Home Salute Benessere psicofisico Alimentazione vegetariana e sport: cosa e come mangiare?

Alimentazione vegetariana e sport: cosa e come mangiare?

Ultima modifica: 4 luglio 2016

6854
0
CONDIVIDI
alimentazione vegetariana per sportivi

Parliamo di alimentazione vegetariana e attività sportiva. Qual’è l’alimentazione corretta per chi fa sport non agonistico? Vediamolo in questo articolo.

L’ abbinamento “alimentazione corretta” e “attività sportiva regolare” consente di mantenere il buon funzionamento di organi e apparati, oltre che una composizione corporea ottimale.

Numerosi sono i benefici che l’esercizio fisico regolare, seppure moderato, ha sul metabolismo, ad esempio la riduzione dell’insulinemia, l’aumento della lipolisi e della massa magra, la riduzione del grasso viscerale e della massa grassa, con conseguente perdita dei fastidiosi chili e centimetri in eccesso, che tanto fanno penare.

Si parla spesso di dieta e alimentazione in ambito sportivo, ma non tutti hanno le idee chiare: purtroppo, infatti, vecchie nozioni e dicerie popolari che la scienza moderna non accetta come veritiere, sono ancora dure a morire, a maggior ragione se si ha a che fare con l’alimentazione vegetariana, un modello alimentare che prende sempre più piede, in Italia e non solo, a cui le persone aderiscono spinte dalle più svariate ragioni, ideologiche, religiose, o semplicemente perché la ritengono particolarmente efficace e salutare.

L’alimentazione vegetariana si basa sull’esclusione del consumo di carne e pesce, ammettendo in genere gli alimenti di origine animale indiretta, quali latte, latticini e uova (latto-ovo-vegetarismo). Essa contiene quindi tutti i gruppi alimentari ed è salutare per chi conduce una vita occidentale equilibrata.

Qual è l’alimentazione più adatta per uno sportivo vegetariano non professionista?
Che si parli di uno sportivo o di un sedentario, la ripartizione dei macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) segue sempre le stesse percentuali:

  1. Il 50-60% delle calorie totali deve provenire dal gruppo dei carboidrati
  2. Il 30% dal gruppo dei grassi
  3. Il restante 10-20%, dal gruppo delle proteine.

Ciò che sostanzialmente cambia nello sportivo non è tanto il tipo di cibo da mangiare, quanto la sua distribuzione.

Quando e come mangiare quando si svolte attività fisica?

Innanzitutto, è bene consumare la colazione, il pranzo o la cena almeno 2-3 ore prima dell’attività fisica, scegliendo una porzione di carboidrati sia prima, per avere depositi energetici, che dopo la stessa, per ricostituirli.

Durante lo sport, soprattutto quello di resistenza, i muscoli utilizzano come fonte energetica primaria il glicogeno muscolare, “smontandone” a mano a mano la catena di glucosio da cui è formato.

Sarà bene, dunque, consumare una certa dose di carboidrati a basso indice glicemico prima dell’allenamento (pasta di semola di grano duro cotta al dente, farine integrali, riso basmati): eviteremo così picchi di insulina che facilitano l’accumulo di grasso e inibiscono il processo di dimagrimento, sentendoci inoltre sazi più a lungo.

Dopo l’allenamento invece, è utile assumere carboidrati ad alto indice glicemico per favorire la risintesi del glicogeno.

I carboidrati vanno accompagnati con una porzione proteica sia prima che dopo l’allenamento. Nonostante la controversia circa i reali fabbisogni proteici, gli sportivi vegetariani possono raggiungere facilmente un apporto proteico adeguato a patto che la loro dieta sia quanto più varia possibile: via libera quindi a proteine vegetali quali legumi, cereali, noci, mandorle, semi, uova e formaggi, specie se combinate tra loro (un piatto unico costituito da legumi secchi e cereali contribuisce a dare un ventaglio di proteine completo).

I grassi, o lipidi, sviluppano più calorie di tutti gli altri nutrienti (9 kcal/g), pertanto è opportuno non mangiarne troppi. Prima dell’attività fisica, in particolare, è bene evitare del tutto cibi grassi come formaggi cremosi, fritti, dolci contenenti crema o panna.

Non dimentichiamo mai contorni di verdura fresca e/o cotta e la frutta, fonti dei micronutrienti fondamentali: la vitamina C (contenuta in peperoni, agrumi, kiwi) facilita l’assorbimento del Ferro non eme dei legumi, contribuendo ad evitare la sideropenia a cui spesso i vegetariani (ma non solo) possono andare incontro.

E per quanto riguarda la scelta delle bevande? Acqua, assolutamente solo acqua prima, durante e dopo l’allenamento. Non c’è integratore migliore di una corretta, sana e varia alimentazione.

Hai letto: Alimentazione vegetariana e sport: cosa e come mangiare?
Caterina Perfetto
Caterina Perfetto si laurea in Scienze Biologiche presso la Federico II di Napoli. Dopo aver lavorato presso un laboratorio di analisi cliniche, si perfeziona in Igiene Alimentare, Nutrizione e Benessere. Esegue valutazione dello stato nutrizionale, determinazione Massa Magra e Massa Grassa, elaborazione di profili nutrizionali personali e specifici, test per le intolleranze alimentari. Riceve a S. Antimo (NA)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here