Home Ricette Primi Vellutata di asparagi senza patate, con scorza di limone

Vellutata di asparagi senza patate, con scorza di limone

Ultima modifica: 8 aprile 2018

2155
0
Ricetta della vellutata di asparagi

Profumata e detossificante, la vellutata di asparagi è l’ideale per depurarsi in primavera e fare il pieno di sali minerali. Vediamo come si prepara e quali sono le proprietà degli asparagi.

La ricetta della vellutata di asparagi senza patate con scorza di limone è molto facile e veloce da preparare. Questa vellutata è indicata nel periodo primaverile, quando gli asparagi sono di stagione e quindi maggiormente ricchi di sapore e di nutrienti.

Per preparare la vellutata utilizzeremo le punte degli asparagi, che rappresentano i germogli, ossia la parte commestibile degli asparagi. Questi ortaggi possono essere coltivati oppure selvatici, questi ultimi hanno un sapore molto più forte. Anche il colore può variare, in quanto esistono asparagi verdi, bianchi ma anche viola e rosso-viola. Noi utilizzeremo gli asparagi verdi.

Dal punto di vista nutrizionale, gli asparagi sono poveri di calorie ma non di nutrienti e di antiossidanti. Essi sono diuretici e depurativi, migliorano la circolazione e hanno un basso indice glicemico. Per addensare la vellutata utilizzeremo della fecola di patate e del latte di soia per dare cremosità, mentre per aromatizzare useremo delle bucce di limone.

La ricetta non contiene ingredienti di origine animale quindi può essere consumata da vegani e vegetariani, ma anche dai soggetti intolleranti al lattosio. È inoltre priva di glutine quindi anche i celiaci possono gustarla, a patto di acquistare una fecola di patate che non abbia subìto delle contaminazioni.

Ricetta: Vellutata di asparagi


La ricetta della vellutata di asparagi è perfetta in primavera, la stagione degli asparagi. Per questa vellutata abbiamo usato asparagi verdi, fecola di patate per addensare e latte di soia per rendere cremosa la vellutata. I soggetti che possono consumare la vellutata sono celiaci, intolleranti al lattosio, vegetariani e vegani.

Preparazione: 10 min Cottura: 20 min Tempo totale: 30 min

Ingredienti
Dosi per: 2 persone

  • Asparagi › 300 gr
  • Latte di soia › 100 ml
  • Cipolle › 2
  • Carota › 1
  • Sedano › 1 costa
  • Brodo vegetale › 200 ml
  • Fecola di patate › 2 cucchiai
  • Olio extravergine d’oliva › 2 cucchiai
  • Sale › un pizzico
  • Un pizzico di pepe › 100 gr
  • Buccia di limone › ½ frutto

Attrezzi e utensili da cucina

  • Tagliere
  • Coltello
  • 3 pentolini
  • Frullatore ad immersione

Difficoltà
Facile › 2 su 5

Caratteristiche
Categoria: Primi
Vegana Senza lattosio Senza glutine

Procedimento

1 Per prima cosa preparate il brodo, facendo bollire 250 ml di acqua e versando dentro una cipolla, una carota e una costa di sedano tagliati a pezzi;

2 Lavate gli asparagi e tagliate le punte su un tagliere, eliminando il gambo fibroso. Fate bollire dell’acqua in un pentolino e versate le punte di asparagi, facendo bollire per circa 15 minuti;

3
Nel frattempo che cuociono gli asparagi, tagliate a pezzetti una cipolla, versate l’olio in un altro pentolino e fate soffriggere la cipolla. Ora aggiungete alla cipolla il latte di soia e scaldate qualche minuto;

4 Quando gli asparagi saranno cotti, tagliateli a pezzi (lasciando da parte tre punte intere, che serviranno per la decorazione) aggiungeteli al latte di soia, versate anche il brodo, e 2 cucchiai di fecola di patate setacciata;

5 Completate con sale, pepe e la scorza grattugiata di mezzo limone e fate addensare, continuando a mescolare di tanto in tanto, fino a raggiungere la consistenza desiderata;

6 A questo punto, frullate con il frullatore ad immersione. Infine, servite in due ciotoline decorando con delle punte di asparagi e qualche scorzetta di limone.

Conservazione

Se non consumate la vellutata di asparagi, potete conservarla in un contenitore ben chiuso e riposto in frigo, solo dopo che la vellutata si sia raffreddata completamente.

Valori nutrizionali per porzione

Porzione › 350 gr
Calorie › 165 Kilocalorie
Carboidrati › 13 gr
Di cui zuccheri › 7,5 gr
Grassi › 10,3 gr
Di cui saturi › 1,7 gr
Fibre › 3,9 gr
Proteine › 5,8 gr

Il consiglio
Se non amate il latte di soia, potete sostituirlo con un altro latte vegetale come il latte di miglio o il latte di riso. Se non siete vegan o intolleranti al lattosio, potete invece utilizzare il latte vaccino parzialmente scremato.

I benefici degli ingredienti principali

Asparagi

Gli asparagi non sono altro che le radici, chiamate turioni, di piante erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, la stessa a cui appartengono aglio e cipolla. Essi sono originari del continente asiatico, e negli anni si sono diffusi anche in Europa. Gli asparagi sono adatti alle diete ipocaloriche in quanto sono poveri di kilocalorie, circa 24 per 100 grammi, e di grassi. Inoltre, il loro consumo aiuta a stimolare il transito intestinale e ad eliminare le tossine grazie alla presenza delle fibre. Gli asparagi sono adatti anche ai soggetti diabetici, in quanto hanno un indice glicemico molto basso.

Latte di soia

Il latte di soia è una bevanda vegetale ottenuta dalla lavorazione dei semi di soia. Esso ha un basso indice glicemico, quindi è adatto ai diabetici, ed è anche abbastanza proteico, con 3 grammi di proteine in 100 ml di latte di soia. Le calorie presenti in 100 grammi sono poche, circa 55. Grazie a questo, è un latte adatto alle diete ipocaloriche, anche perché è dotato di un alto potere saziante. Si tratta di un latte naturalmente senza colesterolo e lattosio.

Vi è piaciuta la nostra ricetta della vellutata di asparagi? Provatela e fateci sapere nei commenti se avete altre varianti altrettanto gustose!

Hai letto: Vellutata di asparagi senza patate, con scorza di limone
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Barbara Ziparo
Barbara Ziparo è biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi. Appassionata da sempre delle proprietà curative degli alimenti, oggi effettua tirocinio volontario presso il reparto di Nutrizione Clinica di Catanzaro ed esercita la libera professione a Catanzaro e provincia e a Roma, effettuando valutazione dello stato nutrizionale e dei fabbisogni nutritivi ed energetici, percorsi di rieducazione alimentare, elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in particolari condizioni fisiologiche e patologiche. - barbaraziparonutrizionista.blogspot.it/. Per contatti telefonici: 3421474619

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here