Come usare le cime di rapa in cucina: preparazione, cottura e abbinamenti

Le cime di rapa sono un ortaggio sano e molto versatile in cucina. Vediamo come prepararle e i metodi di cottura più utilizzati.

Le cime di rapa sono un ortaggio a foglia verde appartenente alla famiglia delle Brassicacee, la stessa a cui appartengono i cavoli, e si trova di stagione tra l’autunno e l’inverno. La parte commestibile della pianta è composta dalle foglie, i fiori e le cimette, simili a piccoli broccoli. Il colore è verde intenso e hanno un sapore leggermente amaro mentre le foglie hanno un leggero sapore pepato che può variare da lieve a pungente. Le foglie più tenere e le infiorescenze, talvolta prendono anche il nome di friarielli.

Come usare e cucinare le cime di rapa

Si tratta di un ortaggio versatile e ricco di sostanze nutritive che può essere mangiato crudo o cucinato in molti modi diversi. Si possono reperire fresche, surgelate o conservate in vasetti, tuttavia, quando sono di stagione è consigliabile acquistarle fresche per apprezzare al meglio il loro sapore e le loro proprietà nutritive.

Si tratta di un ortaggio ricco di vitamina C, vitamina K, fibre, acido folico e potassio, con proprietà antiossidanti e utili al benessere intestinale e delle ossa. Inoltre hanno un bassissimo contenuto calorico (22kcal/100gr), sono quindi adatte alle diete dimagranti. Se volete sapere più in dettaglio a cosa fanno bene, vi consigliamo la lettura del nostro approfondimento: Cime di rapa: valori nutrizionali, benefici e controindicazioni. Vediamo ora, invece, come prepararle e usarle in cucina.

Come scegliere le cime di rapa migliori

Quando acquistate le cime di rapa, cercate mazzi con foglie di colore verde intenso, senza macchie gialle o scure. Evitate, invece, mazzi con foglie eccessivamente appassite, perché potrebbero essere poco fresche. Anche i gambi devono risultare ben sodi e turgidi. I fiori e le cimette devono essere di un colore intenso, uniforme e devono risultare sodi al tatto. Anche l’odore della verdura a crudo è un importante indicatore di qualità: il mazzetto di cime di rapa dovrebbe avere un odore leggermente dolce, se invece l’odore è aspro o amaro, è possibile che la verdura non sia fresca.

Inoltre, quando scegliete le cime di rapa per la vostra ricetta potrebbe essere utile pensare in anticipo all’uso che ne dovrete fare: se dovete cuocerle per usarle in una ricetta, potete optare per mazzetti dalle foglie più grandi perché conservano meglio la loro croccantezza anche con la cottura; se invece dovete mangiarle a crudo, ad esempio in un’insalata, i mazzetti con foglie e cime piccole potrebbero risultare più adatte perché sono più tenere e facili da mangiare.

Preparazione delle cime di rapa

La preparazione delle cime di rapa è semplice e veloce. Il primo passo è quello di eliminare eventuali parti ingiallite o scure della pianta, quindi lavare la verdura sotto acqua corrente per rimuovere residui di terriccio e impurità. Successivamente asciugate le cime di rapa con un panno da cucina o con della carta assorbente, a questo punto sono pronte per essere tagliate.

Come prima cosa si procede tagliando le foglie e i gambi in piccoli pezzi, così da velocizzare i tempi di cottura e far assorbire meglio il condimento. Le cimette vanno staccate e tagliate anch’esse in pezzi più piccoli. Se avete preparato troppa verdura, potete conservare quella in eccesso in un contenitore ermetico da riporre in frigorifero.

Come renderle meno amare

Considerando i gusti soggettivi, non tutti apprezzano le verdure amare. Con un po’ di inventiva è possibile smorzare il loro sapore amarognolo, ricorrendo a semplici ingredienti aggiuntivi. Un metodo classico per addolcire le cime di rapa prevede l’aggiunta, durante la cottura, di una manciata di pinoli e uvetta passa. Un altro metodo semplice ed efficace per togliere l’amaro dalle cime di rapa consiste nell’immergerle in acqua fredda e limone per un’ora o due prima della cottura.

Tempi e metodi di cottura delle cime di rapa

Una volta che le cime di rapa sono state pulite e tagliate, possono essere mangiate sia crude che cotte. I metodi di cottura con cui si possono preparare sono diversi: al vapore, in padella, al forno o bollite. Il tempo di cottura varia a seconda del modo scelto, vediamo più in dettaglio i principali metodi di cottura delle cime di rapa.

✓ Bollitura

Uno dei metodi più utilizzati per cucinare le cime di rapa è la bollitura. In questo caso è sufficiente mettere a bollire gli ortaggi per 8-10 minuti in acqua leggermente salata. Trascorso il tempo di bollitura, si scolano e si passano sotto acqua fredda per bloccare la cottura e non far diventare gli ortaggi troppo molli. Questo passaggio può essere evitato se, una volta scolate, vi accorgete che sono ancora troppo dure. Se optate per la pentola a pressione, invece, i tempi di cottura si dimezzano, arrivando a circa 4-5 minuti.

✓ Cottura a vapore

La cottura a vapore è un altro metodo molto diffuso per cucinare le cime di rapa. Si tratta di uno dei metodi più sani e utili a conservare maggiormente i nutrienti presenti nell’ortaggio. In questo caso basta riempire una pentola con acqua sufficiente a coprire il fondo e, quando inizia a bollire, posizionare le cime di rapa nel cestello. Quindi chiudere la pentola con un coperchio e lasciare cuocere per 10-12 minuti o fino a che non raggiungono il livello di cottura desiderato.

✓ Cottura in padella

Cucinare le cime di rapa in padella è un metodo molto utilizzato e gradito per via del sapore e della croccantezza finale. Si procede aggiungendo le cime di rapa tagliate finemente in una padella, a cui va aggiunta un po’ di acqua, aglio, sale e, se lo gradite, un po’ di peperoncino. Si accende il fuoco e si lascia cuocere con un coperchio a fuoco medio per 6-7 minuti o fino a raggiungere la consistenza desiderata. La cottura in padella può essere un buon modo anche per saltare le cime di rapa precedentemente cotte a vapore o lesse. In questo caso aggiungere un po’ d’olio in una padella a fuoco medio-alto, quindi aggiungete un po’ di aglio tritato finemente (se lo gradite) e versate le cime di rapa tagliate a pezzetti, poi mescolate per pochi minuti finché non saranno croccanti.

✓ Cottura al forno

Cuocere al forno le cime di rapa è facile. Come prima cosa prendete gli ortaggi già tagliati e disponeteli su una teglia ricoperta di carta forno, quindi versate sopra un filo di olio e sale (oltre ad eventuali altri condimenti che preferite), quindi accendete e preriscaldare il forno a 200°C. Mettete le verdure nel forno preriscaldato per 10-15 minuti, finché non saranno croccanti ma non bruciate. Servitele calde come accompagnamento o contorno per un secondo piatto.

Come abbinare le cime di rapa in cucina

Dopo aver visto i diversi metodi di cottura, vediamo gli abbinamenti vincenti in cucina. Nello specifico, le cime di rapa possono essere abbinate con diversi ingredienti per preparare piatti saporiti. Innanzitutto sono un’ottimo abbinamento a qualsiasi ricetta a base di verdure, come insalate, zuppe, primi piatti e contorni. Tra le verdure, si abbinano bene ad altri cavoli (in particolare broccoli e cavolfiori), alle carote o alle cipolle. Un abbinamento classico è quello con le patate, che ben si sposano con il sapore delle cime di rapa e, se unite a salvia, olio, sale e pepe diventa un piatto ricco di sapore.

Oltre alle verdure, si possono abbinare ad alimenti proteici quali uova, formaggi (gorgonzola, taleggio, asiago, scamorza), salsiccia, pesce o legumi (specialmente fagioli). Alcune ricette prevedono anche l’abbinamento di cime di rapa alla frutta secca. Possono infine essere abbinate anche a pasta, riso o quinoa per creare ricette ricche di gusto e benefici.

2 ricette con le cime di rapa

Per concludere vi proponiamo due ricette pratiche per sperimentare l’uso delle cime di rapa in cucina, oltre al semplice consumo come contorno.

1 Cime di rapa con fagioli e patate

Le cime di rapa con fagioli e patate sono una ricetta vegetariana semplice e veloce da preparare. La preparazione per 2 persone prevede: 200 gr di fagioli precotti e scolati, 2 patate di medie dimensioni e 300 gr di cime di rapa, oltre che olio, sale e uno spicchio di aglio.

  • Per preparare questo piatto, iniziate lavando le cime di rapa sotto l’acqua corrente, quindi tagliatele a piccoli pezzetti e cuocetele per qualche minuto, in modo da renderle più morbide;
  • Nel frattempo pelate e tagliate a cubetti le patate, quindi cuocetele per qualche minuto (circa 10/15, a seconda della dimensione);
  • A pochi minuti dal termine di cottura delle patate, in una padella iniziate a scaldare i fagioli a fuoco basso con un filo di olio e uno spicchio di aglio;
  • Una volta che le patate saranno cotte, unitele ai fagioli e aggiungete anche le cime di rapa, quindi cuocete tutto insieme per qualche minuto a fuoco medio, mescolando frequentemente. Se lo gradite, potete aggiungere un po’ di peperoncino;
  • Infine, servire il piatto con un filo d’olio a crudo. Il risultato finale sarà un piatto ricco di sapore e di nutrienti.

2 Orecchiette alle cime di rapa

Le orecchiette alle cime di rapa rappresentano un grande classico della cucina pugliese. Vediamo come si preparano.
Ingredienti per 2 porzioni:

  • 400 g di cime di rapa già mondate e lavate;
  • 180 g di orecchiette di semola di grano duro;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 3 filetti di acciuga sott’olio;
  • Uno spicchio d’aglio;
  • Peperoncino tritato q.b.;
  • Sale q.b.

Procedimento:

  • Tritare l’aglio e trasferirlo in una padella insieme all’olio d’oliva, una manciata di peperoncino tritato e soffriggere il tutto per alcuni istanti (l’aglio dovrà diventare dorato, ma non bruciarsi). Dunque, spegnere il fuoco e sminuzzare le acciughe nel soffritto. Conservare da parte;
  • Far bollire l’acqua con un pizzico di sale e mettere le orecchiette in cottura (il tempo di cottura della pasta può variare a seconda della marca. In genere, per questo formato occorrono circa 13 minuti). A metà cottura, aggiungere le cime di rapa e cuocerle insieme alla pasta;
  • A cottura ultimata, rimuovere l’acqua residua e trasferire il tutto nella padella contenente il soffritto. A questo punto, spadellare il tutto su fuoco basso, mescolando tutti gli ingredienti per qualche secondo;
  • Porzionare e servire.

Quando si tratta di cucinare le cime di rapa è importante sperimentare il proprio mix di sapori preferito, così da ottenere sempre risultati da leccarsi i baffi!

Viversano.net

VIVERSANO.net è il sito di riferimento per la sana alimentazione, i rimedi naturali per essere sempre in forma e in salute e la cosmesi naturale. Siamo online dal 2012 con la missione di creare una risorsa utile ed affidabile per promuovere uno stile di vita più sano e naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio