Home Alimentazione Dimagrire Cumino per dimagrire: ecco le proprietà dimagranti del cumino

Cumino per dimagrire: ecco le proprietà dimagranti del cumino

Ultima modifica:28 marzo 2019

2430
4
Nell’antichità era tra le spezie più note per le sue proprietà curative: oggi, oltre a dare alle pietanze un gusto particolare, il cumino è da apprezzare anche per le sue virtù dimagranti. Scopriamo insieme le caratteristiche e in che modo il cumino ci aiuti a dimagrire.

Il cumino è una pianta erbacea originaria della Siria e appartenente alla famiglia delle Apiaceae. Ne esistono diverse varietà: il cumino romano (Cuminum cyminum), così definito per la passione che gli antichi romani avevano proprio verso i suoi semi; il cumino carvi o dei prati (Carum carvi), che si differenzia dal primo perché ha semi più piccoli, scuri, e dal sapore decisamilente meno piccante; il cumino nero (Bunium persicum), specie diffusa per lo più in oriente, caratterizzata da semi lunghi, grigi e curvi. In questo articolo ci occuperemo del cumino romano.

Immagine - Semi di cumino in una ciotola

I semi di cumino sono ricchi di ferro, componente essenziale dell’emoglobina, calcio, fosforo; possiedono diverse vitamine, specialmente C (dallo spiccato effetto antiossidante), K e del gruppo B; inoltre, sono presenti tannini e mucillagini. I greci e i romani conoscevano e utilizzavano ampiamente la spezia, non soltanto a scopo culinario, ma soprattutto come rimedio naturale per combattere differenti disturbi, sfruttandone le proprietà officinali.

Il cumino possiede, infatti, importanti doti carminative, aiutando a prevenire o ridurre la formazione dei gas intestinali e gli episodi di meteorismo; facilita il processo digestivo, poiché favorisce la secrezione degli enzimi pancreatici, e aiuta ad assimilare meglio i cibi; ha azione emmenagoga e galattogoga, vale a dire che, rispettivamente, stimola le mestruazioni e fa aumentare la produzione di latte; possiede qualità antinfiammatorie; promuove un miglioramento del profilo lipidico e dei valori glicemici; facilita il dimagrimento. Quest’ultimo interessante aspetto è oggetto dell’articolo: vediamo insieme se e in che modo il cumino ci aiuti effettivamente a dimagrire.

Cumino per dimagrire: come e perché il cumino aiuta a dimagrire

Numerose erbe e spezie hanno un’attività termogenica, e il cumino ne fa sicuramente parte. Col termine di “termogenesi” si intende il processo attraverso cui l’organismo brucia calorie per poter utilizzare gli alimenti ingeriti, trasformando le stesse in calore: non a caso, l’assunzione di spezie piccanti comporta un temporaneo aumento della temperatura corporea e una sensazione di intenso caldo nel cavo orale.

La termogenesi permette di accelerare il metabolismo e, di conseguenza, di bruciare calorie e grasso in modo più rapido. Grazie alla sua proprietà termogenica, dunque, l’assunzione di cumino aiuta a dimagrire, senza però mai dimenticare che non esistono cibi (o bevande, o spezie) che siano di per sé “miracolosi” (se siamo dei perenni sedentari e assumiamo troppe calorie al giorno, mangiando tanto e male, non ci sarà spezia termogenica che tenga!): il tutto va sempre inserito in un’alimentazione sana e varia, a cui si accompagni una vita attiva e un minimo di esercizio fisico costante.

Diversi studi effettuati su soggetti obesi a cui sia stato somministrato cumino in polvere per un certo numero di settimane hanno dato come esito una importante riduzione del peso corporeo, dell’indice di massa corporea e dell’intero profilo lipidico. Pare, inoltre, che i fitoestrogeni presenti nel cumino aumentino i livelli di serotonina a livello delle fessure sinaitiche, il che comporterebbe un senso di sazietà potenziato e un ridotto consumo di cibo.

Grazie alle sue tipiche facoltà carminative, antinfiammatorie e antiossidanti, il cumino depura e sfiamma stomaco e intestino e svolge azione benefica su tutto l’apparato digestivo. Una corretta digestione è un primo passo fondamentale per chi ha deciso di iniziare un percorso di dimagrimento: si evita l’accumulo di tossine e scorie nell’organismo, la formazione di gas intestinali che, oltre ad essere fastidiosi, arrotondando il profilo della silhouette e si prevengono episodi di stipsi.

Quanto cumino si può mangiare al giorno per ottenere gli effetti dimagranti

Affinché il cumino possa darci il suo contributo nel dimagrimento, si consiglia di assumerne 3 g al giorno, l’equivalente di un cucchiaino circa da caffè, suddivisibile tra pranzo e cena o negli spuntini. Il cumino può essere scelto in polvere, in aggiunta ad esempio allo yogurt, alle zuppe, ai legumi, alle verdure, oppure in semi, grazie ai quali si possono preparare tisane o decotti, magari miscelando in parti uguali anche semi di anice o di finocchio per potenziare l’azione digestiva.

Non assumere se…

L’uso del cumino è sconsigliato quando si assumono farmaci ormonali oppure fotosensibili oppure in caso di epatopatie.

Siete amanti delle spezie? Utilizzare il cumino nelle vostre ricette e per dare una mano alla linea? Raccontateci le vostre esperienze in merito.

Hai letto: Cumino per dimagrire: ecco le proprietà dimagranti del cumino
Dott.ssa Caterina Perfetto
Caterina Perfetto si laurea in Scienze Biologiche presso la Federico II di Napoli. Dopo aver lavorato presso un laboratorio di analisi cliniche, si perfeziona in Igiene Alimentare, Nutrizione e Benessere. Esegue valutazione dello stato nutrizionale, determinazione Massa Magra e Massa Grassa, elaborazione di profili nutrizionali personali e specifici, test per le intolleranze alimentari. Riceve a S. Antimo (NA).

4 COMMENTI

  1. Questo articolo mi fa capire quanto poco conosciamo le spezie e le loro numerose proprietà. Dovremmo imparare ad utilizzarle di più.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome