Home Alimentazione Mangiare sano Semi di papavero: proprietà, controindicazioni e valori nutrizionali

Semi di papavero: proprietà, controindicazioni e valori nutrizionali

Ultima modifica: 15 novembre 2016

7180
0
CONDIVIDI
Semi di papavero: proprieta e benefici

I semi di papavero possono apportare numerosi benefici all’organismo. Conosciamoli meglio e scopriamo come usarli, dove trovarli, come conservarli e le possibili controindicazioni.

Il nome del papavero, l’erba da cui vengono estratti gli omonimi semi, deriva dal celtico papa, che vuol dire pappa, poiché anticamente c’era l’usanza di aggiungere il suo estratto alla pappa dei bambini al fine di farli addormentare e dormire a lungo; questa pianta, infatti, è nota principalmente per gli effetti sedativi e calmanti.

Proprietà dei semi di papavero

Come tutti i semi oleosi, i semi di papavero sono ricchi di grassi “buoni”, soprattutto acido oleico e acido linoleico, due sostanze note per l’effetto benefico sulla salute cardiovascolare.

Contengono, inoltre, un buon quantitativo di minerali e vitamine, soprattutto calcio, manganese, rame, potassio, ferro, vitamine del gruppo B e vitamina E.
Grazie alle note qualità sedative, i semi di papavero possono essere considerati un rimedio naturale contro ansia, stress e insonnia. Rappresentano una buona fonte di fibre vegetali e sono pertanto utili per preservare la regolare funzionalità intestinale.

I semi di papavero contengono sostanze oppiacee, seppure in minime quantità. Un consumo moderato non dovrebbe comportare problemi, ma non esistono ad oggi prove certe sugli eventuali effetti collaterali su specifiche categorie a rischio, soprattutto donne in gravidanza e bambini sotto i dieci anni. Gli effetti degli alcaloidi contenuti nei semi di papavero vengono ridotti drasticamente mettendo i semi in ammollo, macinandoli o sottoponendoli a temperature elevate. Inoltre, quando vengono consumati con il cibo, questi composti producono un effetto molto più limitato sul sistema nervoso centrale.

Valori nutrizionali per 100g di semi di papavero:
Acqua5,95 g
kcal525
Proteine17,99 g
Grassi41,56 g
di cui saturi4,517 g
Carboidrati28,13 g
di cui zuccheri2,99 g
Fibre19,5 g
Calcio1435 mg
Indice glicemico35
Colesterolo0 g

Come usare i semi di papavero

I semi di papavero sono molto utilizzati soprattutto per arricchire gli impasti di pane, focaccia, grissini e altri prodotti da forno salati, ma anche dolci, e sono un ingrediente tipico della tradizione culinaria tedesca, austriaca e ungherese; sono molto utilizzati anche in Turchia e in Grecia. In Italia sono un ingrediente noto principalmente nella cucina del Trentino.

Un’idea per usare i semi di papavero in cucina può essere quella di aggiungerli al muesli che prepariamo in casa oppure ai frullati. Sono, inoltre, un ingrediente indicato per arricchire risotti, insalate di riso e piatti a base di cous cous; il sapore dei semi di papavero si sposa molto bene soprattutto con quello di agrumi, asparagi e patate.

Dove trovare i semi di papavero

I semi di papavero si trovano facilmente nella grande distribuzione, generalmente negli scaffali dedicati alle spezie e alle erbe aromatiche. In alternativa, si possono acquistare nelle erboristerie, nei negozi specializzati in alimentazione naturale e sui siti web che trattano questi prodotti.

Come conservare i semi di papavero

I semi di papavero si deteriorano facilmente, vanno quindi conservati in vasetti, preferibilmente in vetro, con chiusura ermetica, da stipare in un luogo asciutto, al riparo dalla luce e dal calore. Se tenuti bene, possono essere conservati fino a sei mesi.

Dove trovare i semi di papavero

Semi di Papavero

Hanno un blando effetto sedativo e calmante per il sistema nervoso – vitamine B ed E, calcio, magnesio, ferro e acidi grassi polinsaturi.

Semi di Papavero Bio

I semi di papavero si possono considerare un ottimo rimedio naturale contro stress e ansia perché calmano il sistema nervoso senza effetti collaterali.

ricette di cucina e di cosmesi fai-da-te con semi di papavero:
Hai letto: Semi di papavero: proprietà, controindicazioni e valori nutrizionali
Margherita Russo
Traduttrice, redattrice e blogger specializzata in contenuti per la medicina. Ha un blog, Apprendista mamma, in cui tratta vari temi legati alla maternità, con particolare attenzione a benessere di mamma e bambino. Scrive per portali e blog che si occupano di salute naturale e stile di vita sano.www.testimedici.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here