Home Eco-consigli Casa Come apparecchiare la tavola per un’occasione speciale: come disporre posate, piatti e...

Come apparecchiare la tavola per un’occasione speciale: come disporre posate, piatti e bicchieri

Ultima modifica: 3 aprile 2018

5259
0
CONDIVIDI
Come apparecchiare la tavola formale, secondo il galateo

Spesso lasciamo che siano i più piccini ad apparecchiare la tavola, dimenticando quanto la disposizione di posate, piatti e bicchieri sia importante per la buona riuscita di un’occasione speciale. Impariamo insieme tutti i trucchi per apparecchiare la tavola in modo semplice, furbo e di sicuro effetto.

Per organizzare una cena o un pranzo di successo si inizia dalla lista degli invitati, poi si passa alla stesura del menù e solo infine ci si dedica alla tavola. Così la disposizione di posate, piatti e bicchieri rischia di diventare un problema da risolvere all’ultimo minuto, mentre gli ospiti bussano alla porta e gli antipasti non hanno ancora toccato i vassoi di portata.

Sapere come apparecchiare la tavola per un’occasione speciale è una componente fondamentale per la buona riuscita pratica dell’evento perché, al contrario di come possa sembrare, disporre correttamente piatti, bicchieri e posate non è una mera questione estetica. C’è in gioco la fruibilità dei piatti da parte dei commensali che si aspettano istintivamente di trovare ogni stoviglia lì dove va messa.

Ogni cosa al suo posto, dunque, e solamente dopo aver studiato nel modo più appropriato la disposizione di bicchieri, piatti e posate potremo dedicarci a attività più creative, come la scelta di tovaglia, tovaglioli e centro tavola. Attenzione però: anche le decisioni più banali nascondono delle piccole insidie legate al bon ton. L’unico modo per non sbagliare è quello di avere le idee chiare su come si apparecchi la tavola, una volta per tutte.

Come apparecchiare la tavola: disporre piatti, posate e bicchieri

✓ Bicchieri

I bicchieri vanno disposti sul lato destro, sopra alle posate. Bicchiere per l’acqua (bicchiere basso oppure calice grande), calice medio per il vino rosso e calice piccolo per il vino bianco si dispongono obliquamente con il bicchiere dell’acqua in corrispondenza perfetta con la punta dei coltelli. Davanti a quest’ultimo i calici di vino, corredati dal flute, in caso di champagne, sempre posizionato oltre la linea dei bicchieri per acqua e vino.

✓ Posate

La prima semplice regola da seguire per disporre le posate correttamente è quella di posizionare all’esterno la posata che verrà utilizzata per prima. A sinistra verranno posizionate le forchette, sempre con i denti all’insù, a destra i coltelli con la lama rivolta verso il piatto e a proseguire verso l’esterno il cucchiaio, rivolto verso l’alto.

Le posate per i dolci trovano il loro posto al di sopra del piatto: per prima la forchettina, con le punte verso destra, poi il cucchiaino, rivolto a sinistra.

Ricordate che carne e pesce necessitano di coltelli e forchette differenti. Una terza forchetta è inoltre dedicata all’antipasto e le ostriche richiedono la forchette. Nel caso in cui la vostra cena prevedesse una tale varietà di portate, disponete le posate esattamente come in figura.

✓ Piatti

Se state apparecchiando la tavola per un’occasione speciale, via libera ai sottopiatti che dovrebbero misurare circa 33-25 cm. Sopra al sottopiatto si posiziona il piatto piano che a sua volta sostiene il piatto dell’antipasto. La fondina è necessaria solo nel caso in cui si servano minestre, zuppe e brodi ma va portata a tavola al momento, già riempita. Il posto ideale per il piattino del pane è invece in alto a sinistra, corredato da un tovagliolino per coprire il pane.

I piatti decorati vanno disposti con i disegni e gli stemmi rivolti verso il commensale e i piatti destinati a contenere pietanze calde dovrebbero essere serviti tiepidi. Ma quest’ultima è una regola cui si deroga volentieri negli ambienti casalinghi, anche in occasioni formali.

✓ Bottiglie e caraffe

La soluzione migliore, nel caso di una cena formale, è di affidarsi a un carrello oppure a un tavolino dedicato. In mancanza, bottiglie e caraffe vanno disposte lungo il tavolo a portata di mano di ogni commensale. Meglio evitare sottobottiglie o sottobicchieri per non sembrare troppo preoccupati per l’avvenire della tovaglia.

Come apparecchiare la tavola: tovaglia e tovaglioli

✓ Tovaglia

Iniziamo cercando di rispondere a una questione frequente e spinosa: tovaglia sì o tovaglia no? Se la tradizione vorrebbe la tovaglia, della misura perfetta rispetto al tavolo e appena stirata, le nuove mode spingono verso tavole più casual senza tovaglia ma con le tovagliette, accettate in occasioni meno formali. Se disponete di un bel tavolo il legno grezzo, potete lasciarlo scoperto, a patto che le stoviglie siano disposte da manuale. Una soluzione intermedia è rappresentata dal runner, una striscia di stoffa lunga e stretta da posizionare al centro del tavolo sui cui disporre centro tavola e piatti da portata.

✓ Tovaglioli

Rigorosamente in stoffa, il tovagliolo è solitamente abbinato alla tovaglia e si può mettere nel piatto o nel bicchiere. Per un’occasione speciale, può essere arricchito da una decorazione personalizzata ma sempre molto discreta. L’importanza della stoffa è da sottolineare soprattutto nel caso in cui non si utilizzi la tovaglia: il tessuto, a differenza della carta, dona immediata eleganza alla tavola, anche quando è apparecchiata nel modo più essenziale.

Come apparecchiare la tavola: centrotavola e candele

✓ Centrotavola

Il centrotavola conferisce unicità e carattere alla tavola e non deve essere necessariamente dal sapore antico. I fiori restano sempre il centrotavola più gradito, ma è meglio verificare con gli ospiti l’eventuale presenza di allergie. Potete optare per un centrotavola compatto, cioè un’unica composizione disposta al centro, oppure per un centrotavola diffuso, cioè distribuito lungo tutta la lunghezza del tavolo. In questo campo si può dar via libera alla fantasia, a patto di non esagerare con decorazioni e dimensioni

✓ Candele

Le candele donano un tocco chic ed elegante alla tavola ma non devono mai essere troppo invadenti. Meglio dunque optare per dei piccoli lumini sparsi qua e là oppure per un candelabro che non deve però impedire ai commensali di conversare agevolmente. L’unica regola da rispettare sempre in fatto di candele è quella di utilizzare solo candele neutre: le profumazioni altererebbero la percezione dei piatti e potrebbero essere sgradite agli ospiti.

Esempio di come apparecchiare la tavola secondo il galateo

Disposizione piatti e posate a tavola

Cerchi ispirazione? Clicca sulle immagini e prendi spunto per apparecchiare la tua tavola delle feste:

Ora che abbiamo svelato tutti i trucchi su come apparecchiare la tavola per le occasioni speciali, è arrivato il momento di confidarci i vostri. Qual è il tocco personale a cui non rinuncereste mai, dopo aver disposto correttamente piatti, bicchieri e posate? Comunicatecelo con un commento!

Hai letto: Come apparecchiare la tavola per un’occasione speciale: come disporre posate, piatti e bicchieri
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Martina Tallon
Martina ama tutto ciò che ruota attorno alla natura, la cucina vegana e lo storytelling. Copywriter, blogger e articolista freelance, oltre a collaborare con alcune testate online, gestisce dal 2012 un blog personale dedicato alla cultura e alla cucina vegana in cui racconta le sue esperienze di vita legate al cibo, che si svolgano tra le mura di casa oppure nei ristoranti vegan friendly di tutta Europa. Esperta di cucina vegana sana ma golosa, non smette mai di sperimentare dentro e fuori la cucina. www.vegancucinafelice.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here