Home Bellezza Consigli di bellezza Fanghi anticellulite: funzioni, benefici e come prepararli

Fanghi anticellulite: funzioni, benefici e come prepararli

Ultima modifica: 7 novembre 2016

2514
0
CONDIVIDI
Fango anticellulite fai da te

Ricreare in casa un fango snellente da poter utilizzare in ogni momento è un desiderio di molte donne. Scopriamo il procedimento, le proprietà dei vari principi attivi che si possono utilizzare e come questi vanno ad agire sul nostro corpo al fine di riuscire a rimediare alla fastidiosissima cellulite.

Cosa sono i fanghi anticellulite?

Spieghiamo innanzitutto cosa sono e come si compongono i fanghi per combattere la cellulite: un fango è un composto che nasce dall’unione di una o più sostanze che unite assieme formano una miscela di consistenza morbida da spalmare nelle zone critiche.

Le sostanze contenute in esso andranno ad agire all’interno, stimolando la circolazione sanguigna, linfatica e attirando a sé i liquidi in eccesso in modo da favorire l’eliminazione del gonfiore e migliorare la cicrolazione.

La cellulite inizia spesso a formarsi con un rallentamento del microcircolo, causa di un cattivo funzionamento del metabolismo dovuto a una scorretta alimentazione e a una vita sedentaria; inoltre anche stress e ansia possono contribuire a formarla.

Riossigenare i tessuti del nostro corpo con specifici fanghi, può in qualche modo aiutare il nostro organismo a “mettersi in moto” e iniziare a funzionare correttamente sotto l’aspetto circolatorio e di eliminazione delle sostanze di scarto. Subito dopo aver eseguito questi fanghi, percepiremo una sensazione di leggerezza in tutto il corpo e di benessere totale.

Esistono inoltre diversi tipi di fanghi per la cellulite, composti da argilla e oli essenziali, sali del mar morto estremamente drenanti per chi ha la cellulite molto compatta ed edematosa, argilla bianca, piante officinali e fanghi di alga Guam che danno una sensazione di freschezza che si protrae per l’intera giornata lavorando sulla ginnastica vasale.

Per essere attivo al massimo, un fango è preferibile preparato al momento; alcune sostanze infatti potrebbero perdere la loro funzione se conservate a lungo e non utilizzate nel giro di poco tempo; per questo è sempre bene prepararlo e poi utilizzarlo il giorno stesso.

In una preparazione si può utilizzare più di un ingrediente secco, qualche estratto vegetale e qualche olio essenziale al fine di ottenere un prodotto completo. Proponiamo ora un fango anticellulite fai da te con vari ingredienti e le relative spiegazioni di ogni sostanza, così da capire la loro azione sul nostro corpo. I fanghi anticellulite funzionano se applicati con costanza.

Attrezzatura necessaria per preparare il fango anticellulite
Gli attrezzi che occorrono sono una ciotolina di vetro, un cucchiaio di legno o un bastoncino sempre di legno per mescolare, e una bilancina per essere precisi con le dosi.

Gli ingredienti per preparare un fango anticellulite faidate

Come preparare la base

  • Caffè verde 20 gr, preparato come un normale caffè (va bene anche il tè verde se il caffè non lo trovate; in questo caso l’infuso lo fate con 20 gr di foglie che trovate in erboristeria), molto ricco di antiossidanti e polifenoli, la caffeina presente è ottima come sostanza dimagrante;
  • Sali del mar morto 5 gr (facoltativi), in alternativa va benissimo anche il sale integrale che si usa in cucina, ha una forte azione assorbente dei liquidi, ottimo dove c’è molto gonfiore ed acqua ristagnante;
  • Argilla verde 12 gr, potere assorbente dei liquidi in eccesso;
  • Terra setacciata 34 gr, si può trovare in erboristeria oppure si può utilizzare quella del proprio orto purchè venga appunto setacciata, a differenza dell’argilla che è una sostanza morta, la terra fa nascere piante, è quindi una sostanza viva piena di principi attivi: oltre ad assorbire l’edema presente, rilascia sostanze nutritive per l’organismo;

Gli estratti vegetali da utilizzare

  • Edera 4 gr, una delle sue principali attività è quella di essere drenante e rassodante, svolge un ottimo effetto sulla cellulite;
  • Vitis Vinifera 4 gr, ricca di flavonoidi e antociani, la vite rossa è nota per i suoi benefici circolatori e antiossidanti, ideale per chi ha le gambe pesanti;
  • Ortica 4 gr, ricca di vitamine e minerali, combatte l’infiammazione dei tessuti;
  • Ippocastano estratto 4 gr, in caso di fragilità capillare, caviglie gonfie, pesantezza e sensazione di indolenzimento delle gambe, anche con prurito, cellulite;

Gli oli essenziali da aggiungere

  • Menta piperita 5 gocce, stimola e rinfresca, allevia anche dolore e prurito;
  • Rosmarino 5 gocce, potente antiossidante, stimola la circolazione sanguigna;
  • Betulla 5 gocce, antiinfiammatorio;
  • Limone 5 gocce, migliora gli inestetismi della cellulite, stimolante.
Consiglio
Se decidiamo di non utilizzare tutti gli oli essenziali proposti, consigliamo di aumentare un le dosi in proporzione, in modo da ottenere sempre la stessa quantità di olio essenziale (20 gocce totali). Quindi se utilizziamo solo 2 essenze aggiungeremo 10 gocce di ognuna, se ne usiamo solo una allora uniremo 20 gocce.

Come prepararlo: il procedimento

  • Per prima cosa viene preparato il caffè verde o l’infuso di tè verde (se vogliamo preparare un fango per tutto il corpo saranno necessari circa 500ml di liquido);
  • Quando è pronto e ancora caldo viene versato il sale, si mescola e si lascia raffreddare in modo che il composto si sciolga;
  • In una terrina in vetro nel frattempo vengono mescolati ed amalgamati gli estratti vegetali assieme all’argilla verde e alla terra;
  • Successivamente si aggiunge il composto del tè o caffè verde e si mescola il tutto fino ad ottenere un preparato fluido, morbido e senza grumi (l’infuso va aggiunto mano a mano che si mescola per riuscire a creare il composto della giusta consistenza);
  • A questo punto è possibile aggiungere gli oli essenziali (uno o più tra quelli proposti) ad azione lipolitica ed il fango è pronto.
  • Se risulta troppo liquido si può aggiustare con un po’ di amido di mais così da renderlo un po’ più solido, viceversa aggiungiamo acqua per fluidificare.

Come e quando applicare il fango anticellulite

Applicare il fango sulla pelle nelle zone interessate, avvolgendolo poi con uno strato di pellicola trasparente, quindi lasciare in posa almeno 20 minuti. Se è troppo freddo sulla pelle, è possibile scaldarlo un po’ a bagno maria. Per non vanificare l’effetto degli oli essenziali si consiglia di non scaldarlo più di 2 minuti. Tuttavia applicato freddo sarebbe meglio.

Quante volte va applicato il fango? Se la cellulite è molto avanzata, si consiglia inizialmente di applicare il fango 2 volte a settimana per 3 settimane, poi una volta a settimana fino al miglioramento, facendo una pausa di 4 settimane dopo 10 applicazioni totali; questo per non abituare la pelle ai prodotti, altrimenti non fanno più l’effetto desiderato.
Se il problema invece è solo di cattiva circolazione con un inizio di cellulite, basta effettuare una applicazione a settimana sempre per un ciclo di 10 trattamenti. Dopo una piccola pausa di 4 settimane si può riprendere con il ciclo con altre applicazioni.

Una volta finito il trattamento, per rimuovere il fango si consiglia di toglierne il più possibile insieme alla pellicola protettiva e successivamente lavarsi sotto la doccia, possibilmente facendo l’ultimo risciacquo con acqua fredda per favorire la ginnastica dei vasi sanguigni.

Conclusioni

Il fango anticellulite fai da te che abbiamo creato è a base di Argilla verde e terra, sostanze ricche di virtù antinfiammatorie e modellanti che svolgono un’azione anticellulitica e rassodante. Gli estratti vegetali di vite rossa, ippocastano, edera e ortica rafforzano l’azione anticellulitica, astringente, tonificante, drenante e migliorano la circolazione energetica favorendo il riassorbimento del grasso e della cellulite; mentre gli oli essenziali proposti contribuiscono a ridurre la cellulite e rendono la pelle più soda e compatta.

Hai letto: Fanghi anticellulite: funzioni, benefici e come prepararli
Jessica Pagotto
Estetista termale, naturopata, iridologa. Esperta in alimentazione naturale, oli essenziali, piante officinali e cosmesi naturale. Ha approfondito i suoi studi in riflessologia plantare classica e con l'uso di oli essenziali e massaggi per le problematiche alla schiena e cervicali. Dopo aver collaborato con medici antroposofici propone rimedi naturali, ricette di cucina naturale, e cosmesi naturale sul suo blog. www.sanieinformanaturalmente.com

LASCIA UN COMMENTO