Home Bellezza Trattamenti fai-da-te Collutorio fai da te per gengive che sanguinano

Collutorio fai da te per gengive che sanguinano

Ultima modifica: 12 maggio 2016

2625
0
CONDIVIDI
Collutorio per gengive sensibili

Vediamo come preparare in casa un semplice collutorio a base di ratania e propoli, per gengive sane!

Il collutorio si utilizza per l’igiene della cavità orale. Se avete gengive infiammate che sanguinano, salvo indicazioni diverse del medico o del dentista, potete provare questo collutorio fai da te realizzato con radice di ratania e propoli, reperibili in erboristeria.

Proprietà del collutorio

La radice della ratania è ricca di tannini, ossalati e sostanze astringenti e antinfiammatorie. La ratania ha inoltre proprietà antiemorragiche e antibatteriche ed è utile nel trattamento di gengive che sanguinano spesso.

Usata regolarmente, la radice di ratania evita lo sviluppo di infezioni e infiammazioni che indeboliscono le gengive e che possono degenerare in parodontite; la radice di ratania aiuta quindi a rendere più saldi i denti e rallentano la formazione della placca.

La propoli è un noto prodotto delle api con proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, anestetiche e cicatrizzanti ed è quindi molto utile se si soffre di gengive gonfie, irritate o che sanguinano.

INGREDIENTI
  • Decotto di radice di ratania
    150 ml
  • Estratto idroalcolico di propoli
    30 gocce
PROCEDIMENTO
  • Preparate il decotto di ratania ponendo la radice polverizzata in un pentolino con l’acqua.
  • Portate a bollore, coprite con un coperchio e lasciate in infusione per dieci minuti.
  • Filtrate il decotto e lasciatelo raffreddare, dopodiché unite la propoli e mescolate.

Consigli d’utilizzo

Potete utilizzate il collutorio per effettuare risciacqui della bocca anche tutti i giorni; se dopo una settimana non notate miglioramenti consultate il vostro dentista per escludere patologie serie.

Hai letto: Collutorio fai da te per gengive che sanguinano
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here