Home Salute Benessere psicofisico Legge di attrazione: è vero che il buonumore influisce sulle nostre azioni?

Legge di attrazione: è vero che il buonumore influisce sulle nostre azioni?

Ultima modifica: 20 settembre 2015

3167
1
CONDIVIDI

La realtà attorno a te non è altro che un riflesso del tuo mondo interiore, vediamo insieme come funziona La Legge di Attrazione

Per poter comprendere a fondo il meccanismo della Legge di Attrazione è necessario partire da un presupposto completamente diverso rispetto a ciò che, nella maggior parte dei casi, ci è stato trasmesso a partire dalla nascita. Secondo la fisica quantistica, la manifestazione della realtà, piacevole o spiacevole che sia, parte da noi: dai nostri pensieri e dalle nostre emozioni, ovvero dalla nostra concezione della realtà.

Il punto di partenza

Fin da piccoli a molti di noi è stato instillato il concetto di “fortuna”: al mondo ci sono persone molto fortunate, a cui tutto va liscio, altre un po’ meno fortunate ma che, tutto sommato, se la cavano, e altre infine decisamente sfortunate. Al limite, se proprio ci è andata bene, ci è stato insegnato a “stare a galla”, magari anche a scapito degli altri, perché la vita è una lotta!
Eppure la vita può essere molto più di questo!

Tutto parte dal pensiero

L’energia segue il pensiero: cosa significa?
Ogni giorno noi formuliamo circa 60mila pensieri di cui molti, purtroppo, sono negativi.

Ma il problema non è tanto il pensiero in sé quanto l’emozione che inevitabilmente è associata a quel pensiero! Se ci limitassimo semplicemente a pensare senza provare nulla, come nella ripetizione di qualcosa a memoria, di sicuro le conseguenze sulla realtà sarebbero praticamente irrilevanti. Al contrario, ad ogni nostro pensiero è associata un’emozione che provoca un dato effetto, peggio ancora se abbiamo la tendenza a rimuginare sempre sulle stesse situazioni.

La legge della Natura: “Il Simile attira il Simile”

In che modo l’Universo si sintonizza e risponde alle vibrazioni dei nostri pensieri?
Semplicemente portando nelle nostre vite ciò a cui pensiamo maggiormente. Infatti, l’Universo non distingue tra “ buono e cattivo”, tra “bene e male”, se pensiamo insistentemente a qualcosa, con un dato stato emotivo, lo attiriamo, che lo si voglia oppure no. L’energia universale non agisce in base a ciò che già si è manifestato nella nostra vita, ma capta, come se fosse dotata di antenne sensibilissime, quello che stiamo “emettendo” ora. La buona notizia, però, è che passa sempre un certo lasso di tempo tra il nostro pensiero e la sua manifestazione concreta: sta quindi a noi cambiare la direzione dei nostri pensieri!

Il potere dell’immaginazione

E’ stato dimostrato che per la mente (inconscio) non esiste differenza tra una realtà presente nel mondo fisico e una realtà soltanto immaginata: non vi è differenza, nella sua percezione, tra possedere 10milioni di euro e immaginare di possederli, a patto però che sia coinvolto l’aspetto emozionale!

Credere per vedere e non vedere per credere!

L’errore più comune che facciamo è quello di adeguare le nostre vibrazioni a ciò che osserviamo e che si è già manifestato nella realtà attorno a noi, peggio ancora se non possiamo modificarlo in alcun modo.
E’ per questo motivo che spesso la vita di molti di noi continua a svolgersi sempre nello stesso modo, senza alcun cambiamento o miglioramento: i pensieri che inviamo all’Universo ricalcano sempre gli stessi schemi di infelicità e frustrazione!
Se, ad esempio, il medico ci dice che ci siamo ammalati, cosa facciamo? Nella maggior parte dei casi ci concentriamo sulla malattia, ci lamentiamo, ci comportiamo da vittime… e così non facciamo altro che rafforzare la nostra condizione di malati. E se invece cominciassimo a formulare pensieri di guarigione? Se cominciassimo ad immaginare, visualizzandolo nei minimi dettagli, ciò che ci piacerebbe fare in questo momento, essendo sani e sentendoci sani? Provare non costa nulla, e i risultati possono essere davvero sorprendenti… Lo stesso vale per ogni situazione della nostra vita!

L’esercizio da fare a casa:

VisualTouch e l’immaginazione creativa

Il processo dell’immaginazione creativa in VisualTouch consiste nel riprodurre nell’inconscio una data scena nei minimi dettagli. Questa immagine, che può essere anche una sorta di “filmino” della durata di pochi minuti, sarà in grado di attivare una serie di emozioni intensamente positive che porteranno a loro volta ad una risposta favorevole da parte dell’Universo, il quale, come abbiamo detto, non fa altro che rispondere alle vibrazioni dei nostri pensieri e delle nostre emozioni.

Il processo dell’immaginazione creativa di VisualTouch in 8 passi

L’immagine o il filmino del tuo desiderio realizzato deve essere espresso nei minimi dettagli:
1. Dove si svolge? Scegli un luogo che ti piace, che ti faccia stare bene, un luogo dei tuoi sogni. Se il luogo è all’aperto, immagina anche gli odori, fino a percepirli come fossero reali (è importante coinvolgere più sensi fisici).
2. C’è il sole? Piove? C’è vento? Immagina ogni singola sensazione: il calore del sole sulla pelle, la pioggia che ti bagna il viso, il vento che ti accarezza la pelle…
3. Hai caldo o freddo?
4. Come sei vestito? Immagina di indossare abiti dei colori che ami e con i quali ti senti particolarmente a tuo agio.
5. Ci sono suoni particolari? Se sei immerso nella natura, riesci a sentire il cinguettio degli uccellini o invece il rumore delle onde che si infrangono sulla riva?
6. Da chi sei circondato? Scegli persone che ami, che ti facciano sentire bene, con le quali ti senti a tuo agio.
7. Cosa ti dicono queste persone? O piuttosto vi godete insieme il silenzio?
8. Cosa stai facendo? Se stai svolgendo un’attività, visualizzane i dettagli! O invece in questo momento preferisci riposare?

Vivi questa realtà immaginata come fosse reale, senza cercare di migliorare situazioni già esistenti, ma piuttosto partendo da zero e creala esattamente come la desideri: tutto deve essere perfetto, sii gioioso e entusiasta della tua vita e delle tue relazioni!
Questo esercizio, se eseguito correttamente e praticato per quindici minuti, anche più volte al giorno, è in grado di innalzare le tue vibrazioni, facendo sì che la Legge di Attrazione si allinei con la realtà dei tuoi desideri anziché con quella delle tue preoccupazioni.

Hai letto: Legge di attrazione: è vero che il buonumore influisce sulle nostre azioni?
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Antonella Martellini
Naturopata ad indirizzo psicosomatico accreditata presso l’Université Européenne Jean Monnet di Bruxelles, Master Reiki Metodo Usui Tradizionale Giapponese, Insegnante certificata ThetaHealing® iscritta a The ThetaHealing Institute of Knowledge® (THInK). Svolge la sua attività a Milano integrando l’iridologia e le discipline naturopatiche (Floriterapia (Fiori di Bach) – Fitoterapia – Aromaterapia) con tecniche e discipline energetiche ed emozionali (Reiki Tradizionale – ThetaHealing® – FastReset® - Massaggio Energetico-Spirituale – Quanti-Ka – Campane Armoniche). Nel 2011 mette a punto VisualTouch, poi rielaborato e approfondito in VisuaLife, una tecnica che insegna come impiegare la Legge di Attrazione per potenziare i propri Talenti ritrovando Fiducia, Perdono e Gratitudine, ristabilendo armonia tra mente razionale e inconscio e facilitando la creazione della realtà che si desidera. Conduce Seminari Reiki Metodo Usui Tradizionale Giapponese, Corsi di ThetaHealing®, Corsi di Massaggio Energetico-Spirituale, Workshop VisuaLife e Corsi di Meditazione incentrati su Chakra, Respiro e Visualizzazione Creativa. Riceve a Milano. www.darshanatura.it

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here