Home Alimentazione Mangiare sano Ravanelli: piccoli, piccanti e ricchi di benefici

Ravanelli: piccoli, piccanti e ricchi di benefici

Ultima modifica: 27 settembre 2016

14481
4
CONDIVIDI
Ravanelli proprieta e benefici

Piccoli e piccanti i ravanelli sono elementi ricchi di proprietà benefiche per il nostro organismo. Diuretici, disintossicanti e anche rilassanti, possono essere gustati sia crudi che cotti, oppure se ne può assaporare il succo. Scopriamo insieme i ravanelli e le loro proprietà.

I ravanelli sono originari dell’Asia e appartengono alla famiglia delle crucifere. La loro coltivazione interessa tutto il bacino del Mediterraneo e ha tempi molto rapidi. Il periodo migliore è dalla primavera inoltrata fino a settembre, ma si può trovare in vendita tutto l’anno grazie alle moderne tecnologie.

Il nome scientifico è Raphanus sativus. Ne esistono diverse specie, ma quello più diffuso da noi è rosso con polpa bianca e viene solitamente mangiato crudo, anche se nel resto del mondo viene anche cotto.

Il sapore è leggermente piccante ed è possibile mangiare anche le foglie se fresche e non ingiallite. Specifichiamo infatti che dei ravanelli si mangiano solitamente le radici rotonde.

Valori nutrizionali per 100g di ravanelli:
Acqua95,27 g
kcal16
Proteine0,68 g
Grassi0,10 g
di cui saturi0,032 g
Carboidrati3,4 g
di cui zuccheri1,86 g
Fibre1,6 g
Potassio233 mg
Vitamina C14,8 mg
Indice glicemico15
Colesterolo0 g
(fonte USDA)

Ravanelli: proprietà nutrizionali

I ravanelli sono poveri di calorie, solo 16 ogni 100 grammi e ricchi di vitamina C, vitamine del gruppo B, ferro e zolfo. I suoi nutrienti sono fondamentali per il nostro organismo e si consiglia quindi di assumere ravanelli anche ogni giorno in dosi non elevate.
Tra le sue proprietà ricordiamo:

  • Purificante del sangue: i ravanelli contengono molto zolfo il che li rende perfetti come elementi capaci i bilanciare il PH della pelle e allo stesso tempo disintossicare il sangue.
  • Disintossicante: i ravanelli hanno proprietà disintossicanti anche per tutto l’organismo. Associando il succo di ravanello a quello d’ananas (in porzioni 2:1) e assumendolo per un mese intero si ottiene un’azione disintossicante. Il succo di ravanello può essere assunto anche da solo per depurare il fegato. In questo caso basta bere un cucchiaio grande di succo di ravanelli prima di ogni pasto per sfruttarne tutti i benefici.
  • Calmante: i ravanelli contengono sostanze capaci di calmare la tosse, ma anche il sistema nervoso. In questo ultimo caso si consiglia di assumere ogni giorno al mattino un cucchiaio di succo di ravanello puro.

Ravanelli: consigli e curiosità

Si consiglia di acquistare ravanelli dal colore deciso e non troppo grandi perché rischierebbero di essere duri. Le foglie devono essere fresche e non ingiallite. I ravanelli si conservano in frigo anche per 10 giorni basta avere l’accortezza di lavarli accuratamente, asciugarli con un foglio di carta assorbente e metterli in frigo all’interno di un sacchetto di carta per alimenti.

Possono essere centrifugati per assaporarne le sostanze nutritive oppure usati crudi in insalata. 
Forse non tutti sanno che esistono specie di ravanelli che possono raggiungere anche i 50 m! In particolare stiamo parlando del ravanello serpente coltivato a Java che raggiunge i 50 metri di lunghezza. In Cina invece si coltivano ravanelli bianchi dal peso di 2 kg!

Un piccolo consiglio: la ricetta di una insalata depurativa a base di ravanelli. Mescolate foglie di insalata verde a piacere con ravanelli tagliati a piccole rondelle, semi di cumino, foglie di tarassaco, semi di girasole e noci e nocciole tritate. Condire il tutto con un filo d’olio extra vergine di oliva e del succo di limone. Si consiglia di lasciare insaporire l’insalata almeno 30 minuti prima di consumarla.

Con le foglie di ravanelli è possibile creare decotti: lasciarle seccare al sole fino a che non scricchiolano al tatto e usarli per decotti e infusi benefici.

Ravanelli: controindicazioni

I ravanelli sono ricchi di proprietà ma come gran parte delle verdure possono avere qualche piccola controindicazione, tra cui ricordiamo che possono causare flatulenza e irritazione delle mucose intestinali. I ravanelli non sono adatti in caso di gastrite o colite così come in caso di calcoli renali.

Ravanelli: consigli per l’autoproduzione

Semi di Ravanello Flamboyant

Radice cilindrica, lunga circa 6-8 cm, di colore rosso vivo con punta bianca. Indicato per la produzione in serra e pieno campo.

Germogli di Ravanello Rosso

I semi germogliano naturalmente quando si trovano in un ambiente umido o a contatto con l’acqua.

Hai letto: Ravanelli: piccoli, piccanti e ricchi di benefici

4 COMMENTI

    • Buongiorno Luigi, è importante assicurarsi che suo figlio non sia allergico ai ravanelli prima di iniziare l’assunzione dell’infuso.
      Dott.ssa Alessandra Esposito

    • Ciao Barbara,
      ti consigliamo di scegliere prodotti biologici e di mangiarli tranquillamente così come sono, senza togliere la parte esterna, che comunque è ricca di elementi benefici!
      Saluti!

LASCIA UN COMMENTO