Home Salute Cure naturali Malva: proprietà, usi e controindicazioni

Malva: proprietà, usi e controindicazioni

Ultima modifica: 17 marzo 2017

33523
1
CONDIVIDI

Le proprietà curative della Malva: i benefici per la salute

La Malva contiene tannini, mucillagini, antociani, sali minerali, vitamine A, C e B1 e 2 principi attivi: la malvina e la malvidina.

  • Antinfiammatorio,
  • Emolliente,
  • Lassativo,
  • Diuretico,
  • Contro le infiammazioni del cavo orale,
  • Infiammazioni dell’intestino,
  • Dolori di stomaco,
  • Allevia faringiti e laringiti

La malva ha una importante azione emolliente e antinfiammatoria sulle mucose con le quali viene a contatto, quindi essendo assunta prevalentemente in infusi, i benefici maggiori si hanno sulla mucosa gastrica. Le mucillagini presenti agiscono come uno strato viscoso che protegge la mucosa da agenti irritanti.

L’uso della malva è indicato anche contro la tosse, le faringiti, laringiti, per idratare e disinfiammare l’intestino e per regolarne le funzioni, grazie alle sue proprietà diuretiche e lassative. Inoltre benefici si hanno nell’uso della malva come collutorio, per alleviare gengiviti ed ascessi.

Curarsi con la Malva: gli utilizzi

Malva per la tosse e dolori di stomaco

Come rimedio a questi disturbi preparare un infuso di malva come descritto nel ricettario e berne 2 o 3 tazze al giorno.

Malva contro la stitichezza

Contro la stitichezza preparare un infuso di malva seguendo il ricettario, unire un cucchiaino di miele e bere a bicchierini durante la giornata per 15 giorni.

Cura drenante con la malva

Preparare un infuso con 5 gr di foglie di Malva di 1/2 L di acqua e bere 2 volte al giorno a stomaco vuoto per almeno 30 giorni consecutivi.

Bagno sedativo a base di malva

Preparare un decotto di Malva seguendo il ricettario e diluirlo nell’acqua della vasca da bagno. Immergersi per almeno 15 minuti.

Punture di insetti: la malva per trovare sollievo

Le foglie fresche di Malva spremute direttamente sulla puntura di insetto ne impediscono il gonfiore e ne diminuiscono il dolore.

Usare la malva contro le infiammazioni della bocca

Con l’infuso preparato secondo il ricettario si possono fare risciacqui per alleviare le infiammazioni orali.

RICETTARIO ERBORISTICO: Preparare la Malva

Infuso di malva

Porre 5 grammi di fiori o 10 grammi di foglie in 1/2 litro di acqua bollente e lasciare a riposo per 10 minuti quindi filtrare e bere.

Decotto di malva

Porre 30 grammi di foglie in 3 litri di acqua e lasciare bollire per 20 minuti, quindi filtrare.

Informazioni botaniche

La Malva è una pianta perenne della famiglia delle Malvacee, che comprende numerose piante. La Malva sivestris è senza dubbio la più importante della famiglia a scopo terapeutico. Ha un fusto legnoso alto fino a 80 cm da cui si dipartono alla base i rami come a raggera; le foglie sono lungamente piccolate, con 5 o 7 lobi a margini ondulati e ricoperte di ruvidi peli; i fiori sono di color lilla o biancastri, i frutti di color giallastro. Cresce spontanea nei prati e nei luoghi incolti di pianura e collina. Se ne utilizzano principalmente le foglie e i fiori, raccolti in Giugno e Luglio e lasciate seccare all’aria aperta, all’ombra.

Controindicazioni della malva

E’ sconsigliato l’uso in caso di intolleranza a uno o più composti presenti nella pianta.

Hai letto: Malva: proprietà, usi e controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here