Home Alimentazione Dieta e salute Pancreatite e dieta: le linee guida alimentari da seguire

Pancreatite e dieta: le linee guida alimentari da seguire

Ultima modifica:5 Ottobre 2019

272201
14
La pancreatite è uno stato infiammatorio che colpisce il pancreas e che può essere acuta o cronica. Quali sono gli alimenti consigliati e quelli da evitare quando si soffre di tale patologia?

Il pancreas è una ghiandola annessa all’apparato digerente che svolge una duplice funzione: da un lato secerne enzimi coinvolti nella digestione dei cibi, dall’altro rappresenta la sede della produzione di insulina e glucagone.

Pancreatite: cibi consigliati e da evitare

Varie cause possono provocarne l’infiammazione, tra cui le più comuni sono la presenza di calcoli biliari, un abuso di alcol e l’azione proprio degli enzimi pancreatici che “attaccano” il pancreas stesso.

Gli episodi possono essere sporadici ed apparire in modo improvviso e quasi violento, come nel caso della pancreatite acuta, oppure lo stato infiammatorio può aggravarsi gradualmente e inesorabilmente, provocando danni persistenti e malfunzionamento costante come nella pancreatite cronica, a cui si accompagna spesso anche diabete.

In caso di pancreatite, dieta ed alimentazione sono tra le prime contromisure da seguire: modificare le abitudini in tavola e lo stile di vita permette di non peggiorare la situazione e previene complicazioni ancora più gravi.

Pancreatite: importante ridurre i grassi

La digestione dei cibi grassi prevede un duro lavoro da parte del pancreas, e in un contesto infiammatorio la ghiandola non è più in grado di secernere gli enzimi digestivi necessari a farlo.

Il caposaldo nella corretta alimentazione in caso di pancreatite è che l’assunzione dei grassi sia nettamente ridotta e si punta, quindi, ad una dieta normoproteica, leggermente iperglucidica (laddove non fosse ancora presente diabete) ed ipolipidica, che almeno in una fase iniziale sia anche ipercalorica affinché si possano recuperare la malnutrizione ed il mal assorbimento che caratterizzano la pancreatite, dovuti proprio al cattivo funzionamento d’organo, senza stimolare troppo l’attività del pancreas.

Pancreatite: i cibi amici del pancreas

Quando si soffre di pancreatite diventa necessario rivedere la spesa settimanale e apportare sostanziali modifiche alla dieta. Per ridurre il carico di lavoro del pancreas, occorre quindi privilegiare:

  • I carboidrati (patate, pasta, riso, pane tostato), i cereali e i cibi integrali;
  • Le proteine intese come pesce magro e carni bianche, quali pollo, tacchino, vitello, coniglio;
  • I legumi, a patto di tenerli in acqua, in ammollo, almeno dalla sera precedente e passarli al passaverdure una volta cotti, per renderli più digeribili;
  • La verdura, specie se cotta, i mirtilli e l’uva rossa per la presenza del resveratrolo e di antiossidanti che aiutano ad eliminare i radicali liberi e a ridurre i sintomi della pancreatite;
  • La frutta di stagione, per fare il pieno di vitamine, meglio se matura e, potendo, cotta, lontano dai pasti per facilitarne la digestione;
  • Lo yogurt come fonte naturale di probiotici.

Pancreatite: quali sono i cibi da evitare?

In presenza di pancreatite, ci sono tutta una serie di cibi che vanno evitati da frigo, dispensa e non solo, quali:

  • Tutti gli alcolici, i superalcolici, la caffeina e la nicotina, assolutamente controproducenti per il benessere pancreatico;
  • I formaggi stagionati, grassi o piccanti, che affaticano il pancreas;
  • I salumi e gli insaccati, ad eccezione del prosciutto cotto o crudo magri e della bresaola (da mangiare comunque con moderazione);
  • Le uova ed i preparati che le contengono, come la maionese ed i dolci;
  • La panna, la besciamella e tutte le salse elaborate;
  • I molluschi, i crostacei, il pesce in scatola e quello grasso;
  • I cibi particolarmente piccanti;
  • Le fritture.

È consigliabile, inoltre, cuocere i cibi al vapore, o alla griglia, oppure al forno o a bagnomaria; bere molta acqua durante la giornata (il soggetto affetto da pancreatite spesso va incontro a disidratazione), aiutandosi anche con brodi, zuppe, centrifugati, per soddisfare il bisogno idrico al meglio.

Usare lo zucchero con moderazione e preferire il miele come dolcificante, ove sia possibile; infine, ridurre la quantità di olio e.v.o. ad un cucchiaio da thè al giorno per il condimento dei cibi.

Hai letto: Pancreatite e dieta: le linee guida alimentari da seguire

14 COMMENTI

  1. Gentile dottoressa, io sono un uomo di età 78 anni, ho fatto le analisi del sangue, dai risultati ho notato che l’AMILASEMIA risulta 103, cosa devo fare!…. grazie molto

  2. Buongiorno,
    dopo quanto tempo é possibile intervenire sulla Colecisti chirurgicamente, se si é stati colti da pancreatite?
    Ho avuto una pancreatite acuta il 13 aprile 2021, mi dicono che bisogna attendere la guarigione del pancreas prima dell’intervento, che tecnicamente avverrebbe dopo tre mesi dalla pancreatite acuta.
    Grazie

  3. Buongiorno, ho avuto un intervento all’appendicite e subito dopo mi è spuntata fuori la pancreatite acuta. Sto mangiando senza grassi petto di pollo, patate, merluzzo, acqua e fette biscottate e lo yougurt la mattina, accompagnato da 4 biscotti. Vorrei variare il mio menù aggiungendo frutta e verdura cotta. Cosa ne dice? Bevo solo acqua e tisana la sera prima di andare a letto. Ormai sono passate alcune settimane dall’ accaduto e sono stato ricoverato il giorno 9 sino al 15 per un attacco notturno ma da allora non ho avuto più problemi. Svolgo una vita regolare e vorrei dei consigli da lei per migliorarla. Grazie

  4. Buongiorno, ho avuto una pancreatite acuta in seguito alla fuori uscita di calcoli dalla colicisti, asportata da 20 gg tramite intervento in laporoscopia. Purtroppo soffro molto di coliche nonostante l’intervento fatto e al pancreas mi sono state rilevate delle sacche o pseudo cisti. Sto seguendo dieta rigorosa…. cosa devo fare ancora?

    • Come risolvi per le pseudocisti? Io ne avevo una che mi è stata drenata due anni fa, ma ora si è riformata e non possono drenarla ancora, perché non è pronta, mi fa stare molto male , mi mette preoccupazione.

    • Gentile Mara, in questo momento le consiglio di attenersi solo scrupolosamente alla dieta, fare pasti piccoli ma frequenti e limitare quanto più possibile i grassi della dieta. Quando si sentirà meglio le consiglio di reintrodurre gli alimenti, eventualmente con un supporto nutrizionale specialistico.

  5. Buongiorno Dottoressa. Temporaneamente soffro di un lieve dolorino sotto la costola destra. Sto cercando di capire se e’ un inizio di pancreatite. Nonostante da anni non consumo ne Alcol e ne grassi essendo intollerante al lievito e al lattosio.

    • Buondì Lilly, in questo caso dipende dalla sua situazione personale. Non è certamente uno degli alimenti che suggerirei di reintegrare per primo dopo una pancreatite, ma se si sente bene e ha recuperato le forze può provare a introdurla, inizialmente in piccole quantità in quanto si tratta di un alimento con un elevato contenuto di grassi.

    • Gentile Irene, dipende da quanto tempo è passato dalla pancreatica e dal percorso fatto sin qui. In generale possiamo dire che, laddove non vi siano pareri medici discordanti, è possibile integrarla facendo attenzione a scegliere una pizza senza alimenti grassi (salsiccia, salame …) e prediligendo quella senza formaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome