Home Salute Cure naturali Liquirizia: radice ricca di proprietà e benefici

Liquirizia: radice ricca di proprietà e benefici

Ultima modifica: 9 ottobre 2016

2357
0
CONDIVIDI
Radice di liquirizia: le proprietà

La Liquirizia, utilizzata spesso sotto forma di caramelle o liquore, vanta numerose proprietà per la nostra salute che vale la pena conoscere. Vediamo nel dettaglio le sue forme e i suoi utilizzi.

Le proprietà della liquirizia sono date dai suoi numerosi principi attivi: glicirrizina la cui concentrazione maggiore è presenta nella corteccia (la radice mondata ne perde circa il 30/40%), flavonoidi, glucosio, amidi, cumarine, mannite e fitosteroli.

  • Antinfiammatoria
  • Cicatrizzante
  • Antispastico
  • Rimedio contro ipotensione
  • Benefici contro disturbi epatici

Liquirizia: proprietà antinfiammatoria e cicatrizzante

I principi attivi della liquirizia hanno potere antinfiammatorio e questo permette di lenire i problemi dovuti da ulcera gastrica e duodenale. I suoi benefici come cicatrizzante si hanno sulla mucosa gastrica e sono dovuti alla presenza della glicirrizina sia per contatto diretto con la lesione, sia per la stimolazione alla produzione di muco da parte delle cellule delle pareti gastriche.

La liquirizia risulta inoltre un buon rimedio contro l’acidità di stomaco. A questo scopo se ne consiglia l’uso in decotto, preparato mettendo a bollire (per 3 o 4 minuti) in 250 ml di acqua un cucchiaio di radice spezzettata, oppure in tronchetti, reperibili online o in erboristeria.

Beneficio antispastico della Liquirizia

La presenza di flavonoidi nella radice di liquirizia e nell’estratto secco, la rende utile in caso di spasmi all’apparato gastrointestinale, in quanto i flavonoidi agiscono sulla muscolatura liscia permettendone così il rilassamento.

Benefici in caso di bassa pressione

Un altro dei benefici della Liquirizia è quello di agire da vasocostrittore, permettendo così di alzare la pressione in caso di ipotensione. Responsabile di questo questo processo è la glicirrizina, che provoca ritenzione idrica con innalzamento dei livelli di sodio e cloro e abbassamento di potassio nel sangue, provocando un innalzamento dei livelli di aldosterone, ormone principale per la regolazione della pressione arteriosa nel corpo.

Proprietà della Liquirizia contro i disturbi epatici

Uno studio effettuato sull’estratto secco di liquirizia ha dimostrato che, grazie alla ricca presenza di antiossidanti, l’assunzione di estratto dalla pianta di liquirizia per un periodo di almeno trenti giorni consecutivi, aiuterebbe a migliorare le condizioni di chi è affetto da insufficienza epatica, in quanto si riducono trigliceridi e transaminasi nel fegato e aumenta il glicogeno epatico. Inoltre la presenza di cumarine dona alla liquirizia proprietà depurative.

Liquirizia: benefici e utilizzi principali

Reperibile in erboristeria o negozi specializzati in varie forme tra cui liquirizia in polvere, radice di liquirizia, liquirizia pura, estratto secco di liquirizia, confetti, caramelle di liquirizia, soluzione liquorosa o per tisana. Vediamone i principali utilizzi.

  • Per regolare la digestione si consiglia di sorseggiare un bicchiere di succo di liquirizia dopo il pasto (che vi permetterà di notare anche un miglioramento in caso di alitosi) o bere una tisana a base di liquirizia, camomilla e menta piperita per favorire la digestione. La tisana potete prepararla lasciando in infusione la miscela per 10 minuti e consumarne una tazza calda dopo ogni pasto.
  • Contro le malattie da raffreddamento è utile un decotto di liquirizia, timo ed eucalipto. Le proprietà della liquirizia in decotto agiscono sulla tosse come emolliente e in presenza di catarro bronchiale ne favorisce l’espulsione. Una curiosità: questo utilizzo della liquirizia era già noto ad Ippocrate.
  • In presenza di stitichezza è possibile bere una tisana con liquirizia, frangula, cassia e menta, farsi preparare in erboristeria il composto pronto in erbe sfuse miscelate, mettere 1 cucchiaio da tè in acqua portata ad ebollizione e berne 1 tazza la sera prima di coricarsi.
  • Contro l’Ipotensione prendere estratto secco di liquirizia in tavolette e seguire le indicazioni sulla confezione acquistata, facendo sempre attenzione a non esagerare nel suo utilizzo in quanto l’eccesso può portare a innalzamenti bruschi della pressione stessa. Si sconsiglia l’uso dell’estratto secco in sinergia con farmaci.

Associazioni consigliate
Le piante in sinergia con la liquirizia:

Ipotensione: Liquirizia + Biancospino
Gastro-protezione: Liquirizia + Malva fiori e foglie
Gastrite: Liquirizia + Camomilla
Stipsi: Liquirizia + Frangula + Cassia
Espettorante: Liquirizia + Eucalipto + Timo
Digestione: Liquirizia + Semi di Finocchio

Informazioni Botaniche

La pianta di Liquirizia, il cui nome botanico è Glycyrrhiza glabra L. , è una pianta aromatica originaria dell’Europa orientale e meridionale, facente parte della famiglia delle leguminose.

Questa pianta é stata utilizzata a scopo terapeutico già oltre 5 mila anni fa, dalle civiltà indiane, cinesi, egiziane, greche e romane che già ne conoscevano le sue proprietà.

La radice di Liquirizia venne chiamata “radice sciita”, perché ne facevano largo uso gli Sciiti, che secondo quanto scritto in alcuni testi la utilizzavano masticandone e succhiandone la radice anche per dieci giorni senza ingerire altro cibo. Nella radice di liquirizia è presente una buona dose di magnesio che permette di metabolizzare la vitamina C, fosforo, sodio e potassio.

Controindicazioni ed effetti collaterali della Liquirizia

Sconsigliato l’utilizzo a chi è allergico alla famiglia delle leguminose, a chi soffre di ipertensione (la liquirizia tende ad alzare la pressione), insufficienza renale, gravidanza e disturbi mestruali, in presenza di diarrea è da evitarne l’uso in quanto la mannite, uno zucchero naturale presente nella liquirizia ne può peggiorare gli episodi, fungendo anch’essa da lassativo.
Prestare attenzione al suo utilizzo qualora assumiate diuretici, lassativi, cortisonici, antiaritmici, contraccettivi orali e insulina in quanto ha interazione con questi riducendone l’assimilazione. La liquirizia, se assunta in alte dosi, può causare ritenzione idrica.

Dove acquistare alcuni prodotti a base di Liquirizia

Radice di liquirizia per infuso

Questa confezione contiene radice di liquirizia (Glycyrrhiza glabra) perfetta per infusi e tisane. Si utilizza aggiungengo un cucchiaino per ogni tazza d’acqua e lasciata in infusione per 5-10 minuti.

Tronchetti di Liquirizia della Calabria

Un originale metodo di lavorazione della radice di liquirizia tradizionale e artigianale, garantisce la prelibatezza del sapore aspro e piccante del prodotto, le cui caratteristiche qualitative hanno permesso all’azienda di ottenere il marchio di tutela DOP.

Liquore alla Liquirizia

Il primo ed inimitabile liquore alla liquirizia di Calabria. Prodotto da piante di provenienza biologica e certificata.

Hai letto: Liquirizia: radice ricca di proprietà e benefici
Silvia Terracciano
Naturopata Operatrice Olistica diplomata in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico presso la Jean Monnet di Bruxelles. La sua formazione continua e constante nelle discipline sul benessere per il riequilibrio emozionale energetico prosegue continuando a studiare e sperimentare Floriterapia, Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Alimentazione e discipline come Meditazione, Reiki e Consulente Feng shui per il riequilibrio emozionale ed energetico. Studiosa di discipline esoterico e come l’impiego delle erbe per la creazione di oleoliti, talismani e molto altro. Ha conseguito l’attestato in fitoterapia funzionale riequilibrio metabolico, drenaggio e detossificazione. Co-autrice di 2 ebook in vendita presso il sito di Amazon dai titoli: "Il Trattamento energetico vibrazionale" e "La Sacerdotessa di Bastet: Gli insegnamenti segreti"

LASCIA UN COMMENTO