Home Salute Benessere psicofisico Stress da lavoro, riconoscerlo e combatterlo

Stress da lavoro, riconoscerlo e combatterlo

Ultima modifica: 14 luglio 2017

3403
0
CONDIVIDI
Stress da lavoro correlato

Lo stress da lavoro, secondo le statistiche, colpisce 1 persona su 4. Le cause possono essere diverse ma i risultati sono gli stessi: difficoltà a concentrarsi, malesseri psico-fisici e infelicità.

In media una persona passa 8 ore al giorno a lavorare. Se queste vengono vissute con ansia e stress, inevitabilmente la qualità della vita ne risentirà. Se le statistiche dicono il vero, le persone che soffrono di stress da lavoro sono più numerose di quante sembri a colpo d’occhio.

Questo problema interessa tanto chi lo vive in prima persona quanto l’azienda, che vedrà un calo di produttività in determinate aree. C’è da considerare però che le cause sono rintraccabili proprio all’interno del posto di lavoro, che risulta essere inadeguato e poco stimolante.

Ritmi frenetici, continue pressioni per il rispetto di scadenze non appropriate, “aria pesante” a causa di litigate e continue incomprensioni con il capo e i colleghi. Sono solo alcune delle situazioni che puntualmente si presentano all’interno degli ambienti lavorativi generando stress.

Come si riconosce lo stress da lavoro?

Alcune persone cercano di sminuire le sensazioni spiacevoli, lo stress o le vere e proprie “crisi” al pensiero di tornare nel posto di lavoro, rifiutandosi di prendere in considerazione l’ipotesi che c’è qualcosa di sbagliato e che dovrebbe essere cambiato.

La vita quotidiana di un lavoratore può essere molto più stressata di quello che non sembri dall’esterno proprio per questa tendenza a sminuire i problemi. Anche se questi puntualmente tornano fuori e vengono percepiti nel momento in cui la pressione diventa di nuovo così forte da non poter più trattenere le emozioni.

I segnali dello stress da lavoro in realtà sono piuttosto chiari per gli esperti, ma con un minimo di attenzione potrebbero essere riconosciuti altrettanto facilmente anche dal diretto interessato e coloro che ha vicino nella sfera professionale e personale.

  • Difficoltà a relazionarsi con colleghi e capi;
  • Assenteismo;
  • Prestazioni di scarsa qualità, conflitti e problemi disciplinari;
  • Difficoltà a prendere anche le decisioni più piccole. Difficoltà a concentrarsi e cattivo umore;
  • Attacchi d’ansia o di panico, depressione e stanchezza cronica;
  • Incapacità di lasciarsi alle spalle i problemi lavorativi una volta di ritorno a casa;
  • Dolori fisici che interessano in particolar modo l’apparato gastrico. In alcuni casi potrebbero manifestarsi una difficoltà a respirare e problemi dell’epidermide.

Come combattere lo stress da lavoro

Le aziende si sono rese conto del problema. Lo stress da lavoro fa calare la produttività. E’ necessario creare un ambiente stimolante e tranquillo, o almeno così dovrebbe essere in teoria. Purtroppo però, per il desiderio di veder presto i migliori risultati, capi e titolari continuano a pretendere troppo dai dipendenti, imponendo ritmi e regole non idonei.

E’ comunque sia possibile combattere lo stress da lavoro, almeno nel proprio piccolo. La prima cosa da fare ovviamente, è prendere coscienza del problema. Solo così sarà possibile agire. La seconda cosa da fare è accettare il fatto che l’ansia e lo stress non derivano dall’incapacità di fare il proprio lavoro, ma da un ambiente che non permette di sviluppare al 100% le proprie potenzialità.

Purtroppo sono tante le persone che, visti i problemi, le pressioni e le continue divergenze, ritengono di non essere all’altezza del ruolo che ricoprono. La realtà è ben diversa e lo abbiamo appena visto. L’impossibilità di svolgere bene il lavoro nasce dall’esterno, dalle pressioni inutili e da un ambiente poco stimolante.

Tuttavia però, alcune persone non riescono a lasciarsi a casa i problemi familiari e così, una volta a lavoro, riversano lì le proprie frustazioni, litigando o entrando in competizione con i propri colleghi.
E’ bene quindi capire dove nasce davvero il mal contento e agisce in quella determinata sfera della vita. Se proprio è sul luogo di lavoro che nasce lo stress, allora è necessario capire cosa lo provoca e cercare di parlarne, così da superare l’ostacolo.

Grazie ad un naturopata psico-somatico, è possibile trovare quell’equilibrio necessario per riuscire a sconfiggere lo stress da lavoro, avere un dialogo migliore e più sincero con gli altri, essere meno aggressivi o ritrovare la passione per il proprio mestiere, lasciando cadere in secondo piano quelle problematiche che causano lo stress.

Ogni persona deve trovare il proprio personale modo per superare il problema, confrontadosi con se stesso e con gli altri, cercando di capire qual è la strada giusta per trovare l’equilibrio sul posto di lavoro.

Hai letto: Stress da lavoro, riconoscerlo e combatterlo
Claudia Lemmi
Web Writer, si occupa di creare testi per siti e blog, con una predisposizione verso ciò che riguarda il benessere. Alle spalle ha studi nel mondo dell'arte e dell'estetica. Negli anni si è poi specializzata nelle terapie reiki e di cristalloterapia, mantenendo sempre una viva curiosità verso le medicine alternative e quelle Tradizionali Cinesi. www.pennacreativa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here