Home Salute Cure naturali Camomilla: proprietà, usi e controindicazioni

Camomilla: proprietà, usi e controindicazioni

Ultima modifica: 11 agosto 2016

4717
0
CONDIVIDI
Camomilla proprietà

La camomilla è una delle piante più note, tra i rimedi naturali. È generalmente ben tollerata, anche dai bambini. Scopriamo meglio le proprietà della camomilla, gli usi e le controindicazioni.

Le proprietà curative della camomilla

La camomilla è probabilmente il rimedio naturale più noto per le qualità calmanti, lenitive e blandamente sedative. In realtà, la pianta presenta principalmente qualità antispasmodiche ed è dunque soprattutto un miorilassante.

  • Miorilassante
  • Calmante
  • Lenitiva
  • Aiuta a combattere i gas intestinali
  • Decongestionante
  • Ricca di flavonoidi
  • Antinfiammatoria
  • Antimicotica

La camomilla contro il mal di pancia

La camomilla è un efficace miorilassante, utile in caso di crampi intestinali e dolori mestruali. Le tisane a base di camomilla aiutano, inoltre, a eliminare i gas intestinali e favoriscono la digestione. In generale, dunque, questa pianta aiuta a combattere il mal di pancia e a preservare la funzionalità del sistema gastrointestinale.

La camomilla amica dei bambini

L’infuso di camomilla può essere utilizzato nei neonati e nei bambini per alleviare i doloretti a livello dell’addome e per favorire il rilassamento. È, però, importante rispettare le dosi indicate dal pediatra in quanto, oltre un certo dosaggio, possono comparire effetti indesiderati.

Gli impacchi di camomilla sono, invece, utili per lenire disturbi quali rossori nella zona del pannolino e congiuntiviti.
La camomilla può essere utilizzata anche per il bagnetto, specie d’estate, quando la delicata pelle del neonato tollera ancora meno del normale i comuni saponi e detergenti.

Altri benefici della camomilla

La camomilla ha proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e antimicotiche. Anticamente veniva applicata sulle ferite per favorirne la cicatrizzazione e prevenire le infezioni. È ricca di flavonoidi, sostanze notoriamente antiossidanti.
L’olio essenziale di camomilla viene utilizzato come rimedio contro l’insonnia e gli stati ansiosi; diluito in un olio vegetale, per esempio olio di mandorle dolci o olio di semi di lino, aiuta a lenire gli arrossamenti cutanei.

Come si usa la camomilla

La camomilla è indicata sia per uso interno (infuso), sia per uso esterno (impacchi).
Per preparare un infuso di camomilla versare un cucchiaino raso di fiori di camomilla essiccati in una tazza d’acqua bollente. Coprire e lasciare in infusione per circa cinque minuti, filtrare e bere.

Per uso esterno, dopo aver imbevuto una garza sterile nell’infuso o nel decotto di camomilla, che deve essere tiepido, fare impacchi sulla zona interessata, per esempio sugli occhi, in caso di congiuntivite o rossori.

Il decotto di camomilla può essere utilizzato, dopo lo shampoo, per ottenere riflessi più chiari sui capelli.
Infine, l’infuso di camomilla può essere utilizzato per fare gargarismi, in caso di infiammazioni del cavo orale.
Un rimedio naturale contro i sintomi del raffreddore consiste nel fare fumenti, sfruttando i vapori benefici della camomilla: versare nell’acqua bollente un cucchiaio di fiori secchi di camomilla. Questi vapori aiutano anche a purificare la pelle del viso.

Informazioni botaniche

Con il temine camomilla ci si riferisce a varie piante della famiglia delle Compositae; le più note sono la camomilla comune o Matricaria chamomilla e la camomilla romana o Chamaemelum nobile. La camomilla cresce spontaneamente in aperta campagna e nei prati; i suoi fiori sono simili a quelli delle margherite e presentano un odore molto caratteristico.

Controindicazioni ed effetti collaterali della camomilla

La camomilla non presenta particolari controindicazioni né effetti collaterali. È una delle erbe meglio tollerate. In rari casi, però, possono comparire reazioni allergiche, soprattutto quando si utilizza il decotto; per uso interno è dunque preferibile l’infuso.

Non è consigliabile raccogliere i fiori di camomilla nei campi, a meno che non si abbia la certezza che non siano stati utilizzati diserbanti.
La camomilla viene in genere consigliata anche alle donne in gravidanza. È, però, consigliato non esagerare, in quanto, a dosi elevate, potrebbe causare effetti indesiderati.

Dove trovare la camomilla e l’olio essenziale

Fiori di camomilla bio

Camomilla Fiori Biologica

Delicata camomilla in fiori interi. Ideale per preparare infusi, impacchi e decotto ad uso esterno.

Olio essenziale di camomilla

Camomilla Romana – Olio Essenziale Floripotenziato

Quest’olio essenziale è floripotenziato, cioè arricchito con il rimedio floreale della stessa pianta e diluiti entrambi in alcol puro per garantire l’emulsione tra i due preparati.

Hai letto: Camomilla: proprietà, usi e controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Margherita Russo
Traduttrice, redattrice e blogger specializzata in contenuti per la medicina. Ha un blog, Apprendista mamma, in cui tratta vari temi legati alla maternità, con particolare attenzione a benessere di mamma e bambino. Scrive per portali e blog che si occupano di salute naturale e stile di vita sano. www.testimedici.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here