Home Salute Cure naturali Centella asiatica: le proprietà e le controindicazioni

Centella asiatica: le proprietà e le controindicazioni

Ultima modifica: 17 luglio 2016

14321
0
CONDIVIDI
centella asiatica

Le proprietà curative della Centella asiatica

La Centella è una pianta officinale usata contro la cellulite e per i benefici che apporta alla circolazione sanguigna, ma ha molte altre proprietà benefiche.

Le proprietà della centella asiatica sono racchiuse nelle parti aeree, ricche di saponine triterpeniche (asiaticoside e madecassicoside), olio essenziale e diversi polifenoli con proprietà antiossidanti.

Centella asiatica per la protezione delle vene

Tradizionalmente la centella asiatica viene utilizzata nel trattamento dei sintomi associati alla fragilità capillare e per combattere i sintomi da insufficienza venosa quali gambe pesanti o dolori alle caviglie.
Studi clinici hanno dimostrato che un estratto di centella asiatica permette di migliorare l’elasticità delle vene e di proteggerle in caso di ipertensione venosa.

Centella asiatica come cicatrizzante

Studi clinici hanno dimostrato l’efficacia cicatrizzante e antinfiammatoria della centella sulla cura di dermatiti. Inoltre questa pianta è tradizionalmente indicata, ad uso esterno, per lenire e cicatrizzare le affezioni cutanee come eczemi e psoriasi o per alleviare scottature, screpolature o punture d’insetto.

I benefici sulla pelle della Centella Asiatica

Oggi tuttavia l’applicazione principale della centella è quella di ristabilire la funzionalità del tessuto connettivo. Uno studio condotto sugli uomini conferma questo effetto rigenerante sulla pelle: in particolare due componenti della pianta (asiaticoside e madecassicoside) stimolano la sintesi di collagene (cellule connettive del derma) nella pelle umana, e uno dei principali segni dell’invecchiamento cutaneo è proprio il rallentamento della produzione di collagene. Inoltre la centella contrasta la perdità di elasticità della pelle, il che ne fa un buon aiuto contro le smagliature.

La centella come buon tonico cerebrale

La medicina ayurvedica fa della centella asiatica un importante rimedio per migliorare la concentrazione e la salute cerebrale. Utilizzare questa pianta avrebbe l’effetto di migliorare la concentrazione, la memoria e di prevenire malattie neurodegenerative. Di recente anche studi scientifici ne stanno dimostrando con successo la veridicità.

Come si usa la centella

In erboristeria o nei negozi di prodotti naturali è facile reperire parti di pianta, estratti o integratori a base di centella asiatica.
L’infuso si prepara ponendo un cucchiaino da caffè di centella in un bicchiere di acqua bollente, lasciato riposare per 10 minuti e quindi filtrato. Bere 2 o 3 bicchieri al giorno.
Se si assumono estratti attenersi alle modalità d’uso indicate sulla confezione.
Esistono anche creme a base di centella per uso esterno, contro affezioni cutanee o le smagliature.

Informazioni Botaniche

La centella asiatica è una pianta rampicante perenne appartenente alla famiglia delle ombrellifere, che popola le zone calde e umide del nostro pianeta. La troviamo in Asia, Africa, Madagascar, Australia e Sud America. Si presenta con fusti sottili e foglie verdi, semplici e arrotondate. Solitamente non supera i 50 cm di lunghezza.

Controindicazioni ed effetti collaterali della Centella asiatica

La centella non presenta particolari controindicazioni, se non si eccedono le dosi consigliate. E’ bene tuttavia non farne uso in gravidanza o allattamento e, se si segue una cura farmacologica consultare il proprio medico prima dell’utilizzo. A dosi elevate la centella può provocare mal di testa. Infine è bene evitare l’uso di centella qualora si faccia uso di antidepressivi.

Hai letto: Centella asiatica: le proprietà e le controindicazioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here