologa Nutrizionista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button