Home Rimedi Naturali Prodotti erboristici Papavero: un valido alleato contro tosse e insonnia

Papavero: un valido alleato contro tosse e insonnia

Ultima modifica:3 Dicembre 2020

26883
0

Il papavero è noto per le sue proprietà sedative, ultile contro l’insonnia, come rimedio contro la tosse e la febbre. Scopri come utilizzare il papavero

Il papavero comune (Papaver rhoeas) è una pianta erbacea dai caratteristiti petali rossi che, a primavera, sbocciano e tingono di un bellissimo rosso i prati. A scopo curativo si utilizzano principalmente i petali, che risultano un valido rimedio naturale utilizzato principalmente per contrastare tosse e insonnia.

Le proprietà curative del papavero

I petali di papavero contengono numerosi alcaloidi, sostanze mucillaginose e antocianine (responsabili del colore rosso dei petali).

I semi di papavero invece contengono acidi grassi, proteine, sali minerali e vitamina E.

Come abbiamo anticipato sopra, in erboristeria la parte maggiormente utilizzata sono i petali, che hanno spiccate proprietà narcotiche, calmanti, decongestionanti ed espettoranti.

Per queste sue proprietà il papavero trova largo utilizzo per calmare la tosse secca, la pertosse, per calmare l’ansia e abbassare la febbre. Al papavero sono riconosciute anche proprietà cosmetiche, per mantenere pulita e liscia la pelle del viso. Tuttavia, il papavero trova il suo maggiore utilizzo come sedativo, molto valido per conciliare il sonno ed evitare risvegli notturni. Ma come si utilizza il papavero? Approfondiamo di seguito i suoi utilizzi.

Utilizzi del Papavero

1 Tisana al papavero

Uno dei modi più semplici per usare il papavero è sicuramente sotto forma di tisana. Per preparare l’infuso è necessario mettere in acqua bollente l’equivalente di circa un cucchiaino di petali essiccati per tazza d’acua. Trascorsi 10 minuti filtrare e bere ancora caldo. Questa tisana è particolarmente indicata la sera per conciliare il sonno ma anche per sfruttare le altre proprietà del papavero, ad esempio per calmare la tosse. In quest’ultimo caso può essere utile aggiungere all’infuso anche un cucchiaino di miele.

2 Tintura madre

La tintura madre di papavero è la formulazione erboristica più diffusa di questa pianta, dopo i petali essiccati. La tintura madre apporta tutti i benefici di questa pianta. Può essere quindi usata la sera per dormire meglio ma anche per calmare la tosse o ridurre l’ansia e lo stress. Prima di utilizzarla vi consigliamo di leggere attentamente le modalità d’uso riportate sulla confezione di acquisto.

Sempre sotto forma di tintura madre è possibile trovare anche l’estratto di papavero californiano, detto anche escolzia, noto per le sue proprietà sedative e concilianti il sonno.

3 Infuso per la pulizia del viso

Un modo curioso ed interessante per usare il papavero è quello di preparare un infuso con cui fare risciaqui del viso. In tal caso, porre una manciata di petali di papavero in 300 ml di acqua bollente (circa una tazza), lasciare in infusione per 10 minuti e quindi filtrare. Utilizzare l’infuso così ottenuto per fare una pulizia del viso prima di applicare i prodotti solitamente utilizzati.

4 Sciroppo per la tosse al papavero

Quando si parla di tosse, rimedi naturali come il papavero sono tra i più efficaci. L’uso popolare vede infatti il papavero fra gli ingredienti di sciroppi per la tosse. Vediamo, quindi, come preparane uno in casa.
Il procedimento è semplice, innanzitutto è necessario porre 35 grammi di fiori di papavero essiccati in mezzo litro di acqua bollente per almeno 10 minuti. Successivamente unire 600 gr di zucchero di canna e scaldare nuovamente sul fuoco mescolando per alcuni minuti fino ad ottenere una miscela densa, della consistenza di sciroppo. Secondo la tradizione, bere uno o due cucchiai al giorno di questo scioppo facilita la guarigione dalla tosse. Attenzione all’uso dello sciroppo in caso di problemi nella gestione della glicemia.

Raccolta e conservazione

I petali di papavero si raccolgono in estate a piena fioritura. Una volta raccolti, vengono stesi in file ordinate e messi ad essiccare in un posto ventilato caldo per poi riporli in un barattolo di vetro scuro o in sacchetti di carta.
Per verificare la freschezza dei petali comprati in erboristeria invece, controllare che questi abbiano un intenso color rosso scuro e che siano leggermente umidi.

Informazioni Botaniche

Uno degli spettacoli più belli che la natura ci offre all’inizio dell’estate sono i campi di grano accesi dal rosso intenso dei papaveri. Il papavero nostrano (Papaver Rhoeas) è una pianta erbacea, perenne, appartenente alla famiglia delle papaveracee. Può raggiungere i 60 cm di altezza, presenta un fusto ramificato e ricoperto di peluria. Le foglie sono dentellate e ricoperte di peli mentre i fiori sono generalmente rossi, ma possono essere anche violacei, rosa e in rari casi bianchi.

Il papavero è una pianta infestante che cresce nei campi di grano e nei luoghi incolti di tutta la nostra penisola, dal livello del mare fino ai 1500 metri di altezza. La semina generalmente avviene tra marzo e aprile e la raccolta dei petali avviene a piena fioritura.

Controindicazioni del Papavero

Nonostante il papavero nostrano e il papavero da oppio (papaver somniferum) appartengono alla stessa specie, il papavero nostrano è privo di sostanze pericolose che invece costituiscono parte integrante del papavero da oppio (diffuso in asia e in medio-oriente).

L’utilizzo del papavero nostrano può considerarsi innocuo, se non si eccede con le dosi. Le dosi che si consiglia di non superare sono di 5-6 gr di petali al giorno per i bambini e 10-15 gr di petali al giorno per gli adulti. Per quanto riguarda gli integratori, invece, è sempre bene attenersi a quanto riportato sulla confezione. Nei soggetti sensibili il papavero può provocare reazioni allergiche o nausea. In caso in cui si stia seguendo una cura farmacologica o nel caso di gravidanza o allattamento è sempre bene consultare il proprio medico prima dell’uso.

Curiosità
Il significato del nome papavero deriva dalla lingua celtica. Il termine “papa” infatti significa pappa, in riferimento al fatto che petali di papavero venivano mescolati nella pappa dei bambini per farli stare tranquilli. La capacità sonnifera di questa pianta è stata utilizzata da numerose popolazioni antiche.

Hai letto: Papavero: un valido alleato contro tosse e insonnia

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Inserisci il tuo nome