Home Alimentazione Dieta e salute Piperina, potente antinfiammatorio naturale: ecco proprietà e controindicazioni

Piperina, potente antinfiammatorio naturale: ecco proprietà e controindicazioni

Ultima modifica: 26 aprile 2017

870
0
CONDIVIDI
Piperina: proprietà, benefici e controindicazioni

Sicuramente, negli ultimi tempi, molti avranno sentito parlare della piperina e delle molteplici applicazioni di questa sostanza. Vediamo cosa ci dice la ricerca scientifica a proposito della piperina.

La piperina è una molecola presente nel pepe nero, responsabile del sapore pungente e piccante. La pianta del pepe nero, o Piper nigrum, è originaria dell’India, laddove sia il pepe che se ne estrae, sia la stessa piperina, sono ampiamente utilizzate nella medicina Ayurvedica.

Tra le proprietà della piperina troviamo quella di stimolare la digestione e aumentare la biobisponibilità di alcuni elementi, tra cui la curcumina (il principio attivo della curcuma), il coenzima Q10 e il betacarotene, ma non solo. Vediamo ora in dettaglio quali sono tutte le proprietà della piperina supportate da studi scientifici.

Piperina: proprietà e benefici

La piperina è nota per le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, antimutagene, antiproliferative. Vediamo in dettaglio un elenco dei benefici che potrebbe apportare alla nostra salute.

✓ Potente antinfiammatorio

Molti studi hanno dimostrato i benefici dell’uso della piperina in varie malattie infiammatorie, tanto da essere stata segnalata come possibile molecola di impiego nella terapia di sostegno a quella convenzionale per il trattamento dell’artrite, una delle più tipiche patologie di tipo infiammatorio.

✓ Possibile applicazione nel trattamento delle malattie neurodegenerative

Recenti ricerche dimostrano come la piperina possa costituire un aiuto per il trattamento delle malattie neurodegenerative proprio in virtù delle sue proprietà antinfiammatorie.

✓ Aiuta a prevenire l’aterosclerosi

L’aterosclerosi è una condizione dovuta ad un’infiammazione cronica e progressiva delle arterie ed un recentissimo studio ha dimostrato che la piperina è utile nel contrastare l’insorgenza di tale condizione.

✓ Piperina nel trattamento dell’obesità e del diabete di tipo 2

La piperina potrebbe essere d’aiuto contro l’obesità poiché sarebbe in grado di migliorare l’insulino-resistenza e di coadiuvare la perdita ponderale. Uno studio del 2014 condotto su animali da laboratorio ha dimostrato infatti che somministrando piperina pura a determinate concentrazioni si osserva un miglioramento dei livelli plasmatici di glucosio, della pressione sanguigna, del peso corporeo, dell’insulino-resistenza, del profilo lipidico e dei livelli di leptina, contribuendo complessivamente al trattamento dell’obesità, aiutando il processo di dimagrimento.

L’incremento del tasso metabolico del muscolo indotto dalla piperina, inoltre, darebbe importanti benefici nel trattamento del diabete di tipo 2.

✓ Riduce i livelli di colesterolo

La piperina è in grado di ridurre i livelli ematici di colesterolo LDL, quello “cattivo”, mantenendo inalterati i livelli di colesterolo HDL, quello “buono”, e come dimostrato da un lavoro scientifico del 2016 condotto su topi da laboratorio, ha azione simile a quella della simvastatina, principio attivo impiegato di solito nella cura degli stati di ipercolesterolemia.

✓ Alleata del sistema cardiovascolare

La piperina protegge l’apparato cardiovascolare ed in particolare riduce il rischio di andare incontro a infarto del miocardio dovuto all’ischemia. Alcuni studi dimostrano che tale attività si esplica attraverso la sua azione antiossidante e regolatrice dei livelli di lipidi cellulari.

✓ La piperina nella cura delle malattie autoimmuni

La piperina ha capacità immunosoppressive, cioè inibisce l’attività di alcune cellule del sistema immunitario e in questo modo sarebbe di aiuto nella cura di molte malattie autoimmuni, come dimostrato in uno studio del 2017.

✓ Efficace contro la formazione di calcoli biliari

Da uno studio del 2015 è emerso che la piperina è in grado di impedire la formazione di quei calcoli biliari dovuti all’accumulo di colesterolo nella cistifellea. Riducendo anche i trigliceridi ed il colesterolo totale, protegge il fegato dai danni ossidativi.

✓ Facilita la digestione

La piperina è in grado di favorire la digestione poiché stimola la secrezione dei succhi gastrici e aumenta le capacità dell’organismo di assimilare i nutrienti introdotti con l’alimentazione.

In particolare, come abbiamo accennato all’inizio, aumenta l’assorbimento del coenzima Q10, del beta carotene e della curcumina, tutte molecole che possiedono numerose proprietà benefiche. In questo senso è talvolta consigliata nelle diete dimagranti. Inoltre, la piperina migliora il transito intestinale ed è quindi utile nei casi di stitichezza.

✓ Stimola la produzione di melanina

Stimolando la sintesi del pigmento melanina, la piperina favorisce l’abbronzatura e per questo motivo si pensa possa essere utilizzata nel trattamento della vitiligine, una patologia della pelle che si manifesta con delle macchie chiare.

Piperina: funziona davvero?

Come già accennato nei paragrafi precedenti, vari studi hanno dimostrato l’efficacia della piperina in vari stati patologici, ma tanti altri studi saranno necessari per confermare tali proprietà, per cui l’uso di questa sostanza, soprattutto sotto forma di integratori, dovrebbe essere strettamente controllato. Inoltre, nei lavori scientifici sono state utilizzate dosi di piperina ben più elevate di quelle ritenute sicure per la nostra salute, per cui bisognerebbe essere cauti nel consigliarne l’uso a scopo terapeutico.

Ancora, è doveroso sottolineare che se l’intento con cui si assume la piperina è quello di perdere peso, è necessario associare la sua assunzione ad una dieta equilibrata e ad un adeguato esercizio fisico.

Come si assume la piperina

È possibile trovare in commercio vari integratori a base di piperina, spesso associata ad altri principi attivi. La posologia consigliata è di 5 mg al giorno e comunque sarebbe bene non superare i 15 mg al giorno. Si consiglia inoltre di assumerla a stomaco pieno per evitare disturbi gastro-intestinali.

Piperina: controindicazioni

I benefici della piperina sono inevitabilmente correlati alle controindicazioni, dal momento che, come si è detto, agisce potenziando l’azione di altre sostanze.

Essa infatti aumenta la concentrazione ematica di alcuni farmaci, quali la teofilina, un broncodilatatore, la fenitoina, un antiepilettico e il propranololo, un farmaco beta bloccante utilizzato nella terapia dell’ipertensione. Se la piperina viene assunta sotto forma di integratori e non come spezia è necessario prestare molta attenzione.

In particolare ci sono controindicazioni alla sua assunzione nei casi di gastrite, ulcera gastrica, emorroidi, reflusso gastro-esofageo, ipertensione. Anche in gravidanza e allattamento sarebbe bene non assumere piperina poiché attualmente non ci sono studi completi al riguardo.

Se conoscete altre possibili applicazioni della piperina oppure avete personalmente sperimentato l’uso di un integratore a base di piperina, potete condividere con noi le vostre esperienze lasciandoci un commento!

Hai letto: Piperina, potente antinfiammatorio naturale: ecco proprietà e controindicazioni
Azzurra De Luca
Biologa nutrizionista con un dottorato di ricerca in Scienze Morfologiche Molecolari. Negli ultimi anni ha lavorato negli Stati Uniti presso la Stanford University nel campo della biochimica e della biologia molecolare. Oggi esercita a Bracciano e Roma ed esegue analisi dello stato nutrizionale, valutazione della composizione corporea ed elaborazione di piani nutrizionali per singoli o comunità di individui in stati fisiologici e patologici. Per consulenze contattare: 339 2746320 - www.adlbio.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here