Dolci light: 3 ricette romantiche per San Valentino

Questi 3 dolci sono perfetti per una colazione romantica, una merenda a sorpresa o per concludere al meglio una cena romantica. Realizzati con ingredienti sani, sono ideali da preparare per la festa di San Valentino. Conquisteranno il vostro partner!

I dolci light sono un’idea carina per un regalo speciale da fare a San Valentino e stupire il partner con una ricetta buona e allo stesso tempo sana. Le ricette proposte possono essere preparate tutto l’anno, in quanto gli ingredienti che abbiamo utilizzato non hanno una particolare stagionalità e sono sempre reperibili in ogni stagione.

3 ricette per san valentino

Vediamo quindi come preparare a casa 3 buonissimi dolcetti light per San Valentino.

Se dovesse mancarvi un ingrediente in cucina, potete scoprire come sostituirlo agevolmente, consultando la nostra guida: Come sostituire un ingrediente nelle ricette dolci o salate (con Tabella).

3 ricette per dolci di San Valentino

1 Muffin all’uvetta sultanina

I muffin di San Valentino sono perfetti da preparare per il 14 febbraio, perché arricchiti da romantiche decorazioni a forma di cuore, ma possono però essere preparati anche in qualsiasi altro momento dell’anno.

Questi muffin sono preparati con farina di farro integrale, ricca di fibre e dal sapore rustico, e uvetta, dalle proprietà lassative e antiossidanti. Nella ricetta sono presenti le uova, ricche di proteine ad alto valore biologico.

La ricetta prevede l’uso dell’olio di semi di girasole, rendendoli meno pesanti rispetto a quelli preparati con il burro, e dello zucchero bruno integrale di canna, meno raffinato rispetto allo zucchero bianco.

La ricetta è adatta alle persone intolleranti al lattosio, per la totale assenza di latte e derivati, e ai vegetariani. Ma con piccole variazioni si rendono facilmente adatti anche ai celiaci e ai vegani (lo spieghiamo dopo il procedimento della ricetta).

Preparazione: 20 min Cottura: 20 min Tempo totale: 40 min

Ingredienti
Dosi per: 6 persone

  • Farina integrale di farro › 200 gr
  • Zucchero bruno integrale di canna › 30 gr
  • Uovo › 1
  • Latte di avena o di riso › 50 ml
  • Olio di semi di girasole › 30 ml
  • Uvetta › 40 gr
  • Sale › 1 pizzico
  • Lievito per dolci › 1 cucchiaino
  • Bicarbonato › Una puntina di cucchiaino
  • Bacche di vaniglia in polvere › ½ cucchiaino
  • Zucchero a velo › 1 cucchiaio
Procedimento

1 Per prima cosa mettete in ammollo l’uvetta in un bicchiere di acqua tiepida per 15 minuti;

2 Nel frattempo, rompete l’uovo in una ciotola, aggiungete lo zucchero e il pizzico di sale e montate con la frusta elettrica per 10 minuti;

3 Intanto, accendete il forno a 170 °C poi aggiungete la farina setacciata, il latte vegetale, l’olio e mescolate velocemente;

4 Strizzate bene l’uvetta e versatela nella ciotola, setacciate il lievito e il bicarbonato e aggiungeteli al resto degli ingredienti, mescolate e versate l’impasto ottenuto negli stampini fino a 2/3 di altezza;

5 Se i vostri pirottini sono di silicone, non c’è bisogno di ungerli, se invece sono di metallo, dovete prima ungerli con poco olio e infarinarli, per fare in modo che non si attacchino;

6 Infornate i muffin a 170 °C per circa 15-20 minuti, facendo la prova stecchino per verificarne la cottura, ossia dovete inserire uno stuzzicadenti di legno nel muffin e quando esce asciutto vuol dire che i muffin sono cotti. Quando i muffin si sono raffreddati, cospargeteli con lo zucchero a velo;

7 Per rendere i muffin romantici e adatti alla festa di San Valentino, prendete il cartoncino rosso e disegnate un cuoricino, ritagliatelo con la forbice e ripetete l’operazione per gli altri cuoricini;

8 Infine attaccate con poca colla il cuoricino di cartone ad uno stuzzicadenti e poi infilzatelo dentro il muffin!

Conservazione

Per conservare al meglio questi muffin si consiglia di riporli in un contenitore chiuso ermeticamente e consumarli possibilmente in un tempo non superiore ai 3 giorni.

Valori nutrizionali per porzione

Porzione › 70 gr
Calorie › 204 Kilocalorie
Carboidrati › 33 gr
Di cui zuccheri › 10,8 gr
Grassi › 6,6 gr
Di cui saturi › 1 gr
Fibre › 3,7 gr
Proteine › 5 gr

Il consiglio: come rendere la ricetta vegana e senza glutine
Per rendere questa ricetta adatta ai soggetti celiaci, è possibile sostituire la farina integrale di farro con la farina di grano saraceno o la farina di miglio, naturalmente senza glutine. I vegani possono preparare la ricetta dei muffin di San Valentino sostituendo l’uovo con 50 gr di yogurt di soia, mescolandolo con lo zucchero per qualche minuto e poi seguire lo stesso procedimento.

2 Croissant alla crema di nocciole

I croissant alla crema di nocciole sono dei dolcetti sani da fare a San Valentino (ma non solo) e ideali per la colazione. Sono preparati con farina integrale di farro e latte vegetale, e farciti con una crema di nocciole che prepareremo con cacao, nocciole e poco zucchero bruno integrale di canna. Questa ricetta, oltre ad essere un bel pensiero per una colazione romantica, può essere preparata tutto l’anno.

Questa ricetta prevede due fasi: la preparazione della pasta e la preparazione della crema. Per la pasta abbiamo utilizzato la farina integrale di farro e il latte vegetale di soia, maggiormente proteico rispetto agli altri tipi di bevande vegetali. Per la crema abbiamo usato le nocciole, ricche di acidi grassi essenziali e di fibre, che vanno tritate insieme al cacao, fonte di antiossidanti importanti, e a poco zucchero bruno integrale di canna.

Preparazione: 2 ore e mezza Cottura: 20 min Tempo totale: 2 ore e 50 min

Ingredienti
Dosi per: 8 persone

    Per i croissant:

    • 260 gr di farina integrale di farro
    • 30 gr di zucchero bruno integrale di canna
    • 12 gr di lievito di birra
    • 150 grammi di latte di soia
    • 40 ml di olio di semi di girasole
    • Un pizzico di bacche di vaniglia in polvere
    • 1 pizzico di sale
    • Un cucchiaio di zucchero a velo

    Per la crema alle nocciole:

    • 100 g nocciole
    • 30 g cioccolato fondente al 90% almeno
    • 20 g di dolcificante a base di stevia
    • 70 ml di latte di soia
    • 1 cucchiaio olio di semi di girasole
    • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
Procedimento

1 Per prima cosa, preparate l’impasto dei cornetti. Sciogliete il lievito di birra nel latte di soia, aggiungendo lo zucchero;

2 In una ciotola o l’impastatrice versate la farina integrale di farro, l’olio di semi di girasole, il pizzico di sale e un pizzico di bacche di vaniglia in polvere e mescolate;

3 Adesso aggiungete il latte di soia con il lievito di birra e lo zucchero e impastate fino ad ottenere un panetto liscio e non appiccicoso;

4 Mettete il panetto in una ciotola infarinata e coperta da pellicola e lasciate lievitare nel forno spento con luce accesa fino al raddoppio dell’impasto, circa 2 ore;

5 Nel frattempo che l’impasto dei croissant lievita, preparate la crema di nocciole cominciando a sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino o a bagno maria;

6 Nel frullatore versate le nocciole e frullate fino ad ottenere una crema, aggiungete l’olio e frullate ancora per 5 minuti;

7 Aggiungete alla pasta di nocciole il cioccolato fondente fuso, il latte di soia, lo zucchero bruno integrale di canna e il cacao setacciato, quindi frullate tutto per 2 minuti;

8 Quando l’impasto è lievitato, accendete il forno a 180 °C e lasciatelo pre-riscaldare;

9 Prendete il panetto e stendetelo a cerchio con uno spessore di 1 cm circa, poi con un coltello tagliate l’impasto in modo da ottenere 8 spicchi uguali;

10 Versate al centro di ogni cornetto un cucchiaino abbondante di crema alla nocciola, quindi arrotolate ogni cornetto su se stesso, chiudendo bene i bordi;

11 Posizionate i cornetti delicatamente su una teglia rivestita da carta forno e infornate a 180 °C per circa 20 minuti, finché non saranno belli dorati;

12 A cottura ultimata, sfornateli, fateli raffreddare e spolverateli con lo zucchero di canna a velo.

Conservazione

Potete conservare i croissant per 2 giorni, tenendoli ben chiusi in contenitori ermetici o nei sacchetti per alimenti. Se li conservate in frigo dureranno uno o due giorni in più; in questo caso sarebbe meglio riscaldarli un po’ in forno prima di consumarli.

Valori nutrizionali per porzione

Porzione › 95 gr
Calorie › 290 Kilocalorie
Carboidrati › 28,9 gr
Di cui zuccheri › 7 gr
Grassi › 17 gr
Di cui saturi › 2,5 gr
Fibre › 4,7 gr
Proteine › 7 gr

Il consiglio: come rendere la ricetta vegana o senza glutine
Se si vuole rendere la ricetta vegana, è necessario sostituire il lievito di birra con la pasta madre, circa 100 grammi, diminuendo il latte di soia di 50 grammi e la farina integrale di farro di 40 grammi. Per i celiaci, invece, si può sostituire la farina integrale di farro con una farina naturalmente senza glutine come la farina integrale di miglio, aggiungendo una piccola percentuale di farina di grano saraceno, sempre senza glutine, per conferire un sapore più rustico.

3 Tortino cioccolato e pera

La ricetta del tortino monoporzione cioccolato e pera è molto semplice e veloce da fare. L’abbinamento del cioccolato con le pere è un classico che non stanca mai, e soddisfa anche i palati più esigenti.

Il tortino cioccolato e pera può essere preparato quasi tutto l’anno in quanto le pere si trovano, in diverse varietà, in estate, autunno e inverno. Le varietà più dolci si trovano soprattutto nella stagione autunnale. Per questa ricetta, l’importante è sceglierle piccole, perché ognuna andrà al centro di un tortino. Il cioccolato fondente che useremo è un cioccolato con il 70 % di cacao, con un sapore più deciso e con meno zucchero aggiunto. Questa ricetta può essere consumata dai soggetti vegetariani e dagli intolleranti al lattosio, in quanto nella ricetta, al posto del burro classico, useremo l’olio di semi di girasole.

Preparazione: 15 min Cottura: 20 min Tempo totale: 35 min

Ingredienti
Dosi per: 6 persone

  • 80 gr di farina integrale di farro
  • 60 gr di zucchero bruno integrale di canna
  • Un uovo medio
  • 60 ml di panna di soia
  • 40 gr di olio di semi di girasole spremuto a freddo
  • 90 gr di cioccolato fondente
  • Un cucchiaino di lievito per dolci
  • Un pizzico di sale
  • 6 pere piccole
  • 6 cubetti di cioccolato fondente
Procedimento

1 Per prima cosa mettete in un pentolino 30 grammi di olio con il cioccolato fondente a pezzetti, fate sciogliere e poi togliete dal fuoco per farlo raffreddare;

2 Sbucciate le pere e togliete il torsolo con l’apposito attrezzo o con un coltellino (se volete rendere la ricetta più scenografica, cercate di mantenere la forma originale del frutto, quindi non tagliatele a pezzetti);

3 In una ciotola versate l’uovo e lo zucchero con il pizzico di sale e sbattete per 5 minuti;

4 Aggiungete la panna di soia, l’olio e il cioccolato fuso tiepido, infine aggiungete il lievito setacciato, quindi accendete il forno a 170 °C;

5 Prendete le cocotte e con l’aiuto di un pennello spalmate sulla superficie l’olio rimasto;

6 Infarinate le cocotte e versate il composto fino a metà del bordo;

7 Inserite in ogni cocotte una pera al centro e infornate a 170°C per 20 minuti;

8 Mentre i tortini cuociono in forno sciogliete a bagnomaria 6 quadratini di cioccolato fondente;

9 Appena estraete i tortini dal forno, versate un cucchiaino di cioccolato fondente fuso sopra ogni pera, in modo che scivoli sulla pera stessa;

10 A questo punto i vostri tortini sono pronti per essere gustati!

Conservazione

I tortini con cioccolato e pera si conservano per 2 giorni in un contenitore ben chiuso, ma meglio consumarli entro un giorno altrimenti perdono di sofficità. Se li conservate in frigo ricordatevi di scaldarli un po’ in forno prima di consumarli.

Valori nutrizionali per porzione

Porzione › 100 gr
Calorie › 260 Kilocalorie
Carboidrati › 31 gr
Di cui zuccheri › 21,6 gr
Grassi › 14,4 gr
Di cui saturi › 4,8 gr
Fibre › 2 gr
Proteine › 3,8 gr

Il consiglio: come rendere la senza glutine o vegan
Per rendere la ricetta completamente senza glutine, potete utilizzare la farina di miglio al posto della farina di farro integrale. Se invece volete rendere la ricetta vegana, dovrete sostituire il lievito con il cremor tartaro e l’uovo con le alternative vegetali. Per sapere quali sono vi invitiamo a leggere: 16 idee per sostituire le uova in cucina, per ricette dolci e salate

Dott.ssa Barbara Ziparo

Biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio