Home Salute Benessere psicofisico Energia vitale: cosa fare e cosa non fare per essere sempre al...

Energia vitale: cosa fare e cosa non fare per essere sempre al top

Ultima modifica: 20 settembre 2015

3133
0
CONDIVIDI
energia vitale per essere sempre al top

Ti senti stanco e affaticato, come se avessi le pile scariche, già dalla mattina? Sei sempre sommerso da impegni che non riesci a rispettare? Ti sembra di non riuscire mai ad arrivare a capo di nulla? Tendi a dimenticare appuntamenti e scadenze? Ecco cosa fare!

A rendere più complicata la tua vita ci potrebbero essere una serie di abitudini errate che ti tolgono energia, giorno dopo giorno… Vediamo cosa non fare e, soprattutto cosa fare!

L’energia vitale: il Jing in medicina tradizionale cinese

Secondo la medicina tradizionale cinese, tutti noi nasciamo con un Jing innato che corrisponde all’energia vitale essenziale, al patrimonio genetico ereditato, la cui qualità e quantità varierà, ad esempio, in base allo stato di salute e all’età dei nostri genitori al momento del concepimento.

Questo patrimonio energetico viene custodito nel Rene e non è modificabile nel corso della vita. Tuttavia, esiste anche un Jing acquisito che noi possiamo mantenere, accrescere e potenziare attraverso la giusta alimentazione e respirazione, e con un corretto stile di vita.
 

L’energia vitale nella concezione olistica: Mente, corpo e spirito come unica entità

Viviamo tutti in una società che ci impone, volenti o nolenti, un ritmo di vita accelerato e, per restare al passo, ci troviamo a correre, a volte senza neanche sapere dove stiamo andando. Ma il nostro cervello non è fatto per correre!

Il continuo bombardamento mediatico di informazioni, il falso mito del multitasking, che obbliga a svolgere più compiti contemporaneamente, così come l’elogio della produttività e dell’efficienza ad ogni costo, trasformano noi in macchine al servizio della società, e il nostro cervello in un computer sovraccarico di dati che, proprio in virtù di ciò, va a rilento!

E poiché ogni parte del nostro essere – mente, corpo e spirito – è, in senso olistico, strettamente collegata, se il nostro cervello è scarico e stanco, anche il corpo si sentirà affaticato e debole. Allo stesso tempo, però, se non ci prendiamo cura del nostro corpo, seguendo un’alimentazione sana e bilanciata, praticando costante attività fisica e garantendoci un buon sonno ristoratore, anche la nostra mente ben presto finirà per risentirne!

E cosa dire della nostra anima? Se siamo spenti, insoddisfatti e infelici, ogni attività ci risulterà pesante, il nostro organismo si sentirà già stanco e debole di prima mattina e il cervello tenderà a rimuginare in continuazione!

Le abitudini che uccidono la nostra energia!

Molte volte, presi dalla routine, non ci facciamo neanche più caso, ma vi sono alcuni piccoli gesti quotidiani che contribuiscono a toglierci energia giorno dopo giorno, facendoci sentire scarichi, demotivati ed emotivamente provati. Vediamo insieme quali sono – e come modificare – queste cattive abitudini!

  1. Devo essere perfetto!
    Il perfezionismo ad ogni costo è un atteggiamento che ci porta a sprecare inutilmente un grandissimo quantitativo di energie, con il risultato di stressarci e di renderci eterni insoddisfatti. La persona eccessivamente perfezionista tende ad essere molto rigida con se stessa e, di conseguenza, anche con gli altri, finendo spesso, concentrata com’è sui risultati futuri e sugli errori del passato, per non assaporare nulla di quello che è il viaggio della vita.

    Se ti riconosci in questo profilo, impara ad essere più indulgente nei confronti di te stesso e di chi ti circonda! Questo non significa non impegnarsi nei propri compiti, ma piuttosto imparare a vivere con più leggerezza e buon umore!

  2. La mente-killer: I pensieri negativi
    Il lavoro della mente è quello di creare pensieri, lo sappiamo… Eppure, purtroppo, la maggior parte di essi, che siano rivolti a noi stessi, agli altri o al mondo in generale, sono negativi e spesso addirittura quasi inconsapevoli, tanto che molte persone vivono in un costante stato di pre-occupazione per il futuro e/o rimpianto per il passato! Se anche tu sei tra questi, per imparare a vivere il presente e a “gustarti il viaggio”, potresti esercitarti a creare uno spazio dentro di te dove trasformare i pensieri negativi, quando sopraggiungono, in immagini serene e armoniose, sapendo che potrai ricorrere a questo spazio tuo, e soltanto tuo, ogni volta che lo desidererai!
  3. Il “non saper dire di no”
    Se da un lato la gentilezza è una meravigliosa qualità da coltivare e manifestare il più possibile nella propria vita, diverso è invece l’atteggiamento servizievole di chi, nel tentativo, spesso vano, di farsi accettare dagli altri, si mostra eccessivamente accondiscendente ed incapace di farsi rispettare.

    Il fatto stesso di compiere delle attività controvoglia, solo per soddisfare le esigenze altrui, riduce la nostra energia vitale, facendoci sentire molte volte usati, manipolati, arrabbiati e, di conseguenza, infelici. Impara a dire di no e ti accorgerai che, quando accetterai di fare un favore a qualcuno, avrai finalmente il cuore colmo di gioia!

  4. No all’utilizzo del pc a letto!
    L’abitudine di lavorare al computer la sera, a letto, è altamente dannosa, in quanto si rischia di alterare il ritmo circadiano, riducendo i livelli di melatonina e provocando stanchezza e disturbi del sonno.
  5. Fare le ore piccole il week-end
    E’ perfettamente naturale che, se il week-end non si lavora, venga voglia di divertirsi! Eppure l’abitudine di fare le ore piccole il sabato sera svegliandosi molto tardi la domenica mattina, ci porta ad alterare il ritmo sonno-veglia e a cominciare la settimana già con “le pile scariche”! Trova un equilibrio tra il rinunciare allo svago e il fare l’alba tutti i week-end!
  6. Eccedere con gli zuccheri
    Un eccessivo consumo di zuccheri, soprattutto se semplici (raffinati), porta inevitabilmente a picchi glicemici, seguiti da repentini cali di zuccheri, con conseguente senso di stanchezza e astenia.

    Meglio quindi optare per un’alimentazione sana e variata, ricca di vitamine, proteine vegetali e sali minerali, senza eccedere nel consumo di zuccheri e optando per i carboidrati complessi, che vengono assorbiti lentamente e sono in grado di mantenere il livello della glicemia costante.

E ora… Potenziamo la nostra energia vitale!

Ora che abbiamo visto le abitudini-killer che distruggono la nostra energia vitale, vediamo invece alcune regole che sarebbe utile seguire per fare della vitalità uno stile di vita e affrontare le giornate con rinnovato vigore ed entusiasmo!

  1. Più ordine, più energia!
    Ci sono persone che sembrano “orientarsi benissimo” nel proprio disordine… Tuttavia, una casa, un ufficio e una scrivania ordinati permettono di alleggerire il cervello e fare ordine anche dentro di sé.

    Fermarsi per mettere ordine non significa perdere tempo, al contrario! Se impariamo a sistemare i nostri spazi, eliminando tutto ciò che non ci serve e non ci piace più, saremo in grado di fare spazio al nuovo, e ci sentiremo più carichi e ricchi di nuova energia!

  2. Vacanza, vacanza e solo vacanza!
    Quante persone, soprattutto liberi professionisti, vanno in vacanza, magari in posti bellissimi, e da lì continuano a lavorare? Sbagliatissimo! In vacanza scegli di non pensare a nulla se non a rilassarti! Un mese prima della partenza prepara una lista di tutte le faccende da sbrigare, sul lavoro e in casa, e datti un termine per completarle. Quindi, dall’inizio della vacanza, decidi consapevolmente di lasciare il lavoro fuori dalla tua vita e, se possibile, stacca connessioni internet, social network e limita l’uso del cellulare al minimo indispensabile! Solo in questo modo potrai veramente riconquistare il tuo pieno benessere psicofisico e ritornare in città completamente rigenerato!
  3. Svolgere regolare attività fisica
    A volte, se ci sentiamo particolarmente stanchi e affaticati, preferiamo “saltare” l’attività fisica pensando che sia meglio riposarci… E magari finiamo per trascorrere la serata sul divano a guardare la TV! Niente di più sbagliato! Superando infatti la pigrizia iniziale, ci accorgeremo che l’esercizio fisico ha un forte potere “energizzante”, ricarica la mente, aumenta la resistenza, mantiene in efficienza il sistema cardiovascolare, e, non dimentichiamocelo… aumenta la produzione di endorfine!
  4. Bere a sufficienza!
    Può capitare che i numerosi impegni quotidiani ci facciano… dimenticare di bere! In realtà l’idratazione nel nostro organismo andrebbe mantenuta ad un livello costante, il che non significa limitarsi a bere un bicchiere di acqua ai pasti, magari per rispondere alla sete provocata da alimenti salati e conditi!

    Al contrario bisognerebbe bere spesso, nel corso della giornata, senza aspettare di avere sete, e prediligere un’alimentazione a base di frutta e verdura, ricca quindi di acqua, riducendo al minimo i cibi salati. Se la quantità di acqua introdotta nel corpo non è sufficiente, l’ossigeno e le sostanze nutritive avranno più difficoltà a raggiungere i vari organi e noi finiremo per sentirci più stanchi e spossati.

  5. Sì ad una buona colazione al mattino!
    Molte persone, prese dalla fretta di cominciare la routine giornaliera, hanno la cattiva abitudine di saltare la colazione. Tuttavia, una buona e sana colazione è necessaria all’organismo per iniziare e affrontare la giornata con energia e buonumore, dando una giusta carica al nostro metabolismo!

E infine…

Esistono delle fasi della vita e dei periodi dell’anno in cui, soprattutto se ci si è sottoposti a stress intenso e a un eccesso di impegni, si avverte il bisogno di essere sostenuti da una figura professionale esterna che sappia prendere per mano e accompagnare in un percorso di benessere e crescita personale.

Se, pur seguendo i suggerimenti indicati, continui a sentirti stanco, demotivato e privo di forza vitale, un percorso naturopatico con riequilibrio energetico ed emozionale potrebbe aiutarti a ritrovare energia e buon umore, potenziando le capacità di autoguarigione del tuo organismo e permettendoti di affrontare la vita con rinnovato entusiasmo!

Hai letto: Energia vitale: cosa fare e cosa non fare per essere sempre al top
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Antonella Martellini
Naturopata ad indirizzo psicosomatico accreditata presso l’Université Européenne Jean Monnet di Bruxelles, Master Reiki Metodo Usui Tradizionale Giapponese, Insegnante certificata ThetaHealing® iscritta a The ThetaHealing Institute of Knowledge® (THInK). Svolge la sua attività a Milano integrando l’iridologia e le discipline naturopatiche (Floriterapia (Fiori di Bach) – Fitoterapia – Aromaterapia) con tecniche e discipline energetiche ed emozionali (Reiki Tradizionale – ThetaHealing® – FastReset® - Massaggio Energetico-Spirituale – Quanti-Ka – Campane Armoniche). Nel 2011 mette a punto VisualTouch, poi rielaborato e approfondito in VisuaLife, una tecnica che insegna come impiegare la Legge di Attrazione per potenziare i propri Talenti ritrovando Fiducia, Perdono e Gratitudine, ristabilendo armonia tra mente razionale e inconscio e facilitando la creazione della realtà che si desidera. Conduce Seminari Reiki Metodo Usui Tradizionale Giapponese, Corsi di ThetaHealing®, Corsi di Massaggio Energetico-Spirituale, Workshop VisuaLife e Corsi di Meditazione incentrati su Chakra, Respiro e Visualizzazione Creativa. Riceve a Milano. www.darshanatura.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here