Home Salute Cure naturali Fumaria: le proprietà e le controindicazioni

Fumaria: le proprietà e le controindicazioni

Ultima modifica: 21 settembre 2015

5815
0
CONDIVIDI

Le proprietà curative della Fumaria

Le proprietà della fumaria sono date principalmente da un alcaloide, la fumarina, che insieme ad altri principi attivi, come sali minerali, flavonoidi e mucillagini regolano la pressione e normalizzano la composizione sanguigna.

A seconda del dosaggio, la fumaria può essere utilizzata sia come tonico, sia come ipotensivo e possiede anche una spiccata azione diuretica e depurativa, stimolante di tutte le secrezioni organiche.

  • Diuretico
  • Depurativo
  • Epatoprotettore
  • Coleretico
  • Disturbi digestivi associati a cefalea
  • Contro l’acne
  • Cura della pelle
  • Cure depurative primaverili
  • Stitichezza

La fumaria officinalis è utilizzata anche come epatoprotettore e coleretico.

Curarsi con la Fumaria

Disturbi della pelle

Fare impacchi con una garza sterile imbevuta nell’infuso preparato secondo il ricettario
In alternativa: assumere 15 gocce di T.M. unite a 15 gocce di T.M. di Genziana per 3 volte al giorno per cicli di 2 mesi con un mese di pausa.

Artite

Assumere 2 capsule (da 250 mg ognuna) di estratto secco per 2 volte al giorno per 2 mesi.

Cure Ipotensive

Durante la giornata, bere uno o due bicchierini di sciroppo fatto in casa, seguendo le indicazioni scritte nel ricettario.

Depurazione dell’organismo

Assumere 15 gocce di Tintura Madre unite a 15 gocce di T.M. di Carciofo diluite in acqua poco prima dei pasti principali per almeno un mese.

Digestione lenta o difficile

Assumere 30 gocce di T.M. diluite in mezzo bicchiere d’acqua 3 volte al giorno. Ripetere per almeno 1 mese.

Cefalea Vasomotoria

30-40 gocce di T.M. diluite in acqua 2 volte al giorno prima dei pasti per cicli di 20 giorni al mese per 3 mesi.

RICETTARIO ERBORISTICO: Preparare la Fumaria

Infuso

8/10 gr di Fumaria in una tazza di acqua bollente e lasciato in infusione per 15-20 minuti. Si prende a bicchierini 2 o 3 volte al giorno contro colesterolo e arteriosclerosi.

Tisana

Mettere 15 gr di fumaria in 300 gr di acqua bollente, lasciare per 15 minuti e addolcire con miele. Prendere a bicchierini durante la giornata.

Sciroppo

Prendere 40 gr di sommità fiorite e metterle a macerare per 4-5 ore in acqua bollente. Successivamente aggiungere 500 gr di zucchero e lasciarlo ancora in caldo per qualche minuto fino ad ottenere un liquido limpido e omogeneo.

Per la sua energica virtù depurativa, la fumaria è molto indicata come coadiuvante nelle cure dimagranti; utilizzata nei vari rimedi da prendere dopo i pasti come digestivo ed è consigliata ogni qualvolta si desideri ottenere un ricambio organico, con eliminazione degli umori stagnanti. E’ da quest’ultimi che derivano infatti, gran parte dei disturbi di chi fa una vita sedentaria.

Informazioni botaniche

La Fumaria (Fumaria Officinalis) è una pianta erbacea annuale, della famiglia delle Papaveracee, comunissima nei campi e negli orti, fra le siepi di tutta la nostra zona submontana.
I fusti sono gracili e molto ramosi, lunghi fino a 40-50 cm. Le foglie, lungamente picciolate di colore verde azzurro e finemente suddivise, i fiori composti da spiga, di color porpora e i frutti costituiti da piccoli globi contenenti semi.
Fiorisce da Aprile a Settembre e se ne raccolgono tutte le parti.
Si utilizza prevalentemente fresca, ma può essere seccata all’ombra e utilizzata successivamente.

Controindicazioni

Non assumere in caso di Ipersensibilità verso uno o più componenti presenti.

ti raccomandiamo di consultare un naturopata o un erborista per capire se questa pianta è indicata nella cura dei tuoi disturbi.
Hai letto: Fumaria: le proprietà e le controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.