Home Alimentazione Mangiare sano Aglio: proprietà e controindicazioni di questo bulbo benefico

Aglio: proprietà e controindicazioni di questo bulbo benefico

Ultima modifica: 1 febbraio 2017

36954
1
CONDIVIDI
Aglio: proprieta e controindicazioni

Antibatterico, detossificante e amico delle ossa, queste sono solo alcune delle proprietà dell’aglio. Scopriamo insieme tutte le caratteristiche e i numerosi benefici di questo superfood, noto e utilizzato da migliaia di anni!

L’aglio (Allium sativum) è una pianta bulbosa originaria dell’Asia centrale e imparentata con l’erba cipollina, la cipolla, lo scalogno e il porro, utilizzata da migliaia di anni non solo per il caratteristico sapore pungente ma anche per i benefici che garantisce alla salute.

Sono numerose le testimonianze dell’aglio nella storia; pare che gli antichi Egizi sfruttassero le sue proprietà, dandolo anche agli schiavi che costruivano le piramidi per aumentarne la resistenza e per prevenire che si ammalassero.

Nell’antica Grecia, gli atleti olimpici avrebbero masticato aglio prima di partecipare ai giochi per migliorare la performance sportiva. Addirittura Ippocrate (circa. 460-370 aC), conosciuto oggi come “il padre della medicina occidentale”, sfruttasse i benefici dell’aglio prescrivendolo per una vasta gamma di condizioni e malattie: dai problemi respiratori, come antiparassitario, per migliorare la digestione e ridurre la fatica. Si parla dell’aglio in numerosi testi come l’Odissea, i libri di medicina indiani e la Bibbia.

Le proprietà dell’aglio oggi sono ampiamente sfruttate per una serie di condizioni associate al sistema circolatorio e cardiaco come l’aterosclerosi, l’ipercolesterolemia, l’infarto, le malattie coronariche e l’ipertensione ma anche per la prevenzione di alcune forme tumorali. In commercio possiamo trovare l’aglio anche in compresse o tintura madre.

Negli ultimi tempi inoltre, si sta diffondendo anche un particolare tipo di aglio nero, proveniente dall’oriente, le cui caratteristiche nutrizionali differiscono leggermente dal normale aglio a cui siamo abituati.

Aglio: caratteristiche e valori nutrizionali

Ricco di proprietà ma povero di calorie, l’aglio è una buona fonte di diversi minerali come potassio, calcio, fosforo e selenio e vitamine, in particolare la vitamina C e alcune vitamine del gruppo B. La tabella seguente raccoglie le informazioni sui principali nutrienti presenti nell’aglio:

Valori nutrizionali per 100g di aglio:
Acqua58,58 g
kcal149
Proteine6,36 g
Grassi0,5 g
di cui saturi0,089 g
Carboidrati33,06 g
di cui zuccheri1 g
Fibre2,1 g
Potassio401 mg
Calcio181 mg
Fosforo153 mg
Vitamina C31,2 mg
Colina23,2 mg
Indice glicemico25
Colesterolo0 g
(fonte USDA)

Aglio: proprietà nutrizionali

  • Vitamina C: l’aglio è una buona fonte di questa vitamina, conosciuta anche come acido ascorbico. Si tratta di un potentissimo antiossidante naturale molto comune nella frutta e nella verdura. Favorisce la sintesi di proteine e ormoni, protegge dallo stress ossidativo, favorisce la normale funzione del sistema immunitario, contribuisce alla formazione di collagene, al metabolismo energetico, alla funzione del sistema nervoso, alla riduzione dell’affaticamento e all’aumento della biodisponibilità del ferro alimentare;
  • Selenio: minerale fondamentale nella crescita corporea, con un ruolo importante nella fertilità. Agisce biologicamente in sinergia con la vitamina E e la sua carenza può generare patologie cardiache, muscolari, epatiche, sterilità e ritardo nella crescita;
  • Vitamina B6: riduce il rischio di omocistinuria e anemia sideroblastica, inoltre è convolta nella sintesi di diversi neurotrasmettitori;
  • Composti dello zolfo: l’aglio deve le sue proprietà curative alla presenza di diversi composti fitochimici solforati, gli stessi che si ritrovano nella cipolla, nel porro, nello scalogno, nei broccoli e nei cavoli. La molecola contenente zolfo più attiva in questo bulbo è l’alliina e quando l’aglio fresco viene danneggiato (tagliandolo o schiacciandolo), l’alliina viene convertita in allicina grazie all’azione di un enzima, l’alliinasi. L’allicina è responsabile di gran parte l’odore pungente dell’aglio, un meccanismo di difesa sviluppato dalla pianta per proteggersi dai parassiti.

Aglio: benefici per la salute

Tutti questi elementi, conferiscono all’aglio proprietà e caratteristiche utili a sostenere la salute su diversi fronti. Vediamo in dettaglio quali sono i benefici che il consumo regolare di questo alimento porta alla salute.

✓ Rafforza le difese immunitarie

Il consumo di aglio è noto per migliorare la funzione del sistema immunitario e potrebbe essere molto utile integrarlo regolarmente nella vostra dieta se siete particolarmente predisposti a raffreddarvi.
Infatti, uno studio del 2001 pubblicato su Advances In Therapy, effettutato su 146 volontari e durato 12 settimane, ha evidenziato che il consumo giornaliero di aglio ridurrebbe il numero di raffreddori del 63% rispetto al placebo. La durata media dei sintomi da raffreddore è stata ridotta del 70%, passando da 5 giorni nel gruppo placebo a soli 1,5 giorni nel gruppo che aveva assunto aglio.

✓ L’aglio riduce della pressione

Diversi studi tra cui la recente metanalisi del 2015 pubblicata su The Journal of Clinical Hypertension hanno dimostrato la proprietà dell’aglio di abbassare la pressione sanguigna, effetto particolarmente evidente nei soggetti già ipertesi. Secondo gli studi, la quantità di allicina necessaria per ottenere l’effetto ipotensivo equivarrebbe a circa quattro spicchi d’aglio al giorno.

✓ Abbassa il colesterolo

L’assunzione regolare di aglio riduce il colesterolo totale e/o il colesterolo cattivo (LDL) di circa il 10-15%, mentre non sembra avere alcun effetto sull’aumento del colesterolo buono (HDL) o sulla riduzione dei trigliceridi.

✓ Migliora le performance sportive

L’aglio è stato una delle prime sostanze somministrate per migliorare le prestazioni sportive, fu infatti fornito agli atleti olimpici in Grecia per aumentare la performance. Gli studi effettuati sui roditori hanno dimostrato che l’aglio aiuta la prestazione fisica ma gli studi sull’uomo sono ancora pochi e dai risultati controversi.

✓ Azione detox dell’aglio

A dosi elevate i composti di zolfo dell’aglio hanno dimostrato di proteggere contro i danni da tossicità causati dai metalli pesanti. Uno studio del 2011 pubblicato su Basic & Clinical Pharmacology & Toxicology, durato quattro settimane e che ha coinvolto i dipendenti di un’azienda di batterie per auto (e quindi sovraesposti al piombo), avrebbe dimostrato che l’integrazione dell’allicina (1200 μg, tre volte al giorno) sarebbe in grado di ridurre i livelli di piombo nel sangue del 19% e migliorerebbe anche molti altri segnali clinici di tossicità come la cefalea e la pressione arteriosa. L’aglio inoltre svolgerebbe un’azione detox sul fegato, favorendone la depurazione.

✓ Salute delle ossa

Gli studi effettuati sui roditori hanno dimostrato che l’assunzione di aglio, così come di cipolle, può ridurre al minimo la perdita di massa ossea aumentando i livelli di estrogeni. L’assunzione di aglio e cipolle ha inoltre dimostrato di avere effetti benefici sull’osteoartrite.

✓ Antibatterico

Ricco di vitamina C e zolfo, l’aglio ha proprietà antibatteriche grazie proprio alle alti percentuali di questi componenti. Viene considerato infatti, una antibiotico naturale. Inoltre, se aggiunto regolarmente alla dieta, aiuta a combattere i parassiti intestinali.

Aglio in cosmesi
L’aglio è un ottimo ingrediente anche in cosmesi: aiuta a purificare la pelle eliminando brufoli e punti neri e allontana la forfora rendendo benefici anche ai capelli.

Aglio: come utilizzarlo e consumarlo

La dose minima efficace per garantire gli effetti terapeutici dell’aglio è uno spicchio e andrebbe assunto due o tre volte al giorno.

Ci sono centinaia se non migliaia di ricette che utilizzano questo ingrediente. Come non ricordare la famosissima pasta aglio, olio e peperoncino? Tuttavia, il modo migliore per assorbirne tutti i benefici è quello di consumarlo a crudo.

Un modo un po’ particolare per assumere questo alimento è sotto forma di tè, ecco gli ingredienti per il tè all’aglio:

  • 1 spicchio d’aglio biologico
  • Il succo di ½ lime o limone biologico
  • 1 cucchiaino di miele biologico grezzo

Indicazioni: fate bollire un pentolino d’acqua e, nel frattempo, affettate sottilmente lo spicchio d’aglio.
Mettete le fette d’aglio in una tazza e versatevi sopra l’acqua bollente. Coprite la tazza con un piattino e lasciate riposare per 10 minuti.
Aggiungete il succo di mezzo lime e il mezzo cucchiaio di miele.

L’aglio fresco va conservato in un luogo ben asciutto e fresco, preferibilmente al buio, lontano da fonti di calore, in questo modo si conserverà per diversi mesi. È possibile inoltre congelare gli spicchi d’aglio per averli sempre a disposizione.

Ma l’aglio può avere anche altri usi: mescolando aglio schiacciato con olio extra vergine di oliva è possibile creare una pomata da passare su calli e duroni per ammorbidirli e farli lentamente regredire, è un ottimo repellente per le zanzare perché “maschera l’odore emesso dall’organismo” ed è anche un buon ingrediente per tisane medicamentose.

Aglio: controindicazioni e potenziali effetti negativi

Una delle principali controindicazioni dell’aglio è sicuramente quella dell’alitosi. L’aglio è ricco di zolfo il quale una volta entrato nel processo digestivo, scatena un odore decisamente pungente che il nostro organismo emana sia attraverso l’alito che, se assunto in massicce quantità, attraverso il sudore. Per contrastare il problema dell’alito cattivo, è utile assumere aglio con un po’ di prezzemolo fresco.

L’aglio tuttavia è un alimento sicuro per la maggior parte delle persone anche se può determinare alcuni effetti collaterali più o meno importanti:

  • Gravidanza e allattamento: il consumo di aglio durante la gravidanza e l’allattamento è sicuro, a patto che si evitino assunzioni massicce;
  • Problemi di stomaco o di digestione: l’aglio può irritare il tratto gastrointestinale, è quindi importante assumerlo con cautela se si soffre di problemi di stomaco o di digestione;
  • Bassa pressione sanguigna: l’aglio ha la proprietà di abbassare la pressione sanguigna, è quindi importante valutare con il proprio medico di base se e quanto aglio assumere se si stanno assumendo farmaci ad azione ipotensiva.
Curiosità
In Guascogna il giorno del battesimo viene strofinato dell’aglio sulla lingua dei bambini. Tale usanza viene applicata per diffondere coraggio nei giovani e allo stesso tempo per migliorare la loro vita sessuale.

Vi piace l’aglio? Conoscevate già uno o più di questi benefici descritti? Lasciateci un commento qui sotto e condividete con noi le vostre esperienze!

Aglio: consigli per acquisti e lettura

Aglio a Fette Essiccato al Sole

Un aglio già tagliato, essiccato al sole e buono come quello fresco! L’aglio può essere definito una delle meraviglie della natura.

I benefici dell’Aglio: libro

Proprietà medicinali e poteri di guarigione di un alimento eccezionale.

Hai letto: Aglio: proprietà e controindicazioni di questo bulbo benefico
Alessandra Esposito
Biologa Nutrizionista laureata in Scienze Biologiche con 110 e lode presso l’Università degli studi di Pavia, ha frequentato il Master di Specializzazione in Nutrizione Umana e Alimentazione e il Master in Nutrizione Culinaria. Da Luglio 2013 svolge l’attività professionale presso lo studio di Vigevano e quello di Verona e organizza corsi di educazione alimentare. Ha collaborato con la Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA, stila articoli di carattere scientifico-nutrizionale per magazine che si occupano di stile di vita sano, è la consulente nutrizionale del progetto VEGAE e la curatrice del blog d’informazione nutrizionale I Love Foods. www.nutrizionistaesposito.it

1 COMMENTO

  1. Ho dato una lettura veloce all articolo, se non ricordo male è utile anche per punture d’isetti, in particolare api, e usato per alleviare i morsi di vespe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here