Home Salute Corpo umano Colon irritabile: sintomi e rimedi naturali

Colon irritabile: sintomi e rimedi naturali

Ultima modifica: 10 dicembre 2016

6104
0
CONDIVIDI
Colite o sidrome colon irritabile

Il colon irritabile, o se preferite colite, è un disturbo limitante e doloroso. In questo articolo cercheremo di capire meglio quali sono le cause, i fattori peggiorativi e quali rimedi naturali adottare per ridurre gli effetti negativi.

La sindrome del colon irritabile: i sintomi

Crampi addominali, diarrea alternata a stitichezza, emissione di muco con le feci, gonfiore addominale, meteorismo, alitosi, digestione lenta. Sono i sintomi più frequenti di una patologia (sindrome del colon irritabile) della quale non sono ancora ben note le cause ma sulla quale incidono negativamente cattiva alimentazione e stress. In presenza di questi sintomi si devono fare indagini precise. Ci sono infatti altre patologie che presentano un po’ gli stessi sintomi quali la celiachia, la colite ulcerosa, il morbo di Chron.

La diagnosi di sindrome di intestino irritabile, fatta da uno specialista in un centro specializzato di gastroenterologia, presuppone il cambiamento del proprio stile di vita, un’attenzione particolare all’alimentazione e un’effettiva riduzione del carico di stress.

Ci vogliono tempo e pazienza ma solo in questo modo si può imparare a conoscersi per tenere sotto controllo i sintomi dell’intestino irritabile.

Cosa mangiare. Da un punto di vista alimentare si dovranno prediligere alimenti che riducono lo stato infiammatorio ed il gonfiore e riequilibrino il microbiota intestinale.
Saranno quindi da preferire le proteine della carne bianca, il riso, le patate lesse, quasi tutta la frutta e la verdura fresche, lo yogurt arricchito con probiotici. È importante anche bere molta acqua.

Cibi da vitare. Dovranno essere evitati o limitati cibi che aumentano lo stato infiammatorio intestinale come i cibi fritti, gli alcolici, lo zucchero bianco raffinato ed il caffè. Ma andranno evitati anche altri alimenti che, influendo negativamente sul gonfiore, tendono ad aumentare il problema, quali i prodotti lievitati (come pizza, pane, focacce, prodotti dolciari), ed i prodotti con alto contenuto di fibre come cereali, fagioli, soia, mais, cavoli, cipolle, aglio, carciofi, pesche, prugne, uva e fichi.

Ultime interessanti novità

A Miami lo scorso anno si è svolto un congresso dal titolo “Gut Microbiota for Health World Summit”( Vertice Mondiale per la Salute del Microbiota Intestinale).

Durante il congresso ha esposto il suo studio il dott. Giovanni Barbara, prof. all’Università di Bologna e presidente della Società Europea di Neurogastroenterologia e Motilità (ESNM).

Secondo questo studio il 10% dei soggetti sani che viene colpito da gastroenterite causata da una infezione di batteri patogeni come Salmonella, Shighella o Campylobacter, sviluppano i sintomi della sindrome del colon irritabile.

Inoltre, secondo il professore, non solo le infezioni ma anche gli antibiotici possono alterare negativamente la flora intestinale e determinare lo sviluppo di questa patologia. Per il prof. Barbara l’alimentazione ha primaria importanza nella riduzione del sintomo, soprattutto per quanto riguarda gonfiore e dolore addominale. Infatti, si è osservato che una dieta povera di FODMAPs (polisaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi, polioli) riduce notevolmente i sintomi della sindrome.

Lo studio avrebbe dimostrato che alla base della sindrome del colon irritabile vi è un’alterazione della flora intestinale e che questa potrebbe essere anche alla base dei notevoli cambi d’umore di coloro che soffrono di tale patologia.

Ciò farebbe presupporre, e secondo tale studio non è da escludere, che coloro che mostrano un umore piuttosto variabile possono avere problemi di tipo intestinale, cosa meno frequente per coloro che hanno un’attività intestinale regolare.

Colon irritabile: i rimedi naturali

Una cura per ora non c’è, purtroppo. Ma chi soffre di intestino irritabile può riuscire a controllare i sintomi e riprendere così il controllo della propria vita sociale.

Come abbiamo visto al primo posto l’alimentazione. In secondo luogo controllare gli stati d’ansia e di stress. A questo proposito un aiuto può venite da piante quali melissa, tiglio, passiflora e valeriana, con proprietà ansiolitiche e leggermente sedative, o da rodiola rosea o schisandra, piante adattogene, capaci di aiutare l’individuo a reagire positivamente allo stress fisico e psicologico.

Per aiutare la digestione, sgonfiare la pancia e ridurre gli spasmi addominali i rimedi migliori sono il finocchio, la camomilla, l’angelica archangelica, la gramigna, il carbone vegetale, rimedi con proprietà antispasmodiche, calmanti, carminative, diuretiche e digestive.

Per ridurre l’infiammazione si possono utilizzare infusi a base di malva, semi di lino o consumare tutte le mattine a digiuno il succo di aloe puro al 100%, piante ricche di mucillaggini che, attraversando la mucosa intestinale, sfiammano e leniscono. Tra i rimedi per il colon irritabile, non dimentichiamo i fermenti lattici probiotici, capaci di riequilibrare la flora batterica intestinale e riportare all’equilibrio il microbiota.

Hai letto: Colon irritabile: sintomi e rimedi naturali

LASCIA UN COMMENTO