Home Alimentazione Mangiare sano Anice stellato: forma insolita per un elemento benefico

Anice stellato: forma insolita per un elemento benefico

Ultima modifica: 20 ottobre 2016

43837
4
CONDIVIDI
anice stellato utilizzi

Bello da vedere, l’anice stellato è anche ricco di proprietà benefiche per l’organismo. Ma bisogna fare attenzione: assunto in dosi elevate l’anice stellato ha controindicazioni importanti.

L’anice stellato è originario dell’Asia ma molto diffuso anche in sud America. Il nome bislacco è da attribuirsi alla forma del frutto che ricorda una stella con 8 punte legnose all’interno delle quali c’è un seme marrone oleoso.

Per poter essere utilizzato il frutto viene prima lasciato seccare. Il gusto dell’anice stellato ricorda un po’ quello della liquirizia ed è molto deciso quindi basta usarne piccole quantità per insaporire pietanze e tisane.

Anice stellato: proprietà

L’anice stellato è un frutto decisamente calorico: per 100 grammi di prodotto si contano oltre 330 calorie e 16 grammi di grassi. In compenso non contiene colesterolo e contiene molte proteine, circa 18 grammi su 100. Ricco di ferro e calcio ha un’alta percentuale di vitamina C e di fibre.

I componenti dell’anice stellato donano proprietà capaci di scongiurare diverse tipi di infezioni:

Combatte l’herpes

Per essere precisi l’azione dell’anice stellato non è quella di sconfiggere l’herpes labiale, ma di evitare che si riproduca diventando virale.

Contro l’influenza

Lo stesso principio specificato per l’herpes, è utilizzabile per aiutare a sconfiggere il virus dell’influenza.

Antibatterico

Dall’anice stellato viene estratto anche l’anetolo che ha proprietà antibatteriche e conferisce al frutto la capacità di combattere molte forme batteriche tra cui vomito e diarrea.

Antinfiammatorio

Grazie sempre all’anetolo l’anice stellato è un potente antinfiammatorio.

Diuretico

Questa spezia è un forte diuretico quindi viene sconsigliato l’uso in caso di problemi renali.

Aiuta l’apparato digerente

L’anice stellato ha proprietà capaci di alleviare il dolore addominale. Si consiglia di mescolare una goccia di olio essenziale di anice con un cucchiaio di miele per favorire la digestione e il meteorismo.

Alleato contro la tosse

Aggiungendo una goccia di anice stellato a un normale sciroppo per la tosse si accentua la capacità espettorante e aiuta l’eliminazione del muco.

Favorisce l’allattamento

L’anice stellato favorisce la produzione di latte grazie alla presenza di diantheole e photoantheole.

Anice stellato: consigli di utilizzo

Questa spezia viene usata in cucina per insaporire dolci e pietanze in genere, bisogna però avere alcune piccole accortezze prima di utilizzarlo: bisogna lasciar bollire in acqua i baccelli e poi macinarli con un mortaio fino ad ottenere una polvere fine. A questo punto è possibile aggiungerli al cibo per dare un sapore deciso. Particolarmente indicato anche nelle verdure stufate. 


L’anice stellato è ottimo anche per essere usato sulla pelle perché aiuta a combattere l’acne. L’unica accortezza da usare è diluire l’olio essenziale di anice stellato (ad esempio con olio di mandorle) prima di frizionarlo sulla parte da curare con l’aiuto di una garza sterile. Può essere applicato anche sulla cute per allontanare i pidocchi.

Per disintossicare il fegato è possibile preparare una tisana a base di anice stellato e altre erbe officinali. In una tazza d’acqua bollente, far bollire per 10 minuti un cucchiaio di mix (che possiamo far preparare in qualsiasi erboristeria) composto dalle seguenti erbe: 20g di tarassaco, 30g di cardo mariano, 15g di radice di curcuma, 20g di menta e 15g di anice stellato. Trascorsi i 10 minuti, filtrare e bere. Si consiglia di assumere questa tisana lontano dai pasti e preferibilmente durante la mattinata. Proseguire per almeno 20 giorni consecutivi.

Controindicazioni ed effetti collaterali dell’Anice stellato


L’anice stellato è controindicato nei bambini perché può provocare intossicazioni. Questo non vale nel caso dell’allattamento: come abbiamo già specificato, infatti, l’anice aiuta la produzione di latte e quindi, se assunto in piccolissime dosi, non ha ripercussioni nei neonati che assumono latte materno. In linea generale le controindicazioni dell’anice stellato sono tutte legate a dosi elevate di prodotto.

L’indigestione di anice produce infatti vomito, diarrea o movimenti oculari rapidi. Nei casi più gravi si possono manifestare anche convulsioni.
In linea generale è necessario consu ltare il medico ogni qualvolta si prendono medicinali prima di assumere anice stellato perché potrebbe influire sul normale funzionamento del farmaco.

Tuttativa c’è una particolare specie di anice stellato velenoso. E’ il caso della specie Giapponese (illicium anisatum) che risulta tossico per il sistema nervoso e già a piccole dosi può provocare convulsioni. In Europa l’importazione di questa specie è proibita, ma se viaggiate in Asia prestate attenzione: i frutti di questa specie tossica sono più piccoli, meno scavati e dalla forma meno regolare.

Dove trovare l’Anice stellato

Anice Stellato – Infuso

L’anice stellato è una pianta che presenta diverse proprietà officinali, tra cui quella espettorante, carminativa, tonica dello stomaco, della digestioni e permette di favorire l’allattamento.

Anice Stellato – Olio Essenziale

Utilizzi nei diffusori: rilassante e riequilibrante. Utilizzi in cosmetica: si aggiunge a dentifrici e collutori cura le mucose della bocca, inibisce la crescita batterica e combatte le infiammazioni gengivali.

Hai letto: Anice stellato: forma insolita per un elemento benefico
Francesca Oliva
Mamma ed esperta di comunicazione online, si occupa di content marketing per diversi blog e siti e di social media marketing. Appassionata di salute e benessere per Viversano.net è redattrice. www.francescaoliva.it

4 COMMENTI

  1. Mi sembra che l’articolo contenga svariati svarioni:
    1. se è diuretico , perché sconsigliarlo in chi ha problemi renali?
    2. l’herpes labiale è difatti un virus… come si può evitare che diventi virale, che voleva dire l’autrice?
    3. “abbassa l’influenza”, s’intende dire che abbassa la febbre?
    4. Vomito e diarrea possono avere molteplici cause, tra cui quella batterica. L’anice combatte i sintomi o i batteri? e se è antibatterico, quanti giorni ci vogliono per ottenere l’effetto desiderato?

  2. avete scritto :preparare una tisana a base di anice stellato e altre erbe officinali: mescolare in una tazza d’acqua bollente 20 g di tarassaco, 30 di cardo mariano, 15 g di curcuma, 20 g di menta e 15 di anice stellato.
    I pesi delle erbe non mi sembrano corretti 100 grammi in totale escono da soli anche da una grossa tazza e ci devo mettere ancora l’acqua.

    • Ciao, grazie per la segnalazione del refuso.
      Del mix preparato con le erbe indicate, ne occorre solo un cucchiaio per tazza, il sacchetto da 100 grammi ti durerà parecchi giorni 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here