Home Salute Corpo umano Pancreatite acuta e cronica: sintomi caratteristici, cause e rimedi utili

Pancreatite acuta e cronica: sintomi caratteristici, cause e rimedi utili

Ultima modifica: 6 novembre 2017

5203
0
CONDIVIDI
Pancreatite acuta e cronica: sintomi, cause e rimedi

Acuta o cronica, la pancreatite di solito si manifesta con sintomi quali nausea, vomito e forti dolori addominali e può avere conseguenze molto gravi se non curata. Scopriamo i sintomi, le cause e alcuni rimedi naturali e alimentari per alleviare i sintomi della pancreatite.

La pancreatite è un’infiammazione del pancreas, una ghiandola dalla forma allungata che si trova nella parte superiore dell’addome, precisamente dietro lo stomaco e sotto il fegato. Il pancreas svolge funzioni molto importanti per l’apparato digerente, esso infatti produce gli enzimi digestivi responsabili della digestione dei grassi e dei carboidrati.

Questa ghiandola è altrettanto importante per il sistema endocrino, in quanto secerne due ormoni, insulina e glucagone, i quali regolano i livelli di glucosio presenti nel sangue. L’infiammazione del pancreas, nota come pancreatite, può presentarsi in forma acuta o cronica, e può essere facile da curare oppure più grave, ed addirittura essere fatale.

L’infiammazione sostanzialmente è dovuta all’anomala produzione di enzimi pancreatici, soprattutto elastasi, fosfolipasi e tripsina, i quali vanno a distruggere i tessuti e i vasi sanguigni del pancreas, provocando uno stato infiammatorio e necrosi tissutale.

Nei casi più gravi si arriva a infezioni ed emorragie. Gli enzimi rilasciati, infatti, possono raggiungere attraverso il sangue altri organi come cuore e polmoni, provocando complicanze molto gravi per la salute.

La fascia d’età più colpita dalla pancreatite va dai 40 ai 50 anni e gli uomini sono più colpiti delle donne. La malattia è abbastanza rara, con un’incidenza di circa 6 casi ogni 100000 abitanti.

In Italia, ogni anno ci sono circa 200000 nuovi casi di pancreatite acuta, mentre i numeri scendono per i casi di pancreatite cronica, stimando circa 15000 nuovi casi l’anno. Vediamo quali sono i sintomi della pancreatite, sia in forma acuta che cronica.

Pancreatite: sintomi della forma acuta e cronica

I tipici sintomi della pancreatite sono dolore e gonfiore alla pancia, nausea, vomito e anche febbre. La sintomatologia ha un decorso diverso tra la forma acuta e quella cronica.

✓ Sintomi della pancreatite acuta

Nella pancreatite acuta, il dolore compare gradualmente o improvvisamente nella parte superiore dell’addome, irradiandosi a volte anche alla schiena. Il dolore è intenso e costante e tende a peggiorare dopo i pasti, il soggetto è molto sofferente e nessun cambio di posizione e nessuna manovra riduce il dolore in maniera apprezzabile, mentre può essere peggiorato da colpi di tosse, respiri profondi e movimenti vigorosi. In questo caso è fondamentale intervenire tempestivamente per evitare complicazioni gravi come insufficienza renale, problemi nella respirazione e pseudocisti che possono provocare infezioni.

✓ Sintomi della pancreatite cronica

La forma cronica di pancreatite è caratterizzata da un processo distruttivo del pancreas meno violento ma che si protrae a lungo nel tempo e tende alla calcificazione, quindi anche i sintomi hanno un’insorgenza meno violenta. In molti casi, la pancreatite cronica si verifica per una forma acuta non curata, ad esempio non rispettando le regole alimentari per riequilibrare le funzioni pancreatiche. Il principale sintomo della pancreatite cronica è sicuramente il dolore addominale che può essere continuo o meno, ma sono presenti anche problemi digestivi e di assorbimento e perdita di peso. Le complicazioni della pancreatite cronica sono diabete e tumore pancreatico.

Cause della pancreatite

Una della cause più frequenti di pancreatite acuta è la formazione di calcoli biliari i quali provocano l’infiammazione della ghiandola. Anche l’alcolismo può portare a pancreatite acuta, così come alcuni farmaci (cortisone, antinfiammatori), infezioni da parte di virus e batteri, anomalie strutturali del pancreas, trigliceridi alti per lungo periodo o interventi chirurgici.

Il consumo cronico e in grandi quantità di alcol è invece la prima causa di pancreatite cronica. Essa può derivare anche da elevati livelli di trigliceridi nel sangue, problemi genetici come la fibrosi cistica, farmaci, malattie autoimmuni.

Diagnosi della pancreatite

Per diagnosticare la pancreatite solitamente vengono analizzati i sintomi del paziente e prescritte delle analisi del sangue, soprattutto glicemia e dosaggio degli enzimi pancreatici. Di routine viene fatta anche un’ecografia e una TAC addominale.

Pancreatite: rimedi naturali

Per la cura della pancreatite si utilizza una terapia farmacologica ed eventualmente chirurgica. Esistono dei rimedi naturali utili in caso di pancreatite che potrebbero essere usati sempre previo consulto del medico di fiducia e solo nei casi più lievi.

1 Cardo Mariano

Grazie alla presenza di silimarina, il cardo mariano è dotato di azione antinfiammatoria e protettiva nei confronti del fegato e risulta utile in caso di pancreas infiammato. Può essere usato sotto forma di compresse o tisana, sempre su indicazione medica.

2 Zenzero

La radice di zenzero è utile per il suo effetto antinfiammatorio, ma soprattutto per alleviare alcuni sintomi della pancreatite quali nausea e vomito. Può essere usata per preparare una tisana, facendo bollire 1 cm di radice in una tazza d’acqua per 5 minuti.

3 Piante ipoglicemizzanti

In presenza di pancreatite vi è una ridotta funzione pancreatica, che porta ad una diminuzione della produzione dell’insulina, l’ormone responsabile del controllo del livello di glucosio nel sangue. Nel caso in cui sia presente iperglicemia lieve, il medico può consigliare l’assunzione di piante che riducono i livelli di zucchero nel sangue come la garcinia e la gymnema.

Consigli di alimentazione in caso di pancreatite

Nelle forme più gravi di pancreatite è necessario il digiuno, per far riposare la ghiandola infiammata, ricorrendo a livello ospedaliero a nutrizione per via endovenosa o parenterale, tramite sondino naso-gastrico.

Nei casi di pancreatiti molto lievi, o comunque dopo la fase acuta e quando i livelli di enzimi pancreatici si sono stabilizzati, si può adottare una dieta solida seguendo delle rigide regole alimentari che comprendono l’eliminazione totale dell’alcol e di sostanze eccitanti come il caffè e una dieta a basso indice glicemico e a scarso contenuto di grassi.

È necessario bere molto e frazionare gli alimenti in piccoli pasti, senza sovraccaricare la digestione. Vediamo quali sono gli alimenti da preferire e quelli vietati.

Cibi consigliati Alimenti da preferire: Cibi sconsigliati Alimenti sconsigliati:
Farine non raffinate Bevande alcoliche, inclusi vino e birra
Riso e pasta in bianco Dolci
Pollo e tacchino alla piastra Bevande eccitanti come caffè e te
Pesci magri (merluzzo) in bianco Salumi e insaccati
Verdure come zucchine e carote Formaggi e latticini
Frutta non zuccherina Sughi, salse e condimenti grassi
Carne rossa

 

Hai letto: Pancreatite acuta e cronica: sintomi caratteristici, cause e rimedi utili
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Barbara Ziparo
Barbara Ziparo è biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi. Appassionata da sempre delle proprietà curative degli alimenti, oggi effettua tirocinio volontario presso il reparto di Nutrizione Clinica di Catanzaro ed esercita la libera professione a Catanzaro e provincia e a Roma, effettuando valutazione dello stato nutrizionale e dei fabbisogni nutritivi ed energetici, percorsi di rieducazione alimentare, elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in particolari condizioni fisiologiche e patologiche. - barbaraziparonutrizionista.blogspot.it/. Per contatti telefonici: 3421474619

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here