Scegliere un abbigliamento sportivo di qualità

Scegliere un abbigliamento sportivo di qualità

0 53

Fare attività fisica è fondamentale per la nostra salute, ma sappiamo scegliere il giusto abbigliamento per queste occasioni?

Molti attribuiscono all’abbigliamento sportivo un’importanza fondamentale dal punto di vista estetico: basta essere alla moda. Spesso non si pensa alla comodità e alla praticità degli indumenti che si ritrovano a contatto con le nostre parti più intime e a quelli adatti agli esercizi da effettuare, quanto, piuttosto ad essere “trend”. Nulla di più sbagliato perché i capi indossati ad esempio in palestra devono innanzitutto essere comodi e lasciare libertà di movimento. Le conseguenze di questo “approccio” alle discipline sportive sono piuttosto fastidiose: se si utilizza un tessuto realizzato prevalentemente in materiale sintetico, esempio, si può facilmente andare incontro a dermatiti, eczemi o reazioni allergiche, soprattutto durante la pratica di sport in cui si suda molto.
Queste problematiche si manifestano con bruciore, prurito e arrossamenti della pelle, ma non solo: una dermatite trascurata o non curata nel modo giusto, può degenerare in una micosi, un’infezione della pelle molto difficile da debellare.

Per molti sportivi infatti, l’allenamento può portare a sviluppare irritazioni, che si verificano quando i batteri naturalmente presenti sulla pelle rimangono intrappolati nei pori per via del sebo e del sudore..

Inoltre, allenamenti troppo duri e stressanti possono potenzialmente creare diversi disturbi alla pelle; in particolare, con la corsa possono verificarsi problemi legati all’insorgenza di funghi ai piedi, acne dovuta all’eccessiva sudorazione e irritazioni varie. Bisogna quindi scegliere il giusto abbigliamento: scarpe devono essere traspiranti, ma anche il tessuto che mettiamo a contatto con la pelle.

Ma cosa ci viene realmente proposto?

In un negozio tradizionale sportivo, l’abbigliamento che è presente è sostanzialmente sintetico: maglie, intimo  e pantaloncini in nylon: questo perché le fibre sintetiche hanno la capacità di mantenere la pelle abbastanza asciutta.

Il risultato è che mettiamo plastica e sottoprodotti del petrolio a contatto con la pelle.

I tessuti sintetici, inoltre, non permettono alla pelle di respirare e creano un effetto di “sigillo” dell’umidità; non essendo fibre “vive” e permeabili, l’umidità costantemente prodotta dal nostro corpo – anche in fase di rilassamento e non solo quando sudiamo – permane tra la pelle e il tessuto stesso, creando l’ambiente adatto per la proliferazione di batteri e microrganismi indesiderati. Figuriamoci quando si pratica sport.

Qual è allora l’abbigliamento giusto per allenarsi?

Sicuramente i “classici” pantaloni o pantaloncini di cotone ampi e comodi vanno benissimo (un’attenzione va data al cotone che sia certificato organico per evitare di avere pesticidi nel tessuto), una magliettina a maniche corte ed una felpa perché nel passaggio da una sala all’altra, sarà bene coprirsi se si è molto sudati, per evitare spiacevoli raffreddori, mal di gola, dolori cervicali, ecc.

D’altronde non è difficile capire come ci si deve vestire quando si fa sport, basta osservare gli istruttori e i personal trainer che lavorano nelle palestre.

Un’altra idea da copiare ai professionisti sportivi è quella di imparare a vestirsi “a strati” in modo da potersi “alleggerire” nel momento in cui ce n’è bisogno. Nella fase del riscaldamento generalmente si fatica poco e quindi si può rimanere coperti, ma quando l’allenamento si fa più intenso, è opportuno liberarsi degli indumenti ingombranti…

Hai letto: Scegliere un abbigliamento sportivo di qualità
Silvia Bulgarelli
Silvia Bulgarelli lavora come Biologa presso H-earth, azienda tessile Toscana che produce tessuti dermocompatibili, frutto della combinazione di fibre naturali dalle particolari qualità. Collabora con aziende che si fanno portavoce di una nuova economia sostenibile che rispetti l'uomo, la sua salute e l'ambiente, producendo e promuovendo prodotti ecologici, quali pannolini lavabili e assorbenti lavabili presso l'azienda toscana GG Innovation. www.h-earth.com www.gginnovationsrl.it

Altri articoli che potrebbero interessarti:

percarbonato di soio

Per il bucato, per le stoviglie, per le pulizie di casa: scopriamo cos'è e come si usa il percarbonato di sodio. Il percarbonato di sodio...

alimentazione vegetariana per sportivi

Parliamo di alimentazione vegetariana e attività sportiva. Qual'è l'alimentazione corretta per chi fa sport non agonistico? Vediamolo in questo articolo. L’ abbinamento “alimentazione corretta” e...

Nessun commento

Rispondi


*

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.