Home Alimentazione Mangiare sano Germogli di soia: piccole piantine dalle grandi proprietà

Germogli di soia: piccole piantine dalle grandi proprietà

Ultima modifica: 11 ottobre 2016

23551
3
CONDIVIDI
benefici dei germogli di soia

I germogli di soia crudi o cotti hanno proprietà benefiche per il nostro organismo. Aiutano ad abbassare il colesterolo, puliscono le arterie e sono diuretici e quindi indicati nelle persone che devono tenere un regime alimentare particolarmente sano. Le poche calorie dei germogli di soia crudi li rendono alimenti perfetti per diete ipocaloriche.

I germogli di soia sono noti fin dall’antichità in oriente e sono alla base di moltissime ricette. Ricchi di vitamine e minerali possono essere consumati crudi o cotti.

La soia è un legume dalle caratteristiche diverse rispetto ai legumi a cui siamo abituati. La soia infatti è ricca di proteine, povera di grassi e molto ricca di acqua. I germogli di soia sono le piccole piantine di soia appena nate e vengono consumati come una verdura. La loro natura medicamentosa è nota fin dall’antichità in Oriente dove sono protagonisti di moltissime ricette tradizionali. I germogli di soia sono in tutto e per tutto paragonabili a integratori naturali e aiutano l’organismo in tantissime funzioni, da quelle digestive a quelle anti-invecchiamento.


Germogli di soia: proprietà

I germogli di soia contengono alte percentuali i proteine e lipidi (rispettivamente 37% e 18%). contengono anche zuccheri solubili come il saccarosio (11%) e alte quantità di fibra e sali minerali come ferro, potassio e calcio. Si tratta di un alimento poco calorico infatti conta appena 49 calorie per 100 grammi di prodotto.

Le caratteristiche organolettiche rendono i germogli di soia perfetti per curare:

  • Colesterolo: ricchi di lecitina i germogli di soia evitano l’ispessimento delle pareti arteriose e favoriscono la fluidificazione del sangue.
  • Osteoporosi: le proteine della soia aiutano l’organismo a assimilare la vitamina D essenziale per rafforzare le ossa. Viene pertanto consigliato il suo consumo alle donne in menopausa che possono essere soggette ad osteoporosi.
  • Intestino pigro: i germogli di soia sono ricchi di fibre e quindi aiutano la regolarità intestinale (anche in caso di diarrea).
  • Disturbi cardiovascolari: grazie all’azione contrastante nei confronti del colesterolo, i germogli di soia aiutano il cuore a lavorare meglio elasticizzando le arterie.
  • Per perdere peso: la soia accelera il metabolismo ed è quindi consigliabile il consumo di germogli di soia per chi deve perdere peso.

Inoltre, il consumo di soia, è consigliato in menopausa perché apporta numerosi estrogeni che mancano alla donna in questa particolare condizione fisica.
Assumere germogli di soia regolarmente aiuta anche ad allontanare le vampate di calore. Mangiare regolarmente germogli di soia aiuta a combattere la perdita di capelli perché stimola l’ormone DHT responsabile della caduta.

Sembra anche che la soia in genere abbia importanti proprietà antitumorali. Questa ultima caratteristica è piuttosto recente, infatti fino al 2013 si pensava che la soia andasse a contrastare gli effetti della cure anticancro della medicina tradizionale e quindi se ne sconsigliava l’uso.

Sapevi che è possibile coltivare in casa i germogli di soia? Per farlo hai semplicemente bisogno di un germogliatore. Ecco come funziona » » » Germogliatore: come usarlo in casa


Germogli di soia: controindicazioni

Sarebbe meglio evitare di mangiare i germogli di soia crudi in quanto contengono alcune sostanze (i fitati) che ostacolano l’assimilazione dei suoi nutrienti. I fitati scompaiono con la cottura (anche breve). Inoltre i germogli di soia crudi possono essere contaminati da batteri ed è quindi meglio consumarli dopo averli scottati anche per un solo minuto in acqua bollente. Una volta “sterilizzati” e “ripuliti” dai fitati possono essere aggiunti alle insalate come si farebbe con una normale verdura.

In generale comunque si tratta di alimenti sani e ricchi di proprietà benefiche che però nascondono qualche piccola controindicazione. Assumerli in quantità molto elevate infatti potrebbero portare non pochi danni all’organismo. Le alte percentuali di acido fitico ad esempio, possono impedire l’assorbimento di ferro, calcio e magnesio. Allo stesso modo, ad alte dosi, sono dannosi gli isoflavoni di cui sono ricchi perché possono interferire con alcune funzioni come quelle tiroidee.
Si consiglia quindi di non eccedere col consumo di germogli di soia crudi o cotti, e limitarne l’uso a 30/60 grammi al giorno.

Dove trovare i germogli di soia

Germogli di Soia Verde Bio

Questi germogli vengono prodotti dal seme di soia verde, vengono poi selezionati, raccolti e lavati. La loro conservazione in aceto di mele consente di mantenerne inalterata la croccantezza, conferendo un sapore dolce e delicato.

Germogli di Soia Gialla

Conosciuti come “seme miracoloso”, i germogli di Soia abbassano il livello di colesterolo e prevengono problemi di pressione alta.

Hai letto: Germogli di soia: piccole piantine dalle grandi proprietà

3 COMMENTI

  1. Salve, ho fatto la soia a casa. Pero la mia adesso sta con qualche radichetta di tropo ( per intendere, cè quella principale, grossa e dopo ci sono quelle piccoline intorno alla principale tipo 4,5) … quindi vorrei sapere se anche cosi se può essere consumato. Grazie per le informazione cosi preziose !!!

LASCIA UN COMMENTO