Home Ricette Dolci Castagnaccio al forno: la tradizionale torta toscana di castagne

Castagnaccio al forno: la tradizionale torta toscana di castagne

Ultima modifica: 26 ottobre 2017

456
1
CONDIVIDI
Ricetta: Castagnaccio al forno, la tradizionale torta toscana di castagne

Può un dolce povero della tradizione contadina diventare il re della tavola? La riposta è sì. Seguite la nostra ricetta per preparare il castagnaccio toscano: vegan, sano e buonissimo!

Il castagnaccio è un dolce tipico toscano con una storia molto antica. Già nel 1500 veniva preparato comunemente dai contadini come piatto povero ed economico. Tre secoli più tardi il dolce rustico venne arricchito da altri ingredienti come pinoli e uvetta diventando celebre in tutta Italia. Al di là dell’aggiunta di uvetta e pinoli, la ricetta del castagnaccio si è tramandata ai giorni nostri pressoché invariata. Un vero tuffo nel passato!

Farina di castagne, acqua, uvetta sultanina, pinoli e rosmarino sono gli ingredienti principali del castagnaccio, preparazione squisitamente autunnale, stagione delle castagne che maturano alla fine di settembre rendendosi disponibili fino a fine anno.

Vegano sin dalle origini, il castagnaccio viene preparato senza uova, latte, burro e lievito; per questo motivo la torta non è soffice e ariosa, ma compatta, non lievitata e umida. Perfetto per chi segue un’alimentazione vegana ma anche per gli intolleranti al glutine, il castagnaccio è un dolce ideale da servire alla fine dei pasti ma anche per merende e colazioni sostanziose.

La farina di castagne è molto dolce e presenta un contenuto calorico abbastanza alto (193 kcal per 100 gr), non sarà dunque necessario aggiungere zuccheri in preparazione. Curiosi di capire quanto è facile preparare il castagnaccio in casa? Scopriamo insieme la ricetta!

Ricetta: Castagnaccio al forno

Il Castagnaccio è un tipico dolce autunnale della tradizione toscana, a base di castagne. È una ricetta vegana, senza glutine, senza lattosio e senza zuccheri aggiunti.

Preparazione: 15 min Cottura: 25 min Tempo totale: 40 min

Ingredienti
Dosi per: una teglia Ø 28cm

  • Farina di castagne › 300 gr
  • Acqua › 350 ml
  • Pinoli › 30 gr
  • Uvetta sultanina › 60 gr
  • Rosmarino › 1 rametto
  • Olio extravergine di oliva › 1 cucchiaio
  • Sale › un pizzico

Attrezzi e utensili da cucina

  • Setaccio per la farina
  • Padella antiaderente
  • Teglia da forno (28 cm di diametro)

Difficoltà
Facile › 2 su 5

Caratteristiche
Categoria: Dolci
Vegana Senza glutine Senza lattosio

Procedimento

1 Per prima cosa, mettete in ammollo l’uvetta sultanina in una ciotolina d’acqua in modo che l’uvetta rinvenga e si ammorbidisca.

2 Mentre l’uvetta è in ammollo, setacciate la farina di castagne e riversatela all’interno di una ciotola capiente e aggiungete anche un pizzico di sale fino.

3 Versate ora anche l’acqua mescolando con una frusta, oppure con le fruste elettriche, per evitare la formazione di grumi. Otterrete un impasto omogeneo ma abbastanza solido. Se risultasse troppo liquido aggiungete ancora farina e viceversa, se fosse troppo duro, aiutatevi con altra acqua.

4 Tostate i pinoli in padella antiaderente per un paio di minuti stando attenti a non bruciarli. Tenetene un po’ da parte e aggiungete il resto all’impasto assieme a buona parte dell’uvetta sultanina strizzata. Mescolate con cura per incorporare gli ingredienti.

5 Oliate leggermente la teglia da forno, solamente nel caso in cui non sia in silicone, e distribuite l’impasto del castagnaccio al suo interno in modo omogeneo.

6 Decorate la superficie del dolce con il rosmarino, l’uvetta sultanina e i pinoli avanzati. Se lo desiderate, completate con qualche goccia d’olio extravergine di oliva.

7 Infornate il castagnaccio a 200° per 15 minuti, dopodiché alzate la temperatura a 220° e cuocete per altri 10 minuti. Capirete che è pronto quando vedrete formarsi delle piccole crepe sulla superficie scurita. Servite il castagnaccio ancora caldo, magari accompagnato da una calda e aromatica tazza di tè.

Il consiglio
Per ottenere un castagnaccio meno compatto e un po’ più morbido, sostituite parte dell’acqua con altrettanto latte vegetale di riso, soia o mandorla. Per un risultato bilanciato, consigliamo di utilizzare 200 ml di latte vegetale e 150 ml d’acqua.

I benefici degli ingredienti principali

Farina di castagne

Ottenuta dalla macinatura delle castagne, la farina di castagne è una fonte importante di proteine, vitamine e fibre, utile per combattere il colesterolo alto e riequilibrare la flora batterica intestinale. In particolare, la farina di castagne contiene minerali come ferro, potassio, sodio, magnesio e calcio mentre le vitamine presenti sono principalmente le vitamine del gruppo B responsabili del corretto funzionamento del sistema nervoso. La ricchezza di fibre facilita invece il funzionamento corretto del tratto intestinale e gioca un ruolo importante nella riduzione del colesterolo.

Uvetta

L’uva sultanina, o uva passa, è innanzitutto un potente energetico che regala tutti i nutrienti dell’uva, più concentrati. Composta per il 70% da fruttosio, l’uva passa è consigliata a chi pratica sport e necessita di molte energie oltre che agli anemici, per via del suo contenuto di ferro, rame e manganese. Inoltre, grazie alle elevate dosi di minerali e vitamine del gruppo B, combatte efficacemente i sintomi dello stress e della fatica. L’uvetta è altresì ricca di flavonoidi, antiossidanti in grado di proteggere il cervello da patologie importanti come l’Alzheimer. Da ultimo, l’uvetta pulisce l’intestino e previene il cancro al colon.

Pinoli

I pinoli sono i semi edibili di alcune varietà di pino dall’elevato contenuto di proteine e fibre. Piccoli ma preziosi, sono una buona fonte di potassio, vitamine del gruppo B, vitamina E, zinco, calcio, ferro e magnesio. L’insieme delle sostanze preziose contenute nei pinoli rappresenta un serbatoio di salute capace di contrastare il processo di invecchiamento e la formazione di radicali liberi. Il consumo di pinoli, inoltre, aumenta il senso di sazietà donando energia, regola l’attività intestinale e diminuisce il colesterolo cattivo (LDL) proteggendo le arterie.

Rosmarino

Il rosmarino è una pianta aromatica molto ricca di oli essenziali, flavonoidi, tannini, e acidi fenilici tra cui l’acido rosmarinico dalle riconosciute proprietà antiossidanti. Il rosmarino è energizzante, antibatterico e antisettico tanto da essere usato in aromaterapia per curare tosse, raffreddore, febbre e patologie simili. I principi attivi del rosmarino, secondo recenti studi, inibiscono l’anione superossido, un particolare radicale libero responsabile della rapida ossidazione cellulare. Grazie al tannino, inoltre, il rosmarino è indicato per cura della diarrea per via della sua azione astringente.

Il consiglio in più
Potete arricchire ulteriormente il castagnaccio toscano con scorzette d’arancia e limone candite per dare un tocco fresco e agrumato che si sposerà benissimo con uva sultanina, pinoli e rosmarino. E se volete rendere il castagnaccio ancora più fresco inserite nell’impasto un pezzetto di radice di zenzero grattugiata.

Non avete mai provato a fare il castagnaccio in casa e non vedete l’ora di provare la nostra ricetta? Fateci sapere con un commento quanto vi è piaciuto il castagnaccio vegan!

Hai letto: Castagnaccio al forno: la tradizionale torta toscana di castagne
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Martina Tallon
Martina ama tutto ciò che ruota attorno alla natura, la cucina vegana e lo storytelling. Copywriter, blogger e articolista freelance, oltre a collaborare con alcune testate online, gestisce dal 2012 un blog personale dedicato alla cultura e alla cucina vegana in cui racconta le sue esperienze di vita legate al cibo, che si svolgano tra le mura di casa oppure nei ristoranti vegan friendly di tutta Europa. Esperta di cucina vegana sana ma golosa, non smette mai di sperimentare dentro e fuori la cucina. www.vegancucinafelice.it

1 COMMENTO

  1. Mia nonna lo faceva favoloso, ovviamente aggiungendo circa 70 gr di zucchero, olio con soffritto di rosmarino e tanta tanta uvetta!! Lo preparo domani 😍😍😍

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here