Depurare i reni con la naturopatia

Depurare i reni con la naturopatia

0 869

A ottobre il ciclo di disintossicazione è quasi giunto al termine. Questo è il mese della depurazione dei reni, per affrontare meglio l’inverno

Consigli per ottobre

Continuiamo la fase depurativa del nostro organismo, dobbiamo arrivare il più disintossicati possibile per l’inverno, perché durante l’inverno la natura si riposa e così anche il nostro organismo e l’efficacia di un percorso disintossicante è ridotta di molto.
L’autunno, al contrario, proprio come la primavera è una stagione di cambiamento, adatta quindi a ricevere gli stimoli di una cura depurativa.
Se abbiamo seguito i consigli per il mese di settembre, nei quali abbiamo aiutato il fegato ad essere più “pulito”, sicuramente ora ci ritroviamo in una condizione di migliorato benessere a livello umorale (siamo meno suscettibili e meno stanchi) , la nostra testa è più “leggera” e la nostra pelle è più luminosa; nel mese di ottobre ci preoccuperemo di depurare i reni e disintossicarli.

I reni

Il rene è l’organo che neutralizza le tossine.
È un organo doppio, lungo circa 10 cm, posto a destra dietro il fegato e a sinistra dietro la milza. I reni sono collegati alla vescica da due tubicini chiamati ureteri. Un altro tubicino, chiamato uretra, mette in collegamento la vescica con l’esterno permettendo di eliminare l’urina raccolta. I reni ,in realtà, non si limitano a eliminare liquidi e scorie dall’organismo, ma anche a produrre vitamine e ormoni che agiscono su altri organi.

Tra le loro funzioni principali ricordiamo: l’eliminazione delle acque e Sali con le urine; il controllo dell’acidità del sangue; l’eliminazione di sostanze tossiche prodotte dal nostro organismo o introdotte dall’esterno (farmaci, coloranti, veleni..) regolazione della pressione sanguigna; stimolo alla produzione di globuli rossi del sangue; stimolo all’assorbimento del calcio nell’intestino.
L’importanza di tenerli “puliti” è evidente.

Consigli-fai-da-te

Per il mese di ottobre, per un ciclo di almeno 21gg prepara la sera una tisana da bere poi anche come prima cosa al mattino appena ti svegli, di:

Gramigna

Vediamo le proprietà delle piante in dettaglio

Ortiche
Le ortiche giovani, ricche di vitamine e minerali, sono ottime cosumate in insalata, cotte o impiegate nella preparazione del risotto.
L’ortica è depurativa e diuretica, alcalinizzante del sangue (contrasta l’acidosi) vasocostrittrice, digestiva, emolliente e dermopurificante, riduce i livelli di zucchero nel sangue, stimola le difese organiche, aumenta la secrezione del latte materno.

Betulla
La prima testimonianza scritta dell’uso della linfa di betulla come depurativo dei reni, risale al 1695, nell’”Historia Vegetabilium Sacra”e da allora tale rimedio ha sempre dato ottimi risultati!
La sua linfa contiene acidi organici, betulina e tannini che depurano reni e vescica, contrastano la cellulite, calcoli renali, ipertensione.

Gramigna
In passato veniva utilizzata per fare il pane e la birra e si tostavano le radici per fare il caffè. I cani e i gatti la ricercano e la mangiano avidamente per depurarsi.
È un’erba antiinfiammatoria delle vie urinarie, antigottosa, antireumatica, emolliente, depurativa, dissetante, diuretica, ipotensiva, rinfrescante gastroenterica, sudorifera.

Hai letto: Depurare i reni con la naturopatia
Sabrina Rosina
Sabrina Rosina è una Naturopata accreditata presso l’Istituto di Medicina Psicosomatica Riza, ha conseguito la Specializzazione in Oligoterapia.Lavora presso il proprio studio erogando tecniche di rilassamento a mediazione corporea, massaggi psicosomatici, fitoterapia, floriterapia, riflessologia plantare, oligoterapia. Collabora con varie Associazioni che operano nel campo del Ben-essere olistico.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Stanchezza autunnale

In autunno siamo spesso soggetti a stanchezza, sonnolenza o malumore. Vediamo come la natura può venirci in contro e quali sono le buone pratiche...

cardo mariano e silimarina per proteggere il fegato

Il cardo mariano, ricco di silimarina, è in grado di proteggere il fegato dai danni di tossine, metalli pesanti e alcool. Vediamo come funziona...

Nessun commento

Dicci cosa ne pensi:


*

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.