Home Mamma Bambino Pannolini lavabili: migliori l’ambiente e risparmi denaro

Pannolini lavabili: migliori l’ambiente e risparmi denaro

Ultima modifica: 26 dicembre 2014

1771
0
CONDIVIDI
pannolini lavabili ecologici

Grazie all’utilizzo dei pannolini lavabili puoi migliorare l’ambiente, risparmiare denaro e donare comfort al tuo bambino. Ma quali scegliere?

L’attenzione sempre maggiore all’ambiente, alla nostra salute e a quella del pianeta, ci spinge necessariamente a rivedere alcuni dei nostri consumi e stili di vita attuali.
Accessori che necessariamente una donna si trova a dover utilizzare nell’arco della propria vita, per lei e per i propri figli, possono diventare veicolo di una nuova consapevolezza e sensibilità a più livelli. Parliamo di assorbenti e pannolini per i quali la nuova frontiera dei lavabili sono l’unico futuro possibile per l’ambiente e per la salute umana.

Pensando all’ inquinamento ed ai rifiuti la ragione primaria per preferire pannolini lavabili a quelli usa e getta è proprio quella ecologica, al fine di evitare di far finire in discarica circa 6000 pannolini in 3 anni di vita del bimbo. Dobbiamo pensare che per produrre pannolini usa e getta per un solo bambino si richiede una quantita’ di cellulosa che equivale a circa 10 grandi alberi. Riempiti di feci e urine, essi costituiscono il 20% circa dei rifiuti nelle discariche. I rifiuti rilasciati dall’utilizzo di pannolini usa e getta risultano non biodegradabili e quindi difficili da smaltire.

Il loro tempo di decomposizione, variabile da 200 a 500 anni, aumenta in condizioni di carenza di acqua e ossigeno, condizioni che alcuni genitori riproducono volontariamente, richiudendo ogni singolo pannolino in un sacchetto di plastica. La loro degradazione rilascia nell’ambiente sostanze chimiche nocive, come ad esempio il sodium polyacrilate, il tributyl-stagno (TBT), la diossina, lo xylene, lo styrene, l’ ethylbenzene e l’isopropylene.

Perchè scegliere di utilizzare i pannolini lavabili?

Il vantaggio dell’utilizzo di pannolini lavabili si inserisce anche in un contesto più ampio, e decisamente molto attuale, di crisi economica che stiamo vivendo.
A parte una spesa iniziale variabile che la famiglia deve affrontare per assicurarsi la giusta scorta di pannolini, la famiglia che sceglie di intraprende questa strada risparmia almeno la metà rispetto alle famiglie che acquistano pannolini usa e getta.

Lavare i pannolini con lavatrici ad alte prestazioni energetiche, a carico pieno e a temperature medio-basse (30° – 40°), ed asciugatura all’aria o vicino al termosifone, come si fa per un bucato quotidiano, consente di spostare anche il bilancio idrico ed energetico a favore dei pannolini lavabili. Riutilizzare i pannolini acquistati sui figli successivi, venderli o regalarli è possibile con i pannolini biologici lavabili.

L ’aspetto principale che scoraggia i più ad adottare questo tipo di stile di vita è appunto il fatto che si debbano lavare e non sia quindi sufficiente sfilarli al bimbo e gettarli nel cestino, chiudendo occhi e naso e senza pensare alle possibili conseguenze.
L’utilizzo dei pannolini lavabili richiede indubbiamente un pò più di tempo e di buona volontà ma in fondo basta un pò di sana organizzazione domestica alla quale qualsiasi mamma, per il bene dell’ambiente e dei suoi piccoli, può facilmente abituarsi.

Dobbiamo fugare il campo dalla diffidenza e provare questi prodotti con entusiasmo, credendo nel valore educativo ed etico dello scegliere un prodotto che non si getta dopo l’uso, e più in generale, nelle scelte di vita che implicano la sobrietà del ri-utilizzo. D’altronde, in questi difficili tempi di crisi, tali alternative non andrebbero mai sottovalutate.

Pannolini lavabili: quali scegliere?

Nel progetto dei pannolini lavabili Agunga dell’ azienda pratese GGinnovation, le parole chiave sono: confort, traspirazione e naturalezza. Il pannolino è realizzato con materiali innovativi, studiati appositamente per il benessere del bambino: la fibra di amido vegetale a contatto con la pelle al fine di evitare arrossamenti, allergie e dermatiti , non surriscalda, riduce la formazione di batteri e attenua i cattivi odori, all’esterno vi è cotone biorganico. Il pannolino Agunga mantiene inoltre un ottimo posizionamento delle anche e in più migliora la percezione delle funzioni fisiologiche e quindi l’abbandono anticipato del pannolino, rendendo più facile il passaggio al vasino.

Hai letto: Pannolini lavabili: migliori l’ambiente e risparmi denaro
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Silvia Bulgarelli
Silvia Bulgarelli lavora come Biologa presso H-earth, azienda tessile Toscana che produce tessuti dermocompatibili, frutto della combinazione di fibre naturali dalle particolari qualità. Collabora con aziende che si fanno portavoce di una nuova economia sostenibile che rispetti l'uomo, la sua salute e l'ambiente, producendo e promuovendo prodotti ecologici, quali pannolini lavabili e assorbenti lavabili presso l'azienda toscana GG Innovation. www.h-earth.com www.gginnovationsrl.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here