Home Salute Cure naturali Calendula: la pianta che cura la pelle

Calendula: la pianta che cura la pelle

Ultima modifica: 19 gennaio 2016

8689
0
CONDIVIDI
Calendula: le proprietà, i benefici e le controindicazioni

La Calendula è una delle piante officinali più apprezzate per il benessere della pelle ma è impiegata anche nei disturbi mestruali e non solo.

Le proprietà della Calendula sono date dalla presenza, nei fiori, di oli essenziali, flavonoidi, triterpenoidi, steroli, carotenoidi e tannini pirogallici.

  • Regolarizza il ciclo mestruale
  • Dolori mestruali
  • Cura l’Acne
  • Dermatiti
  • Cicatrizzante
  • Emolliente
  • Allevia i crampi intestinali
  • Cura la gengivite
  • Pelle arrossata
  • Punture di insetto
  • Piaghe
  • Edemi

La principale virtù di questa pianta, della quale si utilizzano prevalentemente le sommità fiorite, è quella di curare varie problematiche della pelle, grazie alla forte azione cicatrizzante e antinfiammatoria che la caratterizza.

Oleoliti o creme a base di calendula svolgono un’azione calmante e decongestionante sulla pelle e risultano efficaci in caso di acne, irritazioni, punture d’insetto, piaghe, edemi, scottature e arrossamenti della pelle (ideale anche sulla pelle del neonato).

Uno studio svolto nel 2004 ha inoltre messo in luce la proprietà della calendula di curare le dermatiti acute provocate da radioterapia. È stato inoltre notato che alcuni composti della calendula hanno proprietà antibatteriche e antisettiche, grazie alle quali riescono ad inibire la crescita dello stafilococco aureo, batterio responsabile di diverse infiammazioni della pelle tra cui acne e foruncoli.

Ma i benefici della calendula non finiscono qui: questa pianta, utilizzata per via interna, è utile nei trattamenti delle disfunzioni dell’apparato genitale femminile, aumentando le mestruazioni scarse e riducendo quelle abbondanti. Allevia anche i dolori mestruali e addominali grazie alla sua azione spasmodica.

Gli infusi di calendula, grazie alle sue proprietà, sono indicati in caso di colite, gastrite e ulcere. Utile anche per combattere infiammazioni gengivali o ulcere della bocca.

Curarsi con la Calendula

Calendula in caso di irregolarità del ciclo mestruale

35 gocce di tintura madre o infuso di calendula 3 volte al giorno per 2 mesi.

Calendula in caso di scottature

Applicare una pomata alla calendula sulla zona interessata.
in alternativa bagnare una garza sterile in mezzo bicchiere d’acqua con l’aggiunta di 50 gocce di tintura madre.

Calendula in caso di Eczemi o dermatosi

Lavare la zona interessata con acqua e 30 gocce di tintura madre 2 volte al giorno fino al miglioramento del problema.
Non superare i 14 giorni.
In alternativa spalmare una crema alla calendula sulla parte interessata.

Calendula in caso di gengivite

Fare risciacqui con mezzo bicchiere d’acqua e l’aggiunta di 40 gocce di tintura madre.

In caso di crampi allo stomaco

Bere alcuni bicchierini di decotto preparato secondo il ricettario.

RICETTARIO ERBORISTICO: Preparare la Calendula

Infuso

Porre 5 grammi di pianta in acqua bollente e lasciarla in infusione per 10 minuti. Filtrare e bere all’occorrenza.

Decotto

Porre 5 grammi di foglie o fiori freschi in 1/2 litro di acqua o latte e lasciare bollire per 5 minuti. Bere a bicchierini come rimedio nei casi di crampi allo stomaco.

Tintura madre

Mettere 20 grammi di fiori freschi in 50 cl di alcool a 60° e lasciare macerare per circa 7 giorni. Filtrare e utilizzare all’occorrenza.

Informazioni botaniche

La calendula è una pianta erbacea che si presenta con un grande fiore di colore arancione che gli ha conferito il nome popolare di “fiorrancio”.
Gli steli della Calendula possono raggiungere anche i 70 cm di altezza.
Della calendula si utilizzano i fiori per le sue numerose e comprovate proprietà benefiche.
La calendula di trova in commercio sotto forma di creme, tinture o fiori essiccati.

Controindicazioni della calendula

È sconsigliato l’uso di calendula in caso di gravidanza o allattamento, in caso di ipersensibilità a uno o più componenti presenti nella pianta.

ti raccomandiamo di consultare un naturopata o un erborista per capire se questa pianta è indicata nella cura dei tuoi disturbi.
Hai letto: Calendula: la pianta che cura la pelle

LASCIA UN COMMENTO

*