Home Alimentazione Dieta e salute Caffè verde: funziona davvero per dimagrire? Ecco proprietà e utilizzo

Caffè verde: funziona davvero per dimagrire? Ecco proprietà e utilizzo

Ultima modifica:6 maggio 2019

162885
1
Sarà per il colore smeraldo che lo caratterizza, per le innumerevoli proprietà benefiche e, soprattutto, per i sedicenti effetti dimagranti, fatto sta che la curiosità intorno al caffè verde è in continuo aumento, arrivando a scalzare perfino il più ben noto cugino tè verde, da anni ormai sulla cresta dell’onda. Scopriamo utilizzi e proprietà del caffè verde.

A differenza di quanto si potrebbe pensare, il caffè verde non è il risultato di uno strano “intruglio” o di una composizione di caffè atipica o inusuale. Esso non è altro che una miscela di varietà di caffè classiche, ma è crudo, cioè non ha subito il processo di torrefazione: ciò fa sì che i chicchi di caffè verde mantengano il loro originario e (va detto) così originale colore verde anziché essere marroni come siamo abituati a vederli.

Chicchi di caffè verde

Il colore non è l’unico aspetto che differenzia il caffe verde dal caffè classico, in quanto la mancata torrefazione modifica molte proprietà del seme.
Innanzitutto, cambia sia la quantità che la qualità della caffeina. Nel caffè verde, infatti, essa è presente in minore quantità e non libera, bensì legata all’acido clorogenico (un antiossidante).

Cosa comporta questo? Fa sì che la caffeina contenuta nel caffè verde venga assorbita più lentamente rispetto alla classica tazzina, ma rimanga in circolo anche per tempi più lunghi.

Un’altra differenza sta nella quantità dei polifenoli, delle vitamine e dei Sali minerali che nei chicchi verdi risultano essere più abbondanti proprio perché essi non hanno subìto il processo di torrefazione.

Un ulteriore aspetto da non sottovalutare è il valore del pH (vale a dire il valore di acidità e basicità di un alimento o bevanda) che nel caffè verde è più alto rispetto al suo omonimo classico, per cui esso è meno acido, determinando un effetto meno lesivo a livello gastrico.

Caffè verde: proprietà e benefici

Diverse ricerche hanno appurato che l’assunzione anche giornaliera del caffè verde porti all’organismo vari benefici, agendo su più fronti.

  • Metabolismo dei grassi: il caffè verde è ricco di metilxantine, sostanze a cui appartiene anche la caffeina, che hanno un effetto lipolitico e di riduzione dell’assorbimento dei grassi, in quanto liberano il tessuto adiposo dagli acidi grassi immettendo questi ultimi in circolo. Ovviamente, pur avendo tale proprietà, il solo uso del caffè verde per dimagrire non servirà a molto. Non esistono sostanze miracolose in grado, da sole, di fare perdere peso facilmente, ricordatevelo! Nell’ambito di un regime alimentare corretto, unito all’esercizio fisico, esso può però essere un ottimo coadiuvante.
  • Azione antiossidante e antinfiammatoria: è data dalla presenza di molte molecole antiossidanti e dalle vitamine.
  • Livelli di glicemia: il caffè verde agisce in due modi sul controllo della glicemia. In uno è coinvolto l’acido clorogenico che riduce la formazione del glucosio a partire dal glicogeno a livello epatico. Nell’altro, è il caffè stesso ad agire sulla mucosa intestinale, diminuendo la quota di zuccheri assorbiti. Un’ottima notizia per quanti soffrono di diabete o debbano tenere sottocontrollo i valori ematici del glucosio e siano alla ricerca del giusto integratore.

Caffè verde: come si assume?

Il caffè verde si può trovare sul mercato sottoforma di semi, di bustine solubili o di capsule. Nel primo caso, occorre pestare per bene i chicchi di caffè verde in un mortaio fino a ridurli in granuli fini, tenerli in infusione in acqua ben calda per alcuni minuti e filtrare il tutto.

Le formulazioni già pronte di caffè verde sottoforma di buste solubili, tavolette o capsule hanno un uso più immediato: le bustine vanno maneggiate come si è abituati a fare con quelle del tè o della camomilla; capsule e tavolette vanno ingerite semplicemente accompagnate da un bicchierone d’acqua. Il dosaggio esatto da seguire va letto sulle confezioni (potrebbe variare in base alla formulazione scelta) ed il preparato ottenuto va assunto preferibilmente mezz’ora prima dei tre pasti principali.

Caffè verde: controindicazioni

In linea di massima, non ci sono particolari controindicazioni legate all’uso del caffè verde, specie se ci si attiene alle dosi giornaliere consigliate.
Se ne sconsiglia l’assunzione nei bambini e nelle donne in gravidanza, sicuramente.

In generale, è buona norma leggere sempre attentamente le etichette dei prodotti contenenti caffè verde, in quanto potrebbero essere presenti principi attivi o eccipienti mal tollerati dal nostro organismo.

Caffè verde: prezzo e dove acquistarlo

Il caffè verde potete acquistarlo in erboristeria o nei negozi bio specializzati. L’acquisto online vi offre però la possibilità di scegliere tra le varie marche a disposizione e documentarvi in tutta calma anche grazie alle recensioni di chi l’ha provato. I prezzi sono variabili in base al tipo di prodotto che cercate. Potete comprare i chicchi interi, la polvere, le bustine solubili o gli integratori.

Il prezzo delle capsule varia dai 20 ai 30 per le confezioni da 60. 250 grammi di caffè verde bio in polvere costa tra i 7 e i 10 euro. La versione solubile, circa 150 grammi, potete trovarla a un prezzo che oscilla tra i 15 e i 20 euro. Se preferite la comodità e desiderate le bustine da lasciare in infusione, allora una scatola con 18/20 filtri la potete pagare circa 5 euro.

Caffè Verde: dove acquistarlo online

Caffè verde in capsule

Caffè Verde – 60 Capsule

Il caffè verde contiene molte sostanze antiossidanti, tra cui la più conosciuta e abbondante è l’acido clorogenico, potente antiossidante naturale. Dona tono e energia, aiuta nel controllo del peso e sostiene il metabolismo.

Caffè verde crudo

Caffè Verde Crudo Biologico

Caffè verde ricavato dai chicchi di caffè non tostato. La confezione presenta comodi filtri per infusione, 100% varietà di caffè Arabica proveniente da Jinotega (Nicaragua).

Hai letto: Caffè verde: funziona davvero per dimagrire? Ecco proprietà e utilizzo
Dott.ssa Caterina Perfetto
Biologa nutrizionista, laureata in Scienze Biologiche presso l’Università Federico II di Napoli, perfezionata in Igiene Alimentare, Nutrizione e Benessere.

1 COMMENTO

  1. ho acquistato caffè verde in capsule molto gradevole al palato, ma poi ho scoperto che conteneva olio di palma idrogenato; ho protestato con la ditta e loro non sapevano come giustificare questa scelta se non con una maggiore “morbidezza” del prodotto… questa storia dell’olio di palma meriterebbe una legislazione chiara, che ne dice dottoressa?

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome