Home Ricette Dolci Buccellati: tipici biscotti siciliani con mandorle e fichi secchi

Buccellati: tipici biscotti siciliani con mandorle e fichi secchi

Ultima modifica: 15 gennaio 2018

187
0
CONDIVIDI
Ricetta dei buccellati biscotti natalizi siciliani

Tipici dolci siciliani del periodo natalizio, i buccellati sono dei biscotti di pasta frolla ripieni con un impasto preparato con fichi secchi, mandorle, noci, uva sultanina e cioccolato. Vediamo come si prepara e le proprietà degli ingredienti.

I buccellati sono dei biscotti tradizionali siciliani che si preparano durante il periodo natalizio, quindi ideali da preparare nel mese di dicembre. Il termine buccellato deriva dal latino “buccellatum”, che significa pane da trasformare in buccelli, ossia piccoli bocconi.

Infatti i buccellati sono preparati con una pasta frolla farcita con fichi secchi, uva passa, cioccolato, mandorle, noci e marmellata, che viene arrotolata e poi da essa si tagliano dei piccoli rotolini che verranno infornati.

La ricetta dei buccellati varia da zona a zona della Sicilia, noi vi proponiamo una versione senza strutto, che invece viene molto utilizzato in Sicilia. Al posto dello strutto utilizzeremo l’olio extravergine d’oliva, che li rende più sani e saporiti.

Si tratta di un dolce molto nutriente e sostanzioso, in quanto ricco di frutta secca. Le noci sono preziose per il sistema cardiovascolare e le funzioni del sistema nervoso mentre le mandorle sono ricche di calcio e benefiche per l’apparato gastrointestinale.

I fichi secchi apportano numerose fibre così come l’uvetta sultanina, la quale è anche ricca di antiossidanti e di potassio. La cioccolata favorisce il buonumore e protegge dai danni provocati dai radicali liberi. La ricetta dei buccellati è adatta ai vegetariani e agli intolleranti al lattosio, in quanto è priva di latte e latticini.

Ricetta: Buccellati siciliani con mandorle e fichi secchi


I buccellati sono perfetti per essere preparati durante il periodo di Natale, come vuole la tradizione siciliana. La nostra ricetta può essere consumata dai vegetariani e dai soggetti intolleranti al lattosio.

Preparazione: 30 min Cottura: 20 min Tempo totale: 50 min + 2 ore di riposo in frigo

Ingredienti
Dosi per: 30 porzioni

Per il ripieno:

  • Fichi secchi › 200 gr
  • Mix di mandorle e noci tostate › 200 gr
  • Cioccolato fondente al 70% di cacao › 80 gr
  • Uva sultanina › 50 gr
  • Cacao amaro › 2 cucchiaini
  • Marmellata di pesche o arance › 100 gr
  • Miele d’acacia › 100 gr

Per la pasta frolla:

  • Farina integrale di farro › 500 gr
  • Uova medie › 2
  • Zucchero bruno integrale di canna › 150 gr
  • Olio extravergine d’oliva › 100 gr
  • Latte di miglio › 100 ml
  • Ammoniaca per dolci › 5 gr
  • Lievito per dolci › 1 bustina
  • Sale › Un pizzico
  • Zucchero di canna a velo da spolverare › Un cucchiaio

Attrezzi e utensili da cucina

  • Coltello
  • Tagliere
  • Mattarello
  • Teglia da forno

Difficoltà
Facile › 2 su 5

Caratteristiche
Categoria: Dolci
Vegetariana Senza lattosio

Procedimento

1 Per prima cosa, preparate il ripieno che deve riposare in frigo almeno un paio di ore, meglio se un giorno intero.

2 Riempite una ciotola con dell’acqua e mettete dentro l’uva passa e i fichi in modo che si reidratino per circa 15 minuti.

3 Nel frattempo, su un tagliere, tagliate a pezzetti le noci, le mandorle e il cioccolato fondente.

4 Scolate i fichi e tagliate anch’essi finemente, quindi mettete la frutta secca in una ciotola e aggiungete il miele, la marmellata e il cacao.

5 Impastate bene, coprite con pellicola alimentare e riponete in frigo per far riposare per almeno 2 ore.

6 Adesso preparate la pasta frolla con l’olio, versando in una ciotola tutti gli ingredienti tranne il latte di miglio, che aggiungerete a poco a poco a seconda di quanto ne assorbirà la farina.

7 Impastate fino ad ottenere un panetto liscio e compatto, quindi rivestite la pasta frolla con pellicola alimentare e fate riposare anch’essa in frigo, per almeno un’ora.

8 Dopo il riposo in frigo, prendete la pasta frolla e stendetela con l’aiuto di un mattarello realizzando una sfoglia rettangolare dello spessore di 5 mm, nel frattempo accendete il forno a 180°C.

9 Versate il ripieno di frutta secca al centro della pasta frolla, distribuendolo per lungo; arrotolate la pasta frolla prima da una parte e poi dall’altra, sigillando i due lembi con un velo di acqua.

10 Tagliate con un coltello il salsicciotto di pasta frolla ripiena, formando circa 30 buccellati.

11 Riponete i buccellati su una teglia rivestita da carta forno e infornate in forno caldo a 180° per 15-20 minuti, finchè non si saranno dorati in superficie.

12 Quando sono pronti, fateli raffreddare e decorate cospargendo sulla superficie un cucchiaio di zucchero a velo di canna.

Conservazione

I buccellati si conservano ben chiusi in un contenitore ermetico fino a due settimane.

Valori nutrizionali per porzione

Porzione › circa 50 gr
Calorie › 203 Kilocalorie
Carboidrati › 28,5 gr
Di cui zuccheri › 17,2 gr
Grassi › 9,1 gr
Di cui saturi › 1,7 gr
Fibre › 3,3 gr
Proteine › 4 gr

Il consiglio
La ricetta dei buccellati può essere resa senza glutine, utilizzando farine come quella di grano saraceno, di miglio o di riso. Il ripieno dei buccellati può essere ulteriormente personalizzato, aggiungendo magari della cannella in polvere o dei chiodi di garofano tritati.

I benefici degli ingredienti principali

Farina integrale di farro

La farina integrale di farro aiuta a contrastare l’insorgenza della stipsi, grazie alla buona presenza di fibre. Queste ultime, inoltre, sono in grado di aumentare la sazietà e di ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri, abbassando indirettamente la colesterolemia e la glicemia. Questa farina conferisce un sapore rustico particolare alle preparazioni.

Olio extravergine d’oliva

L’olio extravergine d’oliva è ideale da utilizzare in cottura, in quanto abbastanza resistente alle alte temperature. Inoltre, esso ha una composizione perfetta dal punto di vista salutare in termini di acidi grassi essendo costituito per un 73% da acidi grassi monoinsaturi, per il 14% da grassi saturi e per l’11% da acidi grassi polinsaturi. Grazie ai suoi componenti, l’olio extravergine d’oliva ha azione antiossidante, antitumorale e protettiva nei confronti dell’aumento del colesterolo cattivo.

Fichi secchi

I fichi sono frutti ricchi di zuccheri e di calorie, pertanto molto energizzanti. Sono lassativi, per l’abbondanza di fibre presenti in quantità di circa 10 gr per 100 grammi. I fichi sono anche ricchi di potassio, che contrasta l’ipertensione arteriosa e la ritenzione idrica, di calcio, ottimo per la salute osteoarticolare, e di ferro, che previene l’anemia. Sono molto digeribili e benefici per la gastrite.

Uvetta sultanina

L’uva passa è, come tutta la frutta secca o essiccata, ricca di calorie. Essa, però, è fonte di fibre che stimolano le contrazioni intestinali e di potassio, un importante regolatore della pressione sanguigna ma anche del battito cardiaco. L’uva passa protegge i capillari e l’apparato cardiovascolare, grazie al contenuto di resveratrolo, e presenta anche numerosi antiossidanti.

Cioccolato fondente

Il cioccolato fondente vanta una grande quantità di antiossidanti, preziosi per prevenire i tumori e le patologie cardiovascolari. Per un ottimo cioccolato fondente è necessario acquistarlo con una percentuale di cacao almeno del 70%. Il cacao presente nel cioccolato fondente è un ottimo rimedio per il cattivo umore, in quanto il suo consumo porta ad una maggiore produzione dell’ormone responsabile del buon umore, la serotonina.

Noci

Le noci sono preziose per l’apparato cardiovascolare e per il controllo glicemico, grazie alla presenza di acidi grassi omega 3 che riducono colesterolo cattivo e trigliceridi, e di fibre e proteine che permettono di stabilizzare i livelli di glucosio nel sangue. Anche le noci, come il cioccolato fondente, sono utili per favorire il buonumore, grazie alla presenza di triptofano, una sostanza che nel nostro organismo viene convertita in serotonina.

Mandorle

Le mandorle sono frutti molto proteici e ricchi di fibre, quindi sazianti e stimolanti il transito intestinale. Sono una fonte importante di calcio, essenziale per l’apparato osteoarticolare, e di vitamina E, una vitamina ad azione fortemente antiossidante. Sono molto digeribili e proteggono l’apparato gastroenterico.

Vi è piaciuta la ricetta dei buccellati? Fatecelo sapere nei commenti!

Hai letto: Buccellati: tipici biscotti siciliani con mandorle e fichi secchi
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Barbara Ziparo
Barbara Ziparo è biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi. Appassionata da sempre delle proprietà curative degli alimenti, oggi effettua tirocinio volontario presso il reparto di Nutrizione Clinica di Catanzaro ed esercita la libera professione a Catanzaro e provincia e a Roma, effettuando valutazione dello stato nutrizionale e dei fabbisogni nutritivi ed energetici, percorsi di rieducazione alimentare, elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in particolari condizioni fisiologiche e patologiche. - barbaraziparonutrizionista.blogspot.it/. Per contatti telefonici: 3421474619

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here