Home Alimentazione Mangiare sano Miglio: proprietà, benefici e controindicazioni

Miglio: proprietà, benefici e controindicazioni

Ultima modifica: 24 giugno 2017

71595
0
CONDIVIDI
Scopri tutte le proprietà, i benefici e le controindicazioni del Miglio

Privo di glutine e altamente digeribile, il miglio è un cereale dalle proprietà energizzanti ed è ricco di acido silicico, il quale rinforza pelle e capelli. Conosciamolo meglio e scopriamo perché dovremmo inserirlo nella nostra dieta.

Il miglio è un cereale antico appartenente alla famiglia delle Graminacee, il cui nome botanico è Panicum miliaceum. La pianta del miglio può arrivare fino ad un metro e mezzo di altezza e produce questi piccoli semini lisci, che costituiscono appunto la parte edibile.

Il miglio veniva molto consumato nell’Antica Roma, soprattutto nel Medioevo, periodo in cui il miglio veniva mangiato al posto della carne. Oggi in Occidente è poco diffuso per uso umano, e viene soprattutto usato come mangime per uccelli.

Invece viene largamente utilizzato in Africa e in Asia, soprattutto in India, dove si pensa sia nato questo cereale. Il miglio che si trova in commercio è quello decorticato, ossia privato della cuticola esterna, e questo lo rende meno ricco di fibre ma più veloce da cuocere.

Le proprietà nutritive del miglio sono però davvero tante, motivo per cui dovremmo ricominciare a rivalutarlo come parte integrante della nostra alimentazione. Scopriamole insieme.

Miglio: calorie e valori nutrizionali

Il miglio presenta una quota abbondante di carboidrati, che giustifica anche le sue calorie, 378 per 100 grammi. Ma il miglio è costituito anche da una buona parte di proteine, circa l’11 %, ad alto valore biologico, ossia che presentano amminoacidi che non possono essere sintetizzati dal nostro organismo. Ricordiamo inoltre che il miglio decorticato non contiene glutine.

Valori nutrizionali per 100g di miglio decorticato:
Acqua 8,67 gr
kcal 378
Proteine 11 gr
Grassi 4 gr
Fibre 8,5 gr
Carboidrati 72,8 gr
Calcio 8 mg
Magnesio 114 mg
Potassio 195 mg
Fosforo 285 mg
Ferro 3 mg
Vitamina B1 0,421 mg (30,1% RDA)
Vitamina B2 0,29 mg (18,1% RDA)
Vitamina B3 4,72 mg (26,2% RDA)
Vitamina B5 0,848 mg (14,1% RDA)
Vitamina B6 0,384 mg (19,2% RDA)
Folati 85 µg (42,5% RDA)
Indice glicemico 70
Colesterolo 0 g

Miglio: proprietà nutrizionali

Come abbiamo già detto, il miglio è composto soprattutto da carboidrati ed è piuttosto calorico. Contiene proteine ad elevato valore biologico, superiori rispetto a quelle di altri cereali, con altissima presenza di aminoacidi solforati (cistina, metionina); inoltre le proteine contenute nel miglio sono facilmente assimilabili.

Il miglio è anche un cereale ricco di minerali, soprattutto fosforo, potassio e magnesio e di vitamine del gruppo B in particolare la Tiamina, la Niacina e i folati. Il contenuto in fibre del miglio è utile per aumentare il senso di sazietà e per stimolare il transito intestinale, prevenendo la stipsi e l’insorgenza di tumori intestinali. Una delle sostanze caratterizzanti del miglio è l’acido silicico. Vediamo le caratteristiche di questi nutrienti.

  • Fosforo: il fosforo è un minerale che entra nella costituzione di numerosi proteine ed enzimi, grazie ai quali interviene in vari processi all’interno dell’organismo tra cui la regolazione del pH e la riparazione delle cellule. È anche parte integrante della frazione minerale di ossa e denti. Il contenuto di fosforo del miglio è di 285 mg;
  • Magnesio: una delle azioni principali del magnesio è quella equilibrante sul sistema nervoso, infatti una sua carenza provoca irritabilità e insonnia. Contribuisce a prevenire le malattie cardiovascolari e a regolare la contrattilità muscolare;
  • Tiamina: questa vitamina favorisce l’utilizzazione energetica dei nutrienti ma interviene anche nella regolazione del sistema muscolare e nervoso e del cuore. Grazie a questa vitamina riusciamo a ricavare l’energia per mettere al nostro organismo di svolgere le sue funzioni;
  • Niacina: la vitamina B3 contribuisce a mantenere in salute l’apparato cardiovascolare in quanto essa aumenta i livelli di colesterolo buono mentre riduce quelli di colesterolo cattivo e trigliceridi. Inoltre, possiede una particolare proprietà calmante nei confronti del sistema nervoso. Il miglio fornisce quasi il 30 % di niacina che dovremmo assumere giornalmente;
  • Folati: i folati non sono altro che delle provitamine, ossia dei precursori della vitamina B9, chiamata anche acido folico. Questa vitamina è essenziale per una corretta crescita e riproduzione e per lo sviluppo del sistema nervoso. Partecipa, inoltre, alla sintesi dell’emoglobina, la proteina che è deputata al trasporto dell’ossigeno ai vari tessuti dell’organismo. Il contenuto di folati presente nel miglio è molto alto, soddisfando quasi la metà del fabbisogno giornaliero (rappresenta, infatti, il 42,5 % della razione giornaliera raccomandata);
  • Acido silicico: questa sostanza è in grado di stimolare la produzione di collagene, apportando benefici alla pelle, e di cheratina, rinforzando la struttura dei capelli. Questi effetti sono dimostrati da uno studio condotto qualche anno fa, in cui la somministrazione di acido ortosilicico ha comportato un miglioramento della resistenza e dell’elasticità della pelle e un aumento dello spessore dei capelli.

Miglio: benefici per la salute

La ricchezza nutrienti come fibre, vitamine e acido silicico, conferisce al miglio proprietà antistress, benefici per la salute cardiovascolare e per la bellezza di pelle e capelli. Approfondiamo ora in dettaglio tutti gli effetti benefici del miglio.

✓ Il miglio ricostituente e antistress

Grazie alle sue proprietà nutrizionali, e soprattutto all’abbondante presenza di vitamine del gruppo B e alla ricchezza di minerali, il miglio è un alimento ricostituente ed energizzante; è pertanto consigliato in caso di astenia e in convalescenza. Da sempre, inoltre, è considerato una sorta di antistress naturale. Per questo motivo, il consumo di miglio è consigliato anche per gli studenti o per chi fa un lavoro “mentalmente” stancante, in quanto il fosforo contenuto nel miglio aiuta anche la memoria.

✓ Non contiene glutine

Il miglio decorticato è adatto all’alimentazione dei celiaci o di coloro che sono intolleranti al glutine in quanto è privo di glutine. Esso può quindi essere usato al posto della pasta, così come la sua farina per preparare dolci. Proprio perché priva di glutine, la farina di miglio non è però adatta a preparare pizze o grandi lievitati.

✓ Il miglio alleato dell’apparato gastrointestinale

Grazie all’elevata digeribilità, il miglio è indicato per tutte quelle categorie di persone che hanno bisogno di alimenti facilmente digeribili come anziani, donne il dolce attesa e bambini, ma anche a chi soffre di cattiva digestione o non vuole appesantirsi. La farina di miglio può essere utilizzata per preparare creme e pappe, anche nella fase dello svezzamento.

Svolge un’azione alcalinizzante ed è dunque utile anche per quanti soffrono di acidità di stomaco.

✓ Riduce il colesterolo

La fibra presente nel miglio, insieme alla presenza di niacina, è in grado di contribuire alla riduzione dei livelli di colesterolo cattivo nel sangue aumentando di conseguenza quelli di colesterolo buono. Risulta quindi un alimento utile in caso di colesterolo alto.

✓ Il miglio rinforza unghie e capelli

Il miglio è considerato da sempre un alimento utile alla bellezza di capelli, ciglia, pelle, denti e unghie. L’acido silicico contenuto nel miglio infatti, è in grado di rinforzare le unghie e i capelli in quanto ne irrobustisce la struttura, inoltre migliora la salute della pelle perché stimola anche la produzione di collagene.

Risulta quindi un valido rimedio per ridare vigore ai capelli sfruttati e fragili, oltre che alle unghie deboli. In generale, quindi, il miglio sembra essere un alimento molto utile per la salute degli annessi cutanei.

✓ Previene i calcoli biliari

Grazie alla presenza di fibre insolubili, il consumo regolare di miglio sarebbe in grado di prevenire la formazione di calcoli biliari. Questo avviene perché la fibra, accelerando il transito intestinale, riduce la secrezione di bile. Le fibre insolubili sono abbondanti nei cereali integrali, nei legumi e nella frutta secca.

✓ Favorisce il buonumore

Il miglio è ricco di triptofano, un amminoacido essenziale indispensabile per la produzione di serotonina, l’ormone che promuove il buonumore. Un consumo regolare di miglio, potrebbe quindi esercitare un’efficace azione antistress.

Miglio: come utilizzarlo e consumarlo

Il miglio può essere cucinato come primo piatto sia caldo che freddo. Per la preparazione non è necessario l’ammollo, ma è opportuno lavare accuratamente il cereale sotto acqua corrente, in modo da eliminare le impurità. Successivamente possiamo procedere con la cottura, che va effettuata in acqua per un tempo di circa 20 minuti.

Dal miglio si ricava anche una bevanda molto digeribile e dal sapore neutro e delicato. La farina di miglio può essere utilizzata in torte e biscotti mentre i fiocchi di miglio o il miglio soffiato possono essere consumati per la colazione.

Miglio: controindicazioni e potenziali effetti negativi

Il consumo di miglio non presenta particolari controindicazioni, tranne per chi soffre di intolleranza o allergia individuale.

Curiosità
Nel 1374 il miglio salvò Venezia. Durante l’assedio da parte di Genova, infatti, pare che Venezia si sia salvata proprio grazie alle grosse quantità di miglio che conservava nei propri magazzini.

Conoscevate già tutte queste proprietà del miglio? Come lo preparate solitamente? Raccontateci le vostre esperienze nei commenti!

Dove trovare il miglio e la farina di miglio

Miglio Decorticato Bio

Il Miglio è un cereale naturalmente senza glutine, dal sapore gradevole e delicato apporta numerosi benefici alla nostra salute.

Farina Integrale di Miglio

Farina di miglio ottenuta dalla macinazione a pietra del miglio giallo decorticato, un cereale molto antico originario dell’Asia.

Hai letto: Miglio: proprietà, benefici e controindicazioni
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Barbara Ziparo
Barbara Ziparo è biologa nutrizionista, laureata con 110 e lode in Scienze della Nutrizione Umana, iscritta all’albo dei biologi. Appassionata da sempre delle proprietà curative degli alimenti, oggi effettua tirocinio volontario presso il reparto di Nutrizione Clinica di Catanzaro ed esercita la libera professione a Catanzaro e provincia e a Roma, effettuando valutazione dello stato nutrizionale e dei fabbisogni nutritivi ed energetici, percorsi di rieducazione alimentare, elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in particolari condizioni fisiologiche e patologiche. - barbaraziparonutrizionista.blogspot.it/. Per contatti telefonici: 3421474619

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here