Home Salute Cure naturali Gennaio: come affrontare il freddo con energia e vitalità

Gennaio: come affrontare il freddo con energia e vitalità

Ultima modifica: 6 febbraio 2017

1283
0
CONDIVIDI
In salute a Gennaio: come affrontare il freddo con energia

Scopriamo come affrontare in piena vitalità il mese di gennaio con tanti rimedi naturali e alimenti che aiutano a prevenire i malanni di stagione e allontanare la malinconia tipica del periodo.

A Gennaio fa molto freddo e affrontare il mese con energia e determinazione non è sempre semplice, anche a causa delle rigide condizioni climatiche che non aiutano affatto. Il corpo vorrebbe entrare in letargo, ma la vita che conduciamo ci impone i soliti ritmi frenetici.

Allora che fare? Occorre trovare le giuste strategie per superare questo lungo mese invernale, aiutare corpo e mente con alimenti specifici e imparare a ricaricarsi con le giuste tecniche.

La salute nel mese di Gennaio

La mancanza di luce e il tempo uggioso impigriscono la mente e il corpo tanto che si fa fatica a pensare di uscire o fare regolare attività fisica. Molte persone si sentono costantemente malinconiche e scambiano questo stato d’animo per depressione.

In questo caso la naturopatia suggerisce di preferire una dieta energizzante e i rimedi naturali per non ricorrere a farmaci chimici che creano dipendenza. Ecco una serie di informazioni e consigli utili.

Come superare malinconia e tristezza stagione

Per superare questi stati d’animo occorre stare il più possibile all’aria aperta. Non è difficile, basta concedersi per esempio una camminata ogni giorno. La luce naturale favorisce l’adeguata produzione degli ormoni che intervengono sul tono dell’umore.

Gennaio è il mese giusto che bandire la pigrizia e sforzarsi, nel tempo libero, di stare all’aperto e sfruttare al massimo le ridotte ore di luce invernali. Il trucco per essere costanti e regolari? Mettere questo impegno in agenda come priorità e organizzare i propri impegni o i propri spostamenti in funzione della passeggiata.

Influenza e dolori articolari

Gennaio è anche il periodo delle sindromi influenzali. Si possono prevenire arrivando alle porte di questo mese invernale con un sistema immunitario forte e protetto e continuando a sostenerlo con alimenti e rimedi specifici. Inoltre in presenza di freddo-umido possono peggiorare i problemi articolari e i reumatismi.

In questo caso è indispensabile fare una moderata e regolare attività fisica e curarsi con rimedi come il “Golden Milk” o latte dorato, una bevanda della tradizione ayurvedica a base di curcuma.

Le bevande della salute di Gennaio

Il miracoloso “Golden Milk”

Il “Golden Milk”, o “latte d’oro” per il suo colore, è conosciuto e apprezzato nella medicina ayurvedica. La bevanda “Golden Milk” è a base di curcuma, il cui principio attivo, la curcumina, è un noto antiossidante, con proprietà antisettiche e utile contro gli stati infiammatori, indicato per curare i malanni del mese di gennaio. Ma non solo. Il “Golden Milk” aiuta a riequilibrare il colesterolo e rinforza il sistema immunitario. Inoltre diminuisce la pressione sanguigna e disintossica il fegato. Può anche essere utilizzato in caso di mal di gola e raffreddore. Assumendolo tutti i giorni, diventa una efficace forma di prevenzione.

COME ASSUMERLO:
Il Golden Milk la bevanda ideale per questo mese invernale perché è un efficace antidolorifico, quindi valido contro dolori articolari, dolori muscolari, artriti, artrosi, infiammazioni. La tradizione suggerisce di assumerlo una volta al giorno, di mattina, per 40 giorni, aggiunto al latte di mucca o latte vegetale. Ma è talmente sano e buono che può essere consumato durante tutto l’anno.

Gli alimenti immancabili a Gennaio

1Cioccolato fondente: per migliorare l’umore

Uno degli alimenti consigliati in questo freddo mese invernale è il cioccolato, ovviamente fondente, privo di zucchero bianco e di grassi dannosi. Quindi meglio optare per un prodotto biologico, sano, con una percentuale di cacao che sia almeno del 70% e dolcificato con zucchero di canna o fruttosio. Il cioccolato fondente favorisce l’apporto di triptofano, precursore della serotonina, “l’ormone del buon umore”.

CONSIGLI IN CUCINA:
In naturopatia si suggerisce di consumare quotidianamente una tazza di cioccolata naturale o un quadrotto di 30 grammi di cioccolato, perché è considerato un antidepressivo naturale.
La cioccolata naturale può essere preparata in casa, utilizzando il cacao amaro, il latte di soia naturale, un dolcificante come il succo di agave e l’amido di mais.

2Radicchio: depura e favorisce la regolarità intestinale

Fra gli alimenti sani di questo periodo, il radicchio è facilmente reperibile in gennaio e si presta a diverse preparazioni. Ne esistono diverse varietà, tutte gradevoli. È benefico perché depurativo e consigliato contro la stitichezza. Contiene vitamina A, vitamina C e ferro. Favorisce la digestione, la funzione epatica e la secrezione biliare. È anche indicato per chi ha problemi di pelle, artrite e reumatismi.

CONSIGLI IN CUCINA:
Può essere consumato sia crudo, da solo o aggiunto alle insalate miste, che cotto, saltato in padella o ai ferri. È un ottimo ingrediente per il pinzimonio e per la preparazione del risotto al radicchio. Sulla pizza, in inverno, è una vera specialità.

3Mandarini: per rafforzare il sistema immunitario

Uno dei frutti reperibili in questo mese è il mandarino che matura proprio da gennaio a marzo, quando esprime al meglio le sue virtù terapeutiche. Infatti rafforza il sistema immunitario tenuto sotto scacco durante i freddi mesi invernali. La polpa del mandarino contiene vitamina C e vitamina P. La vitamina C rafforza il sistema immunitario e aiuta a prevenire il raffreddore e le influenze mentre la vitamina P contrasta la ritenzione idrica, favorendo la diuresi. Inoltre la polpa contiene anche molte fibre che beneficiano l’intestino, facilitano il transito intestinale e contrastando la stitichezza.

CONSIGLI IN CUCINA:
Il mandarino si può consumare a spicchi da solo o aggiunto alla macedonia. Consiglio di non assumerlo mai a stomaco pieno, o come frutto di fine pasto, perché la componente acida degli agrumi potrebbe interferire con la digestione di proteine e carboidrati. Meglio consumarlo tra un pasto e l’altro oppure come prima portata a tavola. Per esempio qualche spicchio di mandarino nell’insalata o nelle verdure crude darà un tocco fresco e saporito, vitaminico ed enzimatico, per iniziare il pasto. Il succo di mandarino può sostituire o dare più dolcezza al classico succo d’arancia.

3Porro: un antibiotico naturale

Il porro, simile alla cipolla, è un ortaggio reperibile tutto l’anno ma è buona abitudine consumarlo nel periodo invernale, anche e soprattutto nel mese di gennaio. Contiene diversi minerali tra cui ferro, potassio, sodio, magnesio, zinco, calcio, fosforo e molti altri e vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E, K e J. Nel porro è presente anche il beta-carotene. Siccome è considerato un antibiotico naturale, grazie all’allicina contenuta, risulta perfetto nella stagione fredda in caso di artrite e reumatismi. Inoltre ha proprietà diuretiche, disintossicanti, digestive e carminative. Fa bene alla pelle e aiuta a dimagrire.

CONSIGLI IN CUCINA:
Il porro è un valido ingrediente da utilizzare come sostituto della cipolla perché è più leggero, meno piccante e per molte persone risulta più digeribile, sia crudo che cotto.
In cucina è molto apprezzato nella base soffritta per i primi piatti e i contorni. Per non fare un soffritto pesante, consiglio di aggiungere un po’ di acqua all’olio e di fare cuocere bene il porro finché diventa morbido. I porri possono essere stufati, cotti al forno, in padella o bolliti. Possono essere gli ingredienti di un pinzimonio o essere parte integrante di zuppe e vellutate.

Continua a leggere » Mangiare di stagione a Gennaio
Mangiare di stagione a Gennaio

Scopri tutta la frutta e la verdura da mettere nel carrello a Gennaio

Leggi

I consigli di Gennaio per il benessere psicofisico

Luce terapia: i trattamenti con la luce che cura

Per affrontare questo mese con vitalità, è possibile fare dei trattamenti con la luce ovvero la “luce terapia”. Esistono lampade per effettuare questo trattamento, si trovano in commercio nei negozi specializzati e possono essere tenute in casa perché non tanto ingombranti.

Il trattamento consiste nell’esposizione a una particolare frequenza luminosa per almeno 30 minuti al giorno. La luce, attraverso il nervo ottico, riporta in equilibrio melatonina e serotonina regolarizzando i ritmi circadiani di sonno-veglia e apportando benefici all’umore e all’appetito. Attraverso dei trattamenti regolari, si possono superare depressione, problemi di insonnia e disturbi associati come cefalea o problemi digestivi. Più semplicemente, avere al risveglio un simulatore di luce naturale stimola il buon umore e contribuisce a mantenere il sorriso per tutto il giorno.

Hai letto: Gennaio: come affrontare il freddo con energia e vitalità
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati.
Simona Vignali
Simona Vignali da oltre venticinque anni si occupa di Naturopatia, Nutrizione sana, Ayurveda e Tecniche corporee. A Milano gestisce lo Spazio SoloSalute, il centro di Salute Naturale dove eroga le sue consulenze di naturopatia. Ha fondato e dirige la SIMA Scuola Integrata Moderna di Ayurveda e la Scuola di Cucina Naturale, Vegana e Crudista. Nel suo canale di Youtube offre consigli sui rimedi naturali, l’alimentazione e la bellezza olistica. Tiene corsi e conferenze in tutta Italia, ha pubblicato oltre sei libri con RED edizioni, scrive per le principali riviste italiane e per diversi portali del settore. È appassionata di astrologia. www.spaziosolosalute.it - www.simonavignali.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here