Home Salute Cure naturali Psillio: un ottimo alleato del benessere intestinale

Psillio: un ottimo alleato del benessere intestinale

Ultima modifica: 17 luglio 2016

9821
0
CONDIVIDI
Psillio benefici

Le proprietà dello Psillio

  • Diarrea
  • Stitichezza
  • Benefici in caso di emorroidi
  • Benefici per il cuore
  • Combatte l’obesità

I semi di psillio sono un noto ed efficace rimedio per mantenere una corretta regolarità e favorire quindi il benessere intestinale.

Psillio per il benessere intestinale

Lo psillio si compone di mucillagini, terpeni, acidi grassi e proteine. Questa pianta trova il suo principale utilizzo per combattere la stitichezza e per rammollare le feci in caso di ragadi anali o emorroidi. Grazie alla presenza di un considerevole quantitativo di mucillagini infatti, lo psillio è in grado di ammorbidire le feci e quindi rendere più semplice l’evaquazione.

Recenti studi hanno messo in evidenza la proprietà antinfiammatoria dello psillio, in particolare a carico del colon, rendendo questa pianta un valido alleato per alleviare la sindrome del colon irritabile.

Se da un lato questa pianta è un valido alleato in caso di stitichezza, è altrettanto vero che lo psillio è un ottimo rimedio contro la diarrea. Le mucillagini dei semi infatti assorbono l’acqua in eccesso, addensando le feci e rallentando il tratto intestinale.

Psillio alleato del cuore

Recenti studi hanno messo in luce anche un’altra interessante proprietà dello psillio: esso sarebbe in grado di abbassare l’ipertensione e lo sviluppo dell’obesità. L’assunzione di psillio incrementa il tasso di colesterolo “buono” HDL a sfavore di quello “cattivo” LDL e questo lo rende interessante nella prevezione di malattie cardiovascolari. Un test effettuato su persone in sovrappeso che hanno assunto psillio quotidianamento per 6 mesi ha avuto esiti positivi nell’abbassamento della pressione arteriosa.

Come usare lo Psillio e le dosi

In commercio lo psillio si trova in polvere o in capsule.
Se lo prendete in polvere, le dosi di psillio sono: due cucchiaini da caffè in un bicchiere di acqua pieno, lasciate riposare fino a 10 minuti e bevete una volta al mattino e una alla sera. Se assumete capsule si consiglia di assumerne una al giorno accompagnata da una grande quantità di acqua.

Informazioni Botaniche

Lo Psillio è una pianta originaria dell’India ma lo troviamo anche in Europa, nord America ed altre regioni dell’Asia. Lo psillio è un parente della piantaggine, che appartiene allo stesso genere botanico (Plantaginacee). Per via di questa caratteristica lo psillio è anche chiamato Piantaggine Indiana. La parte utilizzata a scopo terapeutico sono i semi.

Controindicazioni ed effetti collaterali dello Psillio

E’ importante assumere psillio con un grande quantitativo di acqua. Senza un apporto sufficiente di acqua infatti, si può creare un rigonfiamento delle mucillagini nell’esofago con il rischio di soffocamento.
Non assumere psillio in caso di occlusione intestinale e non superare i 4/5 grammi al giorno. Un’eccessiva assunzione di psillio può provocare gonfiore intestinale e flatulenza. Nel caso si segua una cura farmacologica consultare sempre il proprio medico prima dell’utilizzo.

Hai letto: Psillio: un ottimo alleato del benessere intestinale

LASCIA UN COMMENTO