Home Alimentazione Mangiare sano Avocado in cucina: idee per usarlo e gustarlo al meglio

Avocado in cucina: idee per usarlo e gustarlo al meglio

Ultima modifica: 3 novembre 2016

10268
0
CONDIVIDI
Come usare l'avocado in cucina

Frutto esotico dal potere anticolesterolemizzante, l’avocado è un ingrediente adatto sia per la dieta mediterranea che vegana. Si presta bene per preparazioni dolci e salate in cui spesso rappresenta il sostituto di ingredienti di origine animale.

 Un frutto particolare la cui polpa è ricca di proprietà.

L’avocado è il frutto di una pianta tropicale che appartiene alla famiglia delle Lauracee chiamata Persea americana. È originario dell’America centrale e del Messico, paesi che tutt’oggi risultano i maggiori produttori in quanto la coltivazione necessita di un clima sub-tropicale. Questo particolare frutto venne scoperto durante la perlustrazione spagnola nelle Americhe.

All’avocado vengono attribuite numerose proprietà, la prima fra tutte quella di contribuire all’abbassamento del colesterolo grazie all’elevato contenuto di acidi grassi e omega 3, i cosiddetti grassi buoni utili per la salute del cuore.

La polpa di avocado è ricca di vitamina A ed E, utile per contrastare i radicali liberi, e di vitamina D, importante per la salute delle ossa. Contiene alti livelli di potassio e magnesio, minerali necessari per la prevenzione dell’ipertensione.

Inoltre, grazie all’acido folico in esso contenuto, può risultare utile in caso si abbiano difficoltà nell’assorbimento del ferro e in alcune fasi delicate della vita come gravidanza e allattamento.


Le uniche note negative dell’avocado sono l’alto contenuto di potassio che lo rende inadatto a chi soffre di insufficienza renale e l’elevato contenuto di calorie (circa 160 kcal/100gr): un consumo eccessivo infatti non è indicato per coloro che vogliono dimagrire. Tuttavia, a tal proposito, va sottolineato che alcuni studi hanno dimostrato che aggiungendo circa mezzo avocado alle pietanze si aumenta il senso di sazietà, con effetto positivo sulla perdita di peso.

Come usare l’avocado in cucina

Tipologia e preparazione dell’avocado

In natura esistono molteplici varietà di avocado diversi per forma, colore e gusto, la più conosciuta è la tipologia Hass. Si caratterizza per la sua forma a pera, ha una buccia ruvida color verde e un seme centrale grande e resistente.



Il seme di avocado, ritenuto per molto tempo non edibile, recentemente è stato rivalutato. 
Oltre ad essere privo di tossicità per l’uomo, è utilizzato per curare diversi disturbi e per aiutare a perdere peso. Si utilizza, ridotto a granella, nei frullati o per la preparazione di tisane.



La parte dell’avocado che trova largo impiego è la sua polpa. Per utilizzarla bisogna saper pulire l’avocado, nel caso in cui abbiate qualche difficoltà potete seguire le nostre indicazioni su come mangiare l’avocado.

  • Dopo avere lavato accuratamente il frutto occorre tagliarlo per la sua lunghezza affondando la lama del coltello fino a toccare il nocciolo, per lavorare meglio potete appoggiarvi su un tagliere;
  • Con le mani fate ruotare le due metà del frutto in senso opposto e separatele;
  • A questo punto eliminate il nocciolo dell’avocado e scavate la polpa che vi occorre con un cucchiaino.


La polpa dell’avocado è di colore giallognolo con una consistenza liscia e burrosa grazie all’elevato contenuto di grassi, mentre il suo sapore è delicato, non particolarmente dolce, che ricorda la nocciola. Può essere gustato crudo nelle preparazioni salate, per esempio nelle insalate, e in quelle dolci come frullati e dessert, e utilizzato cotto nelle preparazioni di torte al posto di olio e burro.


Nei negozi specializzati è possibile trovare l’avocado sotto forma di olio che è molto simile al nostro olio d’oliva. In cucina si può utilizzare a crudo per condire insalate, pasta fredda e qualunque altro piatto e, oltre ad essere gustoso, contribuisce ad abbassare il colesterolo.


In cosmesi l’olio di avocado è un alleato per la pelle, i suoi acidi grassi lo rendono adatto per il trattamento di pelle secca e devitalizzata, la vitamina E e i fitosteroli contribuiscono a mantenere l’elasticità della pelle. Sempre nella cosmesi, per trattamenti fai da te, potete provare a fare in casa una maschera per capelli o per il viso con la polpa frullata di avocado che nutrirà in modo naturale chioma e pelle.


Gusto ed utilizzo dell’avocado in cucina

La polpa di avocado ha un gusto gradevole e delicato ed una consistenza burrosa che la rende un prezioso ingrediente nella dieta vegana, in quanto riesce a sostituire egregiamente burro e latte.

Frullata, a pezzi, cotta, cruda, si adatta ad ogni tipo di preparazione, dolce e salata, non sovrastando il sapore degli altri ingredienti. 
Per quando riguarda la cucina salata, l’avocado si presta benissimo per arricchire insalate e per creare salse che possano accompagnare pietanze di ogni tipo.


Essendo un frutto trova impiego nella preparazione di macedonie ed è perfetto per sostituire il latte nei frullati e negli smoothie ai quali riesce a conferire una bella cremosità. Ideale anche nella realizzazione di gelati, ad esempio per preparare un gelato veloce e vegan potete frullare banana e avocado precedentemente surgelati a fette. È usato nella preparazione di dessert e dolci in sostituzione di ingredienti di origine animale.



Abbinamenti consigliati con l’avocado

Nelle ricette dolci l’avocado si sposa bene con il cioccolato: potete provare questo abbinamento con un dolce cotto, in questo caso vi suggeriamo la preparazione di un brownie in cui potete sostituire il burro con la polpa dell’avocado; oppure, per un dessert al cucchiaio, vi consigliamo di provare una crema crudista e vegana con cacao, avocado e dolcificane naturale, vi stupirete del risultato.

L’accoppiata con i cibi acidi è sempre perfetta ad esempio l’accostamento con lo yogurt e il succo di limone lo rende perfetto per condire risotti freddi e creare salse da accompagnamento per panini e piadine. Se avete poco tempo a disposizione e vi occorre un contorno sfizioso potete servire la polpa dell’avocado arrostita a fette e condita con succo di limone, sale e prezzemolo, sarà un contorno semplice, veloce e sano.


Nella stagione estiva potete sbizzarrirvi servendo delle insalate alternative con l’avocado: nelle insalate vegane, ad esempio, potete aggiungere la lattuga oppure le patate bollite o delle semplici carote, usando come condimento sempre del succo di limone oppure d’arancia; si abbina molto bene anche con il pesce come gamberi e tonno.

Nei piatti salati si sposa bene con la cipolla ed erbe aromatiche come erba cipollina, timo, coriandolo, menta e basilico, dipende dai gusti e dagli altri ingredienti al quale lo abbinerete. Le spezie con cui meglio si combina sono i chiodi di garofano, la noce moscata ed il cumino.



Cucina nel mondo

La ricetta più famosa al mondo in cui l’avocado è il vero protagonista è la salsa guacamole. Ricetta di origine messicana che risale al tempo degli aztechi che prevede l’uso di tre ingredienti: avocado, lime e sale. Basta schiacciare la polpa dell’avocado con una forchetta, una volta ridotto a purea occorre aggiungere il succo di lime o limone, il sale e mescolare. Esistono poi altre versioni che prevedono l’aggiunta di yogurt, oppure di pomodori, cipolla e peperoncino. 
Di solito la salsa guacamole viene servita con le tortillas di mais e tacos ma può essere usata anche come accompagnamento a crostini e panini.

Come si conserva l’avocado e come capire quando è maturo


I frutti dell’avocado maturano solo dopo la raccolta, quindi spesso in commercio si trovano acerbi. In questo caso vanno fatti maturare per 3-6 giorni a temperatura ambiente, è possibile però accelerare il processo mettendoli in un sacchetto insieme ad un pomodoro o una mela. Se premendo delicatamente sulla buccia il frutto risulta morbido vuol dire che è pronto per essere mangiato.

Una volta che è maturo, l’avocado può essere conservato un paio di giorni in frigorifero.
 Come la maggior parte della frutta, la polpa dell’avocado una volta tagliata è soggetta a imbrunimento. Per evitare questo fenomeno vi consigliamo di spruzzare del succo di limone sull’avocado affettato.


Curiosità

L’avocado per svilupparsi necessita della vicinanza di un altro albero della stessa specie, inoltre la traduzione azteca di avocado è “albero del testicolo”. Per questo motivo nella simbologia azteca l’avocado rappresenta amore e fertilità.

Prodotti consigliati

Olio di Avocado

Olio di Avocado alimentare

Quest’olio di avocado è un’olio fruttato e pressato a freddo, di consistenza delicate leggera, di colore verde brillante, perfetto per la preparazione di condimenti per insalate o per marinate.

Affetta avocado

Affetta avocado

L’affetta avocado in acciaio inox e nylon è uno strumento davvero utile perchè permette di togliere la polpa dal frutto con estrema facilità.

Hai letto: Avocado in cucina: idee per usarlo e gustarlo al meglio
Emanuela Burzi
Emanuela Burzi è esperta di cucina naturale e specializzata in ricette vegane. Da diverso tempo si occupa della scrittura di testi per molteplici siti ed è autrice del blog Ricette al femminile, un sito ricco di ricette e consigli utili per la cucina. Appassionata di benessere e prodotti bio si dedica con passione ad approfondimenti su temi legati al vivere e al mangiar sano. ricettealfemminile.it

LASCIA UN COMMENTO

*