Home Salute Cure naturali Tarassaco: proprietà, usi in erboristeria e controindicazioni

Tarassaco: proprietà, usi in erboristeria e controindicazioni

Ultima modifica: 27 marzo 2017

9197
0
CONDIVIDI
Tarassaco: proprietà, usi e controindicazioni del dente di leone

Il tarassaco può aiutarci a migliorare la funzionalità del fegato, la digestione, favorire la diuresi e combattere la ritenzione idrica e migliorare l’aspetto della pelle. Scopriamo allora tutte le proprietà del tarassaco e come utilizzarlo per la salute e per la bellezza.

Il tarassaco, conosciuto anche come piscialetto, dente di leone, cicoria selvatica o soffione è una specie perenne molto diffusa nei nostri prati, orti e lungo i bordi delle strade.

Oltre a colorare i prati con i suoi fiori gialli, il tarassaco rappresenta un valido rimedio naturale per diversi disturbi: è soprattutto un ottimo diuretico e depurativo, ma offre anche benefici in caso di inappetenza, problemi digestivi, cattiva circolazione e per la bellezza della pelle. Vediamo ora in dettaglio tutte le proprietà del tarassaco.

  • Epatoprotettivo e digestivo
  • Abbassa il colesterolo
  • Diuretico
  • Stimola l’appetito
  • Migliora la circolazione
  • Tonificante e lenitivo per la pelle
  • Schiarisce le efelidi

Azione del tarassaco su fegato e digestione

Il tarassaco è un alleato per il benessere del fegato e per la digestione. Quest’erba spontanea, infatti, è coleretico e colagogo: stimola cioè la produzione e la secrezione di bile, sostanza sintetizzata dal fegato e immagazzinata nella cistifellea, che viene secreta nel duodeno durante i processi di digestione.
Inoltre, il tarassaco è usato tradizionalmente in caso di calcoli biliari e per stimolare l’attività epatica e della colecisti. Gli steli del tarassaco, consumati freschi, sembrano portare sollievo in caso di dolori epatici.

Abbassa il colesterolo

Gli effetti benefici del tarassaco sul fegato favoriscono anche l’eliminazione biliare del colesterolo in eccesso, rendendo questa pianta un aiuto in caso di colesterolo alto.

Il tarassaco per stimolare la diuresi

Il tarassaco viene utilizzato tradizionalmente sotto forma di infuso e tisana per la sua azione diuretica. L’assunzione di tarassaco è particolarmente utile in caso di edemi, ritenzione idrica e cellulite poiché stimola la diuresi e aiuta a contrastare il ristagno di liquidi.

Tarassaco per la circolazione sanguigna

Il tarassaco ha azione fluidificante sul sangue: per questo motivo sembra essere un valido rimedio naturale in caso di vene varicose degli arti inferiori. L’azione benefica del tarassaco per la circolazione sanguigna può essere sfruttata anche per il trattamento di cellulite e ritenzione idrica.

Tarassaco per la bellezza e la salute della pelle

Gli infusi e i decotti di tarassaco sono utili per tonificare e rassodare i tessuti e migliorare il colorito della pelle. Il tarassaco trova inoltre impiego per lenire gli eczemi e schiarire le efelidi.

Tarassaco: gli utilizzi principali
Come utilizzare il dente di leone

Il tarassaco può essere utilizzato fresco, crudo o cotto, oppure essiccato sotto forma di decotti per uso interno o esterno. Gli steli possono ad esempio essere masticati crudi, mentre le foglie e i fiori si aggiungono alle insalate, nelle zuppe, nelle minestre e nei passati di verdure.

Con i fiori di tarassaco si prepara anche uno squisito sciroppo dolce chiamato anche miele di tarassaco, poiché ha un sapore simile a quello del miele.

Le proprietà benefiche del tarassaco vengono sfruttate soprattutto attraverso l’assunzione di decotti, infusi, succhi, ed estratti secchi o idralcolici della radice, reperibili in erboristeria, farmacia o negozi specializzati, anche online.

1 Per la funzionalità del fegato

Per migliorare le funzioni epatiche si consiglia di assumere 2-3 tazzine al giorno di un decotto preparato con 50 grammi di radice di tarassaco in un litro di acqua. In alternativa, per stimolare la funzionalità del fegato è possibile mangiare da cinque a dieci steli freschi di tarassaco raccolti durante il periodo della fioritura.

2 Contro i calcoli biliari

In caso di calcoli biliari, si prepara un decotto con 80 grammi di radice di tarassaco in un litro di acqua e se ne assumono due o tre tazze al giorno.

3 Per favorire l’appetito

In caso di inappetenza o anoressia, può essere d’aiuto ricorrere all’assunzione di tarassaco sotto forma di decotto, estratto secco o estratto idroalcolico della radice, mezz’ora prima dei pasti principali.

4 Cellulite e ritenzione idrica

Un decotto preparato con 25 grammi di foglie di tarassaco, 25 grammi di carciofo e 25 grammi di scorze d’arancio e assunto durante la giornata, è un valido rimedio naturale in caso di cellulite e ritenzione idrica.

5 Stimolare la diuresi

Preparate un decotto con 30 grammi di foglie e radici di tarassaco, 20 grammi di foglie di parietaria, 30 grammi di foglie di malva e 30 grammi di rizoma di gramigna in un litro d’acqua. Consumate due tazze al giorno lontano dai pasti per stimolare la diuresi e combattere edemi e ritenzione idrica.

6 Contro le vene varicose

Se soffrite di vene varicose preparate un decotto con 40 grammi di radici di tarassaco in un litro di acqua. Una volta raffreddato, utilizzatelo per effettuare bagni alle gambe.

7 Tonificare e migliorare il colorito della pelle

Per tonificare la pelle usate un decotto con 60 grammi di radice di in un litro d’acqua: una volta tiepido, il decotto va utilizzato applicato sulla pelle con un leggero massaggio ed è utile per tonificare la pelle, illuminare l’incarnato e schiarire le efelidi.

8 Contro l’eczema

Per curare l’eczema bevete un bicchiere di decotto preparato con 100 grammi di radici di gramigna, 50 grammi di tarassaco e 50 grammi di prezzemolo in un litro di acqua. Assumete il decotto al mattino digiuno per un mese.

Informazioni Botaniche

Il tarassaco, nome scientifico Taraxacum officinale, è un’erba spontanea che fa parte delle Cichorioideae, una sottofamiglia delle Compositae. Il Tarassaco ha foglie disposte a rosetta basale profondamente incise a formare lobi triangolari; presenta capolini solitari di fiori gialli che fioriscono tra aprile e maggio e che sfiorendo compongono il famoso soffione.

Le radici del tarassaco sono ricche di potassio, fruttosio e inulina: il fruttosio è più abbondante in primavera, mentre il contenuto in inulina è massimo durante l’autunno. Tutta la pianta è caratterizzata da un sapore amaro dovuto alla presenta di lattoni sesquiterpenici. Il tarassaco presenta anche alcool triterpenici e steroli.

La droga (la parte erboristicamente attiva) è costituita da tutta la pianta e viene utilizzata principalmente come coleretico, colagogo e diuretico. La raccolta delle radici si esegue al termine del primo anno della pianta, in autunno: le radici lavate e tagliate vengono essiccate e successivamente utilizzate per preparare estratti secchi, estratti idroalcolici e decotti.

Associazioni consigliate
Piante e sostanze in sinergia con il tarassaco:

Per favorire la funzionalità del fegato: carciofo
Per stimolare la diuresi: ortica, tè verde, achillea
Per migliorare la circolazione: corteccia di salice
Per schiarire la pelle: limone, aloe vera, papaia

Controindicazioni ed effetti collaterali del tarassaco

Il tarassaco sembra essere privo di tossicità ma può provocare dermatiti da contatto dovute alla presenta di lattoni sesquiterpenici. È inoltre sconsigliato l’uso in caso di occlusioni delle vie biliari o se si hanno calcoli alla colecisti. È da evitare l’assunzione di tarassaco durante la gravidanza e l’allattamento.

Ricette fai da te a base di tarassaco

1 Decotto di radici di tarassaco

Mettete sul fuoco l’acqua e le radici di tarassaco essiccate e spezzetate e portate a bollore. Togliete dal fuoco e lasciate in infusione le radici per 30 minuti. Filtrate e utilizzate il decotto per uso interno o esterno.

2 Sciroppo di fiori di tarassaco

Conosciuto anche come miele di tarassaco, lo sciroppo ottenuto da questa pianta è ideale contro la tosse e il mal di gola. Si assume a cucchiaini (2 o 3 al giorno) e può essere assunto anche la sera, poco prima di coricarsi. Per prepararlo si procede come segue:

  • Versate un litro di acqua su quattro manciate di fiori di tarassaco e portate a bollore;
  • Togliete dal fuoco e lasciate riposare per una notte;
  • Il mattino seguente filtrate spremendo bene i fiori;
  • Aggiungete un chilo di zucchero integrale di canna e il succo di mezzo limone e rimettete l’acqua sul fuoco;
  • Fate addensare il composto a fuoco basso per circa 20 minuti;
  • Travasate lo sciroppo in una bottiglia o in un vaso di vetro precedentemente sterilizzato.

3 Tarassaco sott’olio

Per un uso alternativo di questa pianta, vi proponiamo la ricetta del tarassaco sott’olio. Ecco come procedere:

  • Raccogliete 500 grammi di boccioli di tarassaco;
  • Eliminate le foglioline dai fiori, lavateli con cura e asciugateli molto bene;
  • Portate a ebollizione mezzo litro di aceto con due bicchieri di vino bianco secco e due cucchiai di sale grosso;
  • Aggiungete i boccioli di tarassaco e lasciateli bollire per cinque minuti;
  • Raccogliete i boccioli con un mestolo forato, sgocciolateli e fateli asciugare su un piatto per due ore;
  • Sistemate i boccioli in vasi di vetro sterilizzati e ricopriteli con olio extravergine di oliva.

4 Tisana di tarassaco

Per preparare una tisana al tarassaco è necessario utilizzare le foglie secche, poi si procede così: portate ad ebollizione 1 litro di acqua, spegnete il fuoco e unite 25 grammi di foglie secche, lasciate in infusione per 10-15 minuti prima di filtrare e bere durante la giornata.

Dove acquistare il tarassaco e i suoi derivati

Tarassaco radice

Radice di Tarassaco

I principi attivi del tarassaco sembrano avere effetti benefici per i problemi digestivi e per la prevenzione dei calcoli renali e si usa anche come depurativo per il fegato e i reni.

Tarassaco integratore

Estratto secco di tarassaco

Integratore alimentare vegetale coadiuvante delle fisiologiche funzioni epato-biliari. Inoltre, attraverso il suo effetto favorente l’eliminazione dei liquidi e il transito intestinale, permette di eliminare le tossine anche attraverso i reni e l’intestino.

Succo di tarassaco

Succo di Tarassaco

Integratore alimentare con 100% succo di pianta fresca per la naturale funzione di stomaco e fegato. Non contiene fonti di glutine e non contiene alcol.

Estratto idroalcolico di tarassaco

Estratto idroalcolico di tarassaco

Estratto di tarassaco in soluzione idroalcolica. Questa pianta, nota anche come dente di leone, favorisce la fisiologica funzionalità digestiva ed epatica, depurativa e drenante.

Hai letto: Tarassaco: proprietà, usi in erboristeria e controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here