Home Alimentazione Mangiare sano I benefici del seme di avocado e come mangiarlo o utilizzarlo in...

I benefici del seme di avocado e come mangiarlo o utilizzarlo in cucina

Ultima modifica: 6 agosto 2016

7113
0
CONDIVIDI
Seme di avocado: i benefici e come si mangia

L’avocado è un frutto esotico buono e sano. Siamo abituati a gustarne la polpa ma quello che pochi sanno è che si può consumare con grandi benefici anche il nocciolo. Vi sveliamo allora come si mangia il seme di avocado e gli usi in cucina.

Tutti conosciamo il frutto dell’avocado dalla polpa verde, carnosa e ricca di grassi buoni oltre che di sali minerali e vitamine. Siamo soliti però consumarlo scartando il grosso seme che si trova al centro del frutto o, se proprio vogliamo essere virtuosi, lo “ricicliamo” piantandolo in vaso o in giardino sperando così nel giro di poco tempo di veder crescere una nuova piantina.

Ebbene sappiate che è possibile utilizzare in altro modo il nocciolo di avocado dato che anche questa parte del frutto è commestibile. Anzi, vi diciamo di più: proprio in quel seme duro e compatto che si trova nel cuore del frutto e che siamo soliti scartare, sono racchiuse moltissime proprietà.

Scopriamo allora tutti i motivi per cui sarebbe bene consumare (con moderazione) anche il seme di avocado.

Seme di avocado: proprietà

Tra le proprietà del seme di avocado spicca l’alto contenuto di antiossidanti e amminoacidi (una quantità decisamente maggiore rispetto a quella presente nella polpa del frutto) ma anche fibre, vitamina E e principi attivi che hanno dimostrato doti antitumorali.

Si tratta quindi di un vero e proprio rimedio naturale che abbiamo a disposizione per combattere i radicali liberi e prevenire l’invecchiamento cellulare. Ma non solo: il nocciolo di avocado è amico del cuore in quanto contribuisce ad abbassare il colesterolo cattivo e i trigliceridi; sostiene e rafforza le difese immuintarie; è antibatterico e antifungino, è ottimo per trattare la problematiche gastrointestinali grazie alle sue doti astringenti e vanta anche, secondo la tradizione, doti afrodisiache.

Il seme di avocado è inoltre alleato di chi vuole buttare giù i chili di troppo, può aiutare infatti la perdita di peso grazie alle sue proprietà termogeniche (ovvero brucia grassi). Inoltre, grazie alla presenza di fibre solubili, contribuisce anche ad aumentare il senso di sazietà con grandi vantaggi per chi segue un regime alimentare controllato.

Si tratta infine di un buon tonico per l’organismo in grado di aiutare a combattere stanchezza e astenia grazie anche alla presenza di sali minerali importanti come calcio, magnesio e potassio.

Seme di avocado: come si mangia

Ma concretamente come si mangia il seme di avocado? Sono sostanzialmente due le possibilità. Vediamole:

1 Il primo modo per utilizzare il seme di avocado è quella di grattugiarlo sopra le vostre pietanze preferite al pari di un altro tipo di condimento. Per farlo però dovete prima togliere la pellicina che ricopre il nocciolo, lavarlo bene, asciugarlo e lasciarlo seccare per qualche giorno. Se vi va potete poi tostarlo leggermente (in questo caso assumerà un colorito che tende al rossiccio) oppure utilizzarlo così com’è.
Una volta trattato al meglio, il seme di avocado può anche essere conservato (grattugiato o intero) in un barattolo di vetro ben chiuso e tenuto in un luogo fresco e asciutto. Per grattugiarlo, visto che si tratta di un nocciolo duro, vi consigliamo di servirvi di un macinacaffè.

2 La seconda possibilità che avete è quella di utilizzare il seme di avocado per preparare una tisana. Ne basta mezzo: bisogna farlo bollire per circa 10 minuti e lasciarlo poi raffreddare prima di eliminarlo e bere l’infuso che se ne è ricavato. Questa tisana è utile in particolare contro i problemi gastrointestinali, soprattutto la diarrea.

Come utilizzare il seme di avocado

Gli usi del seme di avocado in cucina sono sostanzialmente quelli che lo vedono come condimento d’eccezione sopra primi o secondi piatti ma anche come tocco in più per aromatizzare salse come la stessa guacamole o zuppe di cereali e legumi oltre che insalate. Altra possibilità è quella di utilizzarlo per arricchire frullati ed estratti di frutta e verdura. Il sapore tende all’amaro e quindi potrebbe non essere da tutti gradito.

Il seme di avocado può essere utile non solo in cucina, è ottimo anche da applicare sulla pelle per stimolare la rigenerazione cellulare e la formazione di collagene o per eliminare velocemente i brufoli. A cosa serve poi il seme di avocado? Può venire in aiuto anche in caso di dolori articolari o muscolari.

Adesso che avete scoperto perché mangiare il seme di avocado, non approfittatene troppo. Esistono infatti anche delle possibili controindicazioni.

Controindicazioni del seme di avocado

Una volta scoperto come si mangia il seme di avocado e come utilizzarlo in cucina attenzione però a non abusarne. Il nocciolo di avocado, vista l’alta presenza di tannini, se consumato eccessivamente può provocare stitichezza o altri problemi gastrointestinali. La dose di seme di avocado da non superare è di mezzo per gli adulti se utilizzato sotto forma di infuso o un quarto nel caso di bambini. Se grattugiato meglio ridurre ulteriormente le dosi.

Hai letto: I benefici del seme di avocado e come mangiarlo o utilizzarlo in cucina

LASCIA UN COMMENTO

*